Salute 25 Settembre 2019 09:15

Eutanasia, 4mila medici cattolici pronti all’obiezione di coscienza. Attesa per la decisione della Consulta

«Il codice deontologico e la prassi medica – ricorda il vicepresidente Amci Giuseppe Battimelli – non prevedono di favorire in qualsiasi caso la richiesta di morte del paziente». Prevista per oggi pomeriggio la decisione dei giudici della Consulta sulla punibilità dell’aiuto al suicidio

Eutanasia, 4mila medici cattolici pronti all’obiezione di coscienza. Attesa per la decisione della Consulta

L’Associazione medici cattolici italiani (Amci) è pronta in blocco, con tutti i suoi 4mila camici bianchi aderenti, a optare per l’obiezione di coscienza, qualora la Corte Costituzionale si pronunciasse sulla legalità del suicidio medicalmente assistito o concedesse altro tempo al Parlamento e questo dovesse legiferare aprendo alla pratica. «E non si tratta solo di un orientamento religioso che vieta di perseguire una simile pratica – precisa all’AdnKronos Salute il vicepresidente Amci Giuseppe Battimelli – ma di un fatto deontologico che riguarda tutti i medici, come affermato più volte dalla Federazione degli Ordini FNOMCeO che ha ribadito la sua contrarietà».

«Il codice deontologico e la prassi medica – ricorda Battimelli – non prevedono di favorire in qualsiasi caso la richiesta di morte del paziente, e questo non vuol dire che i malati gravi non debbano essere accompagnati nel fine vita attraverso le cure palliative e tutte le possibilità scientifiche, professionali e umane in nostro possesso. Si dà la giusta dignità senza nessun accanimento terapeutico».

LEGGI: PAPA FRANCESCO INCONTRA FNOMCEO: «NON PERDERE DI VISTA DIGNITÀ E FRAGILITÀ DEL MALATO». E LANCIA APPELLO CONTRO EUTANASIA

Don Patriciello riflette sul tema delicato e controverso del fine vita partendo anche dalla sua esperienza personale: «Mi rendo conto che le sofferenze possano spingere una persona ammalata, magari in un momento di sconforto, a desiderare la morte, ma non posso accettare una legge che sancisca questa decisione estrema. Penso che, anche nei casi disperati, una soluzione positiva sia sempre possibile e lo dico per esperienza personale. Dieci anni fa, infatti, ero certo che sarei morto di leucemia, quando la malattia inspiegabilmente regredì. Oggi sto bene e lo devo, oltre che ai medici, all’aiuto divino. Insomma, non bisogna mai perdere la speranza e la forza di lottare contro il male. È questo il messaggio lasciato da Nadia».

Prevista per oggi pomeriggio la decisione dei giudici della Consulta sulla punibilità dell’aiuto al suicidio. I giudici dovranno pronunciarsi sulla legittimità dell’articolo 580 del Codice penale – che punisce l’istigazione o l’aiuto al suicidio con pene tra i 5 e i 12 anni di carcere – sollevata dalla Corte d’Assise di Milano nell’ambito del processo Cappato/Dj Fabo.

Articoli correlati
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
Eutanasia, Dl Riaperture e Sostegni bis, la settimana in Parlamento
Importanti audizioni in Commissione Affari Sociale sul disegno di legge sull’eutanasia: tra gli auditi il presidente del Comitato nazionale per la Bioetica Lorenzo D’Avack. Arriva in Aula alla Camera il Dl Riaperture
Eutanasia, presentato il testo base: condizioni per l’accesso e ruolo del medico. E la politica si divide
In Commissione Giustizia e Affari Sociali di Montecitorio i relatori Bazoli e Provenza hanno presentato il testo base che fa proprie le indicazioni della Consulta. Sportiello (M5S): «Colmare vuoto normativo, si tratta di diritti e di civiltà». Ma Turri (Lega) scrive a Fico: «Centrodestra senza relatori»
Suicidio assistito, eutanasia e rinuncia ai trattamenti salvavita: ecco cosa si può fare e cosa è vietato in Italia
Gobber (SICP): «Con la sentenza n.242 del 2019 la Corte Costituzionale aveva chiesto al Parlamento di legiferare in materia di suicidio assistito. Ad oggi, in Italia, resta una pratica illegale. È, invece, del tutto legittimo che il paziente rinunci a qualsiasi intervento sanitario, anche salvavita»
di Isabella Faggiano
Consulta Società Scientifiche di area psicologica: «Serve risposta ai bisogni della popolazione»
AI lavori hanno preso parte i rappresentanti di 19 società scientifiche. «Per dare una risposta immediata al disagio, quella dei voucher è una delle vie più rapide e percorribili» ha spiegato il presidente CNOP David Lazzari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM