Salute 29 Novembre 2019 14:12

Fragilità, Gianmario Gazzi (CNOAS): «Crisi familiari spesso incidono su salute del bambino»

Alla Conferenza sulla Fragilità nell’ambito del Forum Risk Management l’intervento del presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali che partecipa al tavolo congiunto con le altre Federazioni sanitarie: «Garantire professionalità sinergiche e adeguate a favore dei cittadini e del loro diritto alla salute»

La fragilità in Italia è in costante aumento. È una delle considerazioni che sono emerse dalla prima Conferenza nazionale sulla Fragilità che si è svolta nell’ambito del 14° Forum Risk Management di Firenze. Ruolo fondamentale in questo ambito lo giocano gli assistenti sociali che hanno il compito di aiutare e accompagnare le famiglie in difficoltà e tutelare i diritti dei minori: «Le crisi familiari, le difficoltà dei genitori spesso riverberano sulla salute del bambino» sottolinea a Sanità Informazione Gianmario Gazzi, Presidente del CNOAS, Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, anche lui tra i relatori della Conferenza. Gli assistenti sociali sono entrati nel tavolo permanente di consultazione tra il Ministero della Salute e le Federazioni delle professioni sanitarie.

Presidente, si è svolta al Forum la Conferenza sulla Fragilità. Che ruolo gioca l’assistente sociale?

«Parlare di fragilità significa non parlare solo del singolo soggetto fragile ma anche di quello che può fare l’ambiente e di tutte le risorse istituzionali e informali che ci sono attorno all’individuo. L’assistente sociale fa proprio questo: ricuce il tessuto intorno a quel soggetto fragile per proteggerlo, accompagnarlo e soprattutto per dare dignità alla persona e garantire i suoi diritti».

Anche i minori sono un soggetto ‘fragile’, addirittura ci sono di minori, anche neonati, che rischiano la vita per overdose. Il vostro ruolo è fondamentale…

«Il ruolo della professione in questo campo è noto. Noi abbiamo lo scopo di accompagnare la fragilità delle famiglie, della genitorialità e di garantire a quei minorenni di crescere in un ambiente capace di tutelarli e farli crescere nel miglior modo possibile. Le crisi familiari, le difficoltà dei genitori spesso riverberano sulla salute del bambino. In un approccio che deve vedere tutti insieme, comunità professioni e assistenti sociali ma non solo tutti orientati verso il benessere del bambino e l’accompagnamento di quella famiglia».

A proposito di lavoro interdisciplinare, voi avete avviato insieme alle altre federazioni delle professioni sanitarie un tavolo congiunto che ha visto il plauso del Ministro Speranza. Come procede questo lavoro?

«Prosegue e dovrà proseguire nei prossimi mesi e anni anche in collaborazione con il ministero proprio per garantire professionalità sinergiche e adeguate a favore dei cittadini e del loro diritto alla salute che è un diritto costituzionale che solo tramite la formazione e dei professionisti tutti insieme deve esser garantito»

Articoli correlati
«Nelle Case e negli Ospedali di Comunità manca il sociale». La denuncia del presidente CNOAS Gianmario Gazzi
Nei due pilastri della riforma della sanità territoriale prevista dal PNRR, secondo il presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, l’assistente sociale è solo “fortemente raccomandato” e comunque è in carico ai servizi comunali. Sul Reddito di Cittadinanza spiega: «Va rivisto ma tenuto, tutti i paesi europei hanno una misura di contrasto alla povertà»
di Francesco Torre
Pandemia e non solo: firmato protocollo d’intesa FNOPI-CNOAS
Oggi a Roma sottoscritta l'intesa tra la Federazione degli Infermieri e l’Ordine degli Assistenti Sociali
«Diritti, fragilità, cure: la riforma del SSN passa dall’innovazione tecnologica»
di Laila Perciballi, Referente rapporti con la Cittadinanza della FNO TSRM E PSTRP e Componente Comitato scientifico ASSD
di Laila Perciballi, Referente rapporti con la Cittadinanza della FNO TSRM E PSTRP
Assistenti sociali, l’allarme del CNOAS: «Età media in sanità è più di 50 anni, serve ricambio generazionale. Sfruttare PNRR»
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali festeggia l’ingresso nel ruolo sociosanitario della professione. La responsabile Sanità Mirella Silvani: «Ora declinare bene quali sono le funzioni, le attività, le competenze di chi entra a far parte di questo ruolo»
Carnevali (Pd): «Riconosciuto il diritto al corretto nome dell’inquadramento di assistenti sociali, sociologi ed OSS»
«La Camera dei deputati in sede di conversione del decreto “Sostegni bis” ha approvato l’emendamento, a mia prima firma, che riconosce finalmente il giusto inquadramento normativo agli assistenti sociali, sociologi ed operatori sociosanitari dipendenti del SSN istituendo, così, il ruolo sociosanitario ed affrancandoli dalla vetusta e inidonea collocazione nel ruolo tecnico, in cui erano confinati […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi