Salute 3 Febbraio 2015

Giro di vite su tagli e ticket, meno sprechi per tutelare le fasce deboli

Intervista al senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, membro della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama

Immagine articolo

In vista dell’approvazione dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, si scaldano gli animi su quante e quali prestazioni saranno a carico del Ssn o viceversa dei cittadini.

Alla luce dei ventilati tagli al fondo sanitario nazionale il problema principale riguarda l’intera sostenibilità del sistema, la cui diatriba sui ticket è solo la punta dell’iceberg. Il nostro giornale ha sentito, sul tema, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, membro della 12° Commissione Igiene e Sanità.

La questione dei ticket sta animando il dibattito, che risulta particolarmente acceso anche in seguito alla sua recente interrogazione.
E’ in realtà un dibattito che non riguarda solo il ticket ma l’intero ambito della sanità, dalle fonti di finanziamento alla necessità che il nostro Sistema sanitario – che è uno dei migliori al mondo – regga alle sfide del tempo e superi la crisi economica. Dal momento che il nostro Ssn è basato sui principi di universalità, solidarietà ed equità, non vorremmo che i tagli fatti dal governo sul Fondo sanitario nazionale, finiscano, attraverso il sistema di compartecipazione, per essere pagati dai cittadini. Il sistema di compartecipazione in sé è giusto, ma deve essere improntato a principi di proporzionalità. Ci sono sempre più cittadini costretti a rinunciare alle cure perché non possono pagare il ticket. Il Parlamento dev’essere coinvolto e deve potersi esprimere sul tema, per questo ho interrogato il ministro della Salute e il ministro dell’Economia chiedendo loro di riferire in Commissione Sanità le loro intenzioni in tal senso.

La priorità è quindi tutelare le fasce più deboli, e conseguire quel tanto agognato risparmio di spesa estirpando le mele marce.
Non possiamo chiedere che i cittadini paghino senza prima impegnarci in una seria repressione delle frodi e  degli sprechi. Poi potremo eventualmente pensare ad una compartecipazione che segua il principio della progressione del reddito, valutando l’esenzione per tutti coloro che versano in difficoltà. Maggiormente rilevante è la posizione delle fasce di reddito più basse insieme ai profili più esposti al rischio: gli anziani, i bambini, i disabili, i portatori di patologie croniche e di malattie rare, che rappresentano la porzione più vulnerabile della nostra società. Alle ipotesi di nuovi oneri a carico dei cittadini reagiremo in modo netto e determinato. Le forbici non devono tagliare i diritti, ma gli sperperi, le inefficienze e la corruzione.

Tags

Articoli correlati
Tubercolosi e migranti, Galli (Simit): «Il problema sono le condizioni di vita, non il paese di appartenenza»
Massimo Galli, Professore Ordinario Malattie Infettive Università degli Studi di Milano e Presidente della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) ha voluto far chiarezza sul contenuto di una sua intervista di qualche giorno fa in cui si parlava di migranti e tubercolosi. Di seguito la precisazione: «Dopo aver constatato che era stato sintetizzato male […]
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
A scuola di HTA: si apre a Torino il corso Sifo per farmacisti ospedalieri
L’Health Technology Assessment (HTA) è quell’approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia attraverso la valutazione di più dimensioni quali l’efficacia, la sicurezza, i costi, l’impatto sociale e organizzativo. Questo approccio all’interno dei sistemi sanitari valuta gli effetti reali e/o potenziali della tecnologia durante tutto […]
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
De Luca in visita al Pronto soccorso del CTO di Napoli
Mercoledì, 19 giugno, alle ore 11.00, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, visiterà il Pronto soccorso dell’Ospedale CTO, in viale Colli Aminei 21 a Napoli ad un anno dall’apertura. Successivamente, presso l’Aula Magna dell’espedale, saranno presentati i dati relativi al primo anno di attività del Pronto soccorso. All’evento saranno presenti i vertici dell’Azienda […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...