Salute 19 Giugno 2019

Cifosi, in dieci anni aumento del 700% tra i bambini. Sotto accusa smartphone, tablet e pc

L’allarme lanciato da SIOT, SITOP e SIGM. Carlo Ruosi (past president SIGM): «Non si insegna al bambino a mantenere un assetto corretto delle spalle e del tronco, quando scrive, quando mangia, quando guarda la televisione e specialmente quando sta su smartphone e tablet  la colonna vertebrale si deforma». Ma è possibile correre ai ripari

di Federica Bosco

In dieci anni sono aumentati del 700% i casi di cifosi tra i bambini delle scuole primarie. A lanciare il grido di allarme sono la Società italiana di Ortopedia e Traumatologia SIOT, la Società italiana Ortopedia e Traumatologia Pediatrica SITOP, la Società italiana Ginnastica Medica e Rieducazione motoria SIGM. Sotto accusa tablet, smartphone e Pc. Questa mattina a Milano i massimi esperti del settore hanno presentato i risultati di una ricerca che evidenzia una vera e propria bomba sociale.  Il numero eccessivo di ore giornaliere che i bambini sin dai tre o quattro anni trascorrono piegati in avanti per giocare su Ipad e tablet è causa di questo disturbo troppo spesso sottovalutato.

«Gli atteggiamenti cifotici sono determinati dall’uso del tablet, i famosi ‘baby sitter elettronici’ che vengono utilizzati per far calmare i bambini – spiega il Professor Francesco Falez Presidente Società Italiana Ortopedia e Traumatologia SIOT, Head Department Orthopaedic and Traumatology ASL RM1 Chief Surgeon Ospedali Santo Spirito in Sassia & San Filippo Neri Roma – in realtà determinano atteggiamenti posturali non adeguati».

LEGGI ANCHE: NON SOLO ANSIA E DEPRESSIONE. TUTTI I PROBLEMI DI SALUTE LEGATI ALL’USO ECCESSIVO DEL CELLULARE

Posture scorrette che possono degenerare con l’età e che sono associate appunto all’eccessivo uso di dispositivi elettronici. Queste posizioni sono responsabili in moltissimi casi di incurvamento della colonna vertebrale del bambino, maschio o femmina, che non riesce a mantenere la posizione corretta del tronco e delle spalle, sia seduto che in piedi.

«Il problema dei bambini a questa età – analizza il Professor Carlo Ruosi, Docente di Ortopedia e Traumatologia all’Università Federico II di Napoli, Responsabile del Centro Scoliosi dell’Università Federico II di Napoli e Responsabile C.d.A. della Società Italiana Chirurgia Vertebrale e Gruppo Scoliosi srl nonché Past President SIGM(Società italiana Ginnastica Medica e Rieducazione Motoria) – è che le vertebre sono molto fragili, perché all’interno contengono tanta cartilagine, quindi succede che se questa posizione non viene eliminata e non si insegna al bambino a mantenere un assetto corretto delle spalle e del tronco, quando scrive, quando mangia, quando guarda la televisione e specialmente quando sta su smartphone  e tablet  la colonna vertebrale si deforma. Da un atteggiamento cifotico, assolutamente correggibile, diventa una cifosi strutturata che è una patologia vera e propria e che può essere curata solo con apparecchi ortopedici, come corsetti; quindi è importante che i genitori valutino da subito questa tendenza a stare in anteposizione del tronco e delle spalle perché, se questo succede e il bambino non tende ad aprire le spalle e a stare in una posizione corretta, va consultato immediatamente un ortopedico. La cifosi e l’atteggiamento cifotico sono correggibili e modificabili, al contrario la scoliosi, che è una deviazione laterale della colonna vertebrale insieme ad una torsione, non lo è. Questa patologia si manifesta con sporgenze della gabbia toracica, con asimmetria del bacino e dei fianchi, grandi sporgenze posteriori quando il paziente si flette in avanti. la scoliosi che è su base genetica, non potrà essere modificata né da attività sportive, né da ginnastica, per cui è importante che la scoliosi venga identificata il più velocemente possibile, in modo da applicare subito un corsetto correttivo».

Articoli correlati
Specializzazioni, Emanuele Spina (SIGM): «Riprogrammare gli accessi in base alle reali esigenze di salute del Paese»
«Troppi giovani in fuga dal settore pubblico, fondamentale migliorarne la competitività» sottolinea il presidente del Segretariato Italiano Giovani Medici. E sul Decreto Calabria: «Ruoli confusi e poche tutele, rischiamo che gli specializzandi facciano da tappabuchi»
Una donna su tre nella terza età si ammala di osteoporosi. Falez (SIOT): «Oggi è la più grande piaga sociale»
Secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della sanità a rischio sono principalmente le donne bianche, sopra i 65 anni e con struttura corporea esile
di Federica Bosco
Chirurgia Vertebrale: a Bologna il Memorial Patrizio Parisini
Un meeting scientifico per ricordare, a dieci anni dalla sua scomparsa, il chirurgo Patrizio Parisini, che ha diretto per 18 anni la Divisione di Chirurgia Ortopedica traumatologica vertebrale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. L’appuntamento con il “Memorial Patrizio Parisini” – organizzato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli e dalla Società scientifica SICV&GIS – è per il 23 e […]
GastroReumatologia, al 5°Congresso SIGR presentato registro nazionale spondiloartriti enteropatiche
Tra le novità della 5° edizione del Congresso nazionale SIGR (Società italiana di GastroReumatologia) tenutosi dal 12 al 13 ottobre a Roma, c’è la presentazione dei dati raccolti dal progetto SIGR: Registro Nazionale Spondiloartriti Enteropatiche. «Le malattie gastro-reumatologiche colpiscono circa un milione di persone in Italia. Il Registro è un ambizioso e complesso progetto, validato […]
Come sarà l’ospedale del futuro? Andrea Silenzi (SIMM): «Medici e intelligenza artificiale lavoreranno insieme»
«Servono nuove competenze per gestire il progresso». L’intervista al Presidente della Società Giovani Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...