Salute 26 Marzo 2020

Di Covid-19 muoiono solo gli anziani? In Italia deceduti 17 trentenni, 57 quarantenni, 220 cinquantenni e 680 sessantenni

Sono 6.205 gli operatori sanitari contagiati. Le donne si infettano meno degli uomini e sopravvivono molto di più. Le informazioni dell’Istituto Superiore di Sanità aggiornate al 25 marzo

Immagine articolo

Ogni giorno l’Istituto Superiore di Sanità aggiorna un’infografica con le principali informazioni sulle persone coinvolte dal Coronavirus. Se i numeri di contagiati, guariti e deceduti in Italia vengono snocciolati quotidianamente dalla Protezione civile in un rituale atteso da tutta Italia, è l’ISS a dirci chi sono, quei pazienti.

LEGGI ANCHE: LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS IN TEMPO REALE NEL MONDO E IN ITALIA

Scopriamo allora che l’età media dei 67.814 casi è 63 anni: di questi, l’1,1% ha tra 0 e 18 anni, il 25% tra i 19 e i 50, il 36,1% tra 51 e 70 ed il 37,8% ha più di 70 anni.

Viene poi evidenziato che 6.205 casi di Covid-19 sono operatori sanitari, con un simpatico asterisco che specifica che «il dato non è riferito al luogo di esposizione ma alla professione». Frase che, quando nei giorni scorsi è stata pronunciata in conferenza stampa da un esponente dell’ISS, ha dato vita a non poche polemiche.

Sappiamo che il 57,8% dei casi è maschio ed il 42,2% è femmina e che solo il 29,1% dei deceduti (al 23 marzo) è donna. Inoltre, le donne decedute dopo aver contratto l’infezione da Covid-19 hanno un’età più alta rispetto agli uomini (in media, 82 anni rispetto ai 78 degli uomini). Altri elementi, questi, di indubbio interesse per gli studiosi, che darà probabilmente adito a numerose ricerche nei prossimi mesi.

E poi, in una tabella, vengono riportati il numero e la percentuale dei deceduti divisi per fasce di età: se tra 0 e 29 anni non si sono registrate morti a causa del Coronavirus, dai 30 anni in poi i numeri crescono progressivamente. Sono 17 i trentenni deceduti, 57 i quarantenni, 220 i cinquantenni, 680 i sessantenni, 2.180 i settantenni, 2.456 gli ottantenni e 547 gli ultranovantenni.

Nelle infografiche quotidiane, non viene specificato il quadro clinico dei soggetti deceduti, informazione che viene tuttavia comunicata in un documento di analisi dei dati più esteso, pubblicato ogni martedì e venerdì. L’ultimo disponibile risale al 24 marzo, e da esso emerge che «tra i soggetti deceduti complessivamente è stata segnalata almeno una co-morbidità nel 88% dei casi. 

In particolare, da un’analisi pubblicata lo scorso 24 marzo su 514 deceduti dei quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche, emerge che il 74,7% soffriva di ipertensione arteriosa, il 30,5% di diabete mellito, il 24,5% di cardiopatia ischemica, il 23,5% di fibrillazione atriale, il 23,2% di insufficienza renale cronica, il 17,9% aveva avuto negli ultimi 5 anni un cancro attivo, il 19,1% soffriva di BPCO, il 17,5% di demenza, il 12,5% aveva avuto un ictus ed il 4,9% soffriva di epatopatia cronica. Dei 514 soggetti analizzati (di cui tuttavia non conosciamo l’età media), 7 non presentavano alcuna patologia preesistente, 110 presentavano una patologia, 134 due patologie e 263 avevano 3 o più patologie.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Tamponi e test sugli anticorpi, il ruolo dei laboratori privati nella lotta al Covid-19
Le amministrazioni locali reclutano i centri dotati di biologia molecolare. Lamberti (presidente Federlab): «Impensabile far fronte all’emergenza senza schierare tutta la forza laboratoristica presente in Italia»
La richiesta delle forze dell’Ordine al Governo: «Fateci i tamponi». Risposta positiva solo da Veneto e Lombardia
Stefano Paoloni (Segretario Nazionale Sap): «Agenti dichiarati sospetti Covid-19 senza aver fatto loro il tampone, mentre nelle pattuglie solo un agente può indossare la mascherina. Non si può andare in guerra a mani nude»
di Federica Bosco
Convalescenza post Covid-19, come fare per riprendersi pienamente?
Ideati ad Ancona i Protocolli di Educazione terapeutica dedicati alle persone in fase di recupero post-infezione, con il patrocinio della Simfer, la società scientifica dei fisiatri italiani
La difficile Giornata Mondiale dell’Autismo ai tempi del Coronavirus
Sono giorni duri per le famiglie delle persone con disturbi dello spettro autistico. De Martis (ANGSA): «Ci sono famiglie che stanno saltando, preparare Asl e istituzioni a scenari di straordinarietà». Bonsignori (FIA): «Non siete soli, ma ora dobbiamo capire se abbiamo lavorato bene» 
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 1 aprile: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 80.572 persone […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...