Salute 2 Gennaio 2024 12:55

Il digiuno intermittente modifica cervello e intestino

Il team di ricerca del People’s Liberation Army General Hospital di Pechino ha monitorato per due mesi 25 persone obese di ambo i sessi, con un’età media di 27 anni e un indice di massa corporea compreso tra 28 e 45

Il digiuno intermittente modifica cervello e intestino

Oltre a far perdere peso, il digiuno intermittente cambia la composizione della flora batterica intestinale e modifica l’attività del cervello nelle aree legate all’appetito e alle dipendenze: lo dimostra uno studio su 25 pazienti obesi, condotto in Cina sotto il coordinamento di Qiang Zen,g del People’s Liberation Army General Hospital di Pechino. I risultati, pubblicati sulla rivista Frontiers in Cellular and Infection Microbiology, potrebbero portare a nuove strategie per combattere l’obesità e favorire un buon controllo del peso.

Gli effetti del digiuno sull’asse cervello-intestino

La restrizione energetica intermittente “cambia l’asse cervello-intestino-microbioma umano“, spiega Qiang Zeng. Il suo team lo ha scoperto monitorando per due mesi 25 persone obese di ambo i sessi, con un’età media di 27 anni e un indice di massa corporea compreso tra 28 e 45. Nei primi 32 giorni, i pazienti hanno ricevuto pasti personalizzati con un contenuto calorico che diminuiva gradualmente fino a un quarto del loro apporto energetico di base. Per i 30 giorni seguenti hanno invece ricevuto un elenco di alimenti consigliati per un totale di 500 calorie al giorno per le donne e 600 calorie al giorno per gli uomini.

L’ausilio della risonanza magnetica funzionale

Alla fine dello studio, il loro peso corporeo era diminuito in media di 7,6 chilogrammi (ovvero del 7,8%). Come previsto, avevano subito una riduzione del grasso corporeo e della circonferenza vita. Allo stesso modo erano calati anche i valori della pressione arteriosa, del glucosio plasmatico a digiuno, del colesterolo e dei principali enzimi epatici: questi dati suggeriscono che la dieta aiuta a ridurre le comorbilità legate all’obesità come ipertensione, iperlipidemia e disfunzione epatica. Attraverso la risonanza magnetica funzionale, gli studiosi hanno osservato che dopo il digiuno intermittente si riduce l’attività nelle regioni cerebrali implicate nella regolazione dell’appetito e della dipendenza. A livello del microbioma intestinale, invece, aumentano i batteri Faecalibacterium prausnitzii, Parabacteroides distasonis e Bacterokles uniformis, mentre si riduce la presenza dell’Escherichia coli.

Il ruolo dei batteri

Ulteriori analisi hanno mostrato che l’abbondanza di batteri E. coli, Coprococcus ed Eubacterium hallii era associata negativamente all’attività di una regione cerebrale nota per il suo ruolo chiave nelle funzioni esecutive, inclusa la volontà di perdere peso. Al contrario, l’abbondanza dei batteri P. distasonis e Flavonifractor plautii era correlata positivamente con l’attività delle regioni cerebrali associate all’attenzione, all’inibizione motoria, all’emozione e all’apprendimento. Il prossimo obiettivo dei ricercatori sarà capire il meccanismo che mette in comunicazione il microbioma intestinale e il cervello nelle persone obese, anche durante la dieta e la perdita di peso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...