Salute 27 Gennaio 2015

OMCeO d’Italia: l’Ordine che non cambia, età media alta e donne in minoranza

Confermato il 75% dei presidenti per il prossimo triennio. Il presidente FNOMCeO Bianco: “Rispecchiata la realtà professionale italiana, ma cerchiamo di creare un ponte con i giovani”

Immagine articolo

Un rinnovo senza stravolgimenti. Scaduti i mandati triennali, le elezioni per i nuovi organigrammi degli OMCeO non hanno fatto registrare particolari sorprese. Si è andato al voto in 103 Ordini sui 106 totali: il 75% dei presidenti è stato confermato ed i 29 avvicendamenti rientrano nella media.

Così come non sono mutate altre due forti connotazioni: l’età media e la prevalenza di uomini. L’età media rimane ancora molto alta: 63 anni tra i presidenti (43 il più giovane ed 84 il più anziano) e 57 tra i consiglieri, con appena 21 under 30 su un totale di 1583. Riguardo il genere ora ci sono sei donne-presidente, quattro in più rispetto tre anni fa con una percentuale del 6% che si alza al 18 per le vice-presidenti, al 17% per le tesoriere e fino al 20% nei Consigli. Resta però il dato significativo del 77% degli OMCeO in cui la presenza femminile non supera le 4 unità. Sanità Informazione ha analizzato questi numeri con il presidente FNOMCeO, il senatore Amedeo Bianco.

Presidente Bianco, gli Ordini italiani si sono appena rinnovati. Sembra però che permanga un’età media alta e un deficit sulle quote rosa.
Sì, l’età si mantiene medio-alta, rispecchiando quella della realtà professionale italiana che vota, partecipa e si propone in questi organi. Questo crea un gap non trascurabile. C’è stata una crescita della componente femminile – simbolica nelle cariche di vertice, più concreta nei Consigli Direttivi e delle Commissioni – e alcuni Ordini, anche medio-grandi, come Pescara e Torino, hanno registrato una parità tra elementi maschili e femminili. Da questi dati scaturiscono importanti riflessioni. In primo luogo sull’evidente difficoltà di inserire giovani all’interno degli organi direttivi provinciali. In secondo luogo su una certa resistenza ad accentuare la componente femminile, a fronte di una popolazione attiva medica che presenta invece una sostanziale parità di genere. Su questo dobbiamo ancora lavorare.

Con un’età media così alta non c’è il rischio di vedere poco ottimizzato l’utilizzo delle nuove tecnologie?
Non so quanto sia automatica l’equazione tra l’essere giovani e l’essere più aperti alle nuove tecnologie. Quel che è certo è che l’invecchiamento della popolazione professionale ha i suoi pro e i suoi contro. Tra i pro, lo sviluppo di competenze, fondamentale in una professione che sostanzialmente si impara sul campo in maniera costante. In questo senso l’anzianità è garanzia di “sapienza”: sapere, saper essere e saper fare. E’ indubbio però che si scontano alcuni stereotipi culturali rispetto alle grosse innovazioni.

Ad ogni modo, nonostante la prevalenza di una componente anziana, i nuovi Ordini saranno attenti alle esigenze dei medici del futuro?
Certo, anche se purtroppo, per una serie di responsabilità condivise, l’accesso al mondo del lavoro è traumatico per i medici. Il primo trauma è proprio la carenza di lavoro. Ciò genera sfiducia – o peggio indifferenza – anche verso le forme di rappresentanza e di intermediazione, che spesso vengono tacciate di voler conservare chi c’è a discapito di chi cerca di entrare. Così non è, perché le condizioni del mercato del lavoro non le generano “gli anziani”. Ma è davvero difficile gettare un ponte tra le attese deluse di questo critico e disincantato approccio al mondo del lavoro, ed una realtà professionale obiettivamente stratificata su fasce d’età medio-alta. Dal canto nostro ci stiamo lavorando, ma non è facile, soprattutto nelle condizioni in cui versa il nostro Paese. Non si investe più nella speranza quando potrebbe essere una carta vincente per il rilancio.

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
Effetto primavera: migliorano le abitudini salutari degli italiani. Lo dice l’App Healthy Virtuoso
Secondo Virtuoso, l’applicazione gratuita che incentiva e remunera le persone che mantengono uno stile di vita salutare, l’exploit è evidente: gli italiani, in media, hanno registrato un aumento di oltre 2000 passi giornalieri e 110 minuti mensili di attività fisica rispetto alla stagione invernale. Un totale di 125 Miliardi di passi in più, l’equivalente di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...