Salute 27 Giugno 2024 16:26

Demenza: la ‘pancetta’ ne aumenta il rischio, anche in chi è snello

Per lo studio sono stati utilizzati i dati di risonanze magnetiche addominali e cerebrali provenienti da una coorte di adulti contenuti nella biobanca del Regno Unito, per un totale di 17.377 persone con un’età media di 63 anni

di I.F.
Demenza: la ‘pancetta’ ne aumenta il rischio, anche in chi è snello

Essere snelli non significa godere necessariamente di buona salute, quella mentale compresa. Anche le persone ‘apparentemente’ magre, infatti, devono fare attenzione al grasso viscerale: se distribuito attorno agli organi – inclusi stomaco, fegato e intestino  – potrebbe aumentare il rischio di demenza. A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes Obesity and Metabolism e guidato dall’australiana Monash University di Melbourne. Ricerche precedenti avevano associato il grasso viscerale ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. L’ultimo avvertimento è arrivato dalla Simi, la Società Italiana di Medicina Interna che ha svelato come le donne con accumulo di grasso sul girovita fossero più a rischio di sviluppare pre-diabete o diabete e, di conseguenza, di incorrere in eventi cardiovascolari.

I partecipanti allo studio

Lo scopo dei ricercatori della Monash University di Melbourne, invece, è stato quello di esaminare le associazioni tra tessuto adiposo viscerale e misure strutturali del cervello in persone di mezza età. In particolare, sono stati utilizzati i dati di risonanze magnetiche addominali e cerebrali provenienti da una coorte di adulti contenuti nella biobanca del Regno Unito. Sono risultati disponibili i dati completi di 17.377 persone con un’età media di 63 anni. I recenti risultati della ricerca australiana si aggiungono, dunque, alle crescenti  evidenze secondo cui i processi infiammatori che colpiscono il cervello, considerati segnali importanti di forme di demenza,  possono essere legati al grasso viscerale, il tipo più pericoloso di tessuto adiposo, definito anche ‘grasso nascosto’. “È emerso così – concludono i ricercatori  – che il grasso nascosto attorno  agli organi è associato a ridotte dimensione del cervello, con un effetto più pronunciato negli uomini, soprattutto se la  circonferenza di vita di 102 centimetri”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...