Salute 21 Ottobre 2022 16:23

Congresso Internazionale CEDH: il trattamento del disagio psicologico nella gen-C

Tassone (CEDH): «Tra i temi al centro del Congresso i nuovi codici per la cura dei bambini e degli adolescenti del XXI secolo, le risposte in oncologia pediatrica, per i disturbi ginecologici, le fobie scolari, la sindrome dermo-respiratoria e molti altri»

«Non chiamatela gen-Z, ma gen-C, ovvero generazione-Creatività. Perché è proprio la creatività l’ingrediente che nella vita dei bambini e giovani d’oggi non può assolutamente mancare». A proporre il nuovo acronimo è il dottor Olivier Revol, psichiatra infantile, primario di psicopatologia pediatrica, presso l’Hospices Civils de Lyon, in Francia, durante i lavori d’apertura del decimo Congresso Internazionale CEDH (Centre d’Enseignement et de Développement de l’Homéopathie), in corso a Roma dal 21 al 22 ottobre.

La gen-C

Il dottor Revol ha fotografato le abitudini degli adolescenti e soprattutto le differenze con le generazioni che li hanno preceduti. «È solo comprendendo i nuovi codici con cui i giovani d’oggi comunicano che è possibile curarli in modo efficace – assicura lo psichiatra infantile -. Non possiamo pensare di alleviare le loro sofferenze con gli stessi metodi utilizzati cinquant’anni fa».

Il Congresso Internazionale CEDH

E non è un caso, dunque, se proprio l’adolescenza, con le sue mutate esigenze, è uno dei temi al centro del Congresso CEDH. L’evento internazionale coinvolge oltre 500 professionisti della salute, provenienti da 22 paesi, tra cui Stati Uniti, Colombia, Spagna, Romania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Francia, Tunisia, Belgio e Italia. «La conferenza affronta numerosi temi – commenta Martine Tassone, direttore medico e didattico CEDH -, tra cui i nuovi codici per la cura dei bambini e adolescenti del XXI secolo, l’oncologia pediatrica, i disturbi ginecologici, le fobie scolari, la sindrome dermo-respiratoria e molti altri».

Gli effetti collaterali del Covid-19

Durante queste due giornate ampio spazio sarà dedicato anche all’impatto che la pandemia da Covid-19 ha avuto sulla salute dei bambini. «L’emergenza sanitaria globale che abbiamo vissuto in questi ultimi due anni non ha creato nuovi disagi e disturbi piscologici tra bambini e adolescenti, ma ha fatto emergere quelli già preesistenti – racconta Revol -. Prima che il Covid-19 ci costringesse a rinchiuderci nelle nostre case, infatti, i giovani avevano trovato delle attività, ludiche o sportive, dei diversivi, su cui scaricare eventuali frustrazioni». I casi di depressione nel mondo sono più che raddoppiati, passando da quasi il 13% ad oltre il 25. È duplicato pure il numero di persone che ha richiesto una prima visita per il trattamento di disturbi del comportamento alimentare. Ancora, sono aumentati i tentativi di suicidio e gli atti di autolesionismo.

L’omeopatia per il trattamento del disagio psicologico

Ed è proprio per invertire questa rotta che gli esperti del CEDH hanno illustrato i contributi dell’omeopatia per il trattamento del disagio psicologico dell’adolescenza. Chi soffre di post-Covid o long-Covid ha spesso disturbi del sonno. «Che si tratti di difficoltà ad addormentarsi, oppure di risvegli nel cuore della notte o troppo presto al mattino, l’omeopatia offre risposte concrete – spiega la dottoressa Olfa Harzallah, medico di medicina generale, omeopata a Monstir in Tunisia -. Tuttavia, è doveroso sottolineare che per poter prescrivere una terapia omeopatica completa è necessario conoscere ogni dettaglio, sia della storia clinica del paziente che del singolo disturbo da trattare. Per fare un esempio, per curare un paziente che abbia frequenti risvegli notturni è necessario conoscere gli orari in cui questi si verificano, gli stati d’animo che ne scaturiscono e analizzare anche l’accaduto delle ore precedenti».

Giovani a rischio dipendenze

Sono numerose le soluzioni omeopatiche anche per i comportamenti a rischio dipendenze che possono verificarsi tra i giovani. «Se i disturbi che si presentano durante l’infanzia o in adolescenza non vengono trattati in modo precoce, questi individui rischiano di diventare degli adulti non realizzati – avverte Merril Galera, medico di medicina generale, omeopata di Oakbrooke negli USA -. Grazie all’omeopatia è possibile trattare comportamenti impulsivi, ossessivi, perfezionismo, iperattività, ipersessualità e tanti altri disturbi e disagi che spesso emergono in giovane età. E non solo. L’omeopatia ci offre anche rimedi immediati, come ad esempio quelli da utilizzare per lenire gli effetti negativi di una sbornia», aggiunge Galera.

L’importanza delle evidenze scientifiche

Accanto ai simposi e alle relazioni plenarie su tematiche di salute di stretta attualità, una forte rilevanza viene data anche alla ricerca in omeopatia. «C’è chi la ama e chi la odia: per questo l’omeopatia può apparire controversa e generare accesi dibattiti – dice Rachel Roberts dell’Homeopathy Research Institute (HRI) di Londra -. Chi l’attacca spesso sostiene che non esistono studi scientifici per dimostrarne il meccanismo d’azione e che, tutt’al più, le si può attribuire un effetto placebo. Eppure, esistono dati significativi a sostegno di prove scientifiche. La ricerca in omeopatia è un campo relativamente nuovo, che si avvale di metodi scientifici rigorosi. Si tratta di un campo in piena ascesa che suscita grande interesse».

Il CEDH

Ad animare il CEDH ci sono oltre 150 formatori in tutto il mondo: «Fondata nel 1972, la scuola ha l’obiettivo di trasmettere ai professionisti della salute le conoscenze e gli strumenti necessari per la pratica quotidiana dell’omeopatia – dice la dottoressa Martine Tassone -. Oggi siamo presenti in 28 paesi, compreso l’Italia, Paese in cui siamo approdati nel 2014; il CEDH rappresenta il maggiore centro di formazione in omeopatia del mondo. Da 50 anni, i 162 medici docenti del CEDH hanno formato circa 45 mila professionisti della salute». Nel mondo, più di 200 mila professionisti della salute e 300 milioni di persone ricorrono all’omeopatia, di cui 10 milioni solo in Italia. «Ora – conclude Tassone -, l’ambizione del CEDH è consentire a tutti i professionisti della salute di integrare l’omeopatia nella loro pratica quotidiana».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa