Salute 27 gennaio 2015

OMCeO d’Italia: l’Ordine che non cambia, età media alta e donne in minoranza

Confermato il 75% dei presidenti per il prossimo triennio. Il presidente FNOMCeO Bianco: “Rispecchiata la realtà professionale italiana, ma cerchiamo di creare un ponte con i giovani”

Immagine articolo

Un rinnovo senza stravolgimenti. Scaduti i mandati triennali, le elezioni per i nuovi organigrammi degli OMCeO non hanno fatto registrare particolari sorprese. Si è andato al voto in 103 Ordini sui 106 totali: il 75% dei presidenti è stato confermato ed i 29 avvicendamenti rientrano nella media.

Così come non sono mutate altre due forti connotazioni: l’età media e la prevalenza di uomini. L’età media rimane ancora molto alta: 63 anni tra i presidenti (43 il più giovane ed 84 il più anziano) e 57 tra i consiglieri, con appena 21 under 30 su un totale di 1583. Riguardo il genere ora ci sono sei donne-presidente, quattro in più rispetto tre anni fa con una percentuale del 6% che si alza al 18 per le vice-presidenti, al 17% per le tesoriere e fino al 20% nei Consigli. Resta però il dato significativo del 77% degli OMCeO in cui la presenza femminile non supera le 4 unità. Sanità Informazione ha analizzato questi numeri con il presidente FNOMCeO, il senatore Amedeo Bianco.

Presidente Bianco, gli Ordini italiani si sono appena rinnovati. Sembra però che permanga un’età media alta e un deficit sulle quote rosa.
Sì, l’età si mantiene medio-alta, rispecchiando quella della realtà professionale italiana che vota, partecipa e si propone in questi organi. Questo crea un gap non trascurabile. C’è stata una crescita della componente femminile – simbolica nelle cariche di vertice, più concreta nei Consigli Direttivi e delle Commissioni – e alcuni Ordini, anche medio-grandi, come Pescara e Torino, hanno registrato una parità tra elementi maschili e femminili. Da questi dati scaturiscono importanti riflessioni. In primo luogo sull’evidente difficoltà di inserire giovani all’interno degli organi direttivi provinciali. In secondo luogo su una certa resistenza ad accentuare la componente femminile, a fronte di una popolazione attiva medica che presenta invece una sostanziale parità di genere. Su questo dobbiamo ancora lavorare.

Con un’età media così alta non c’è il rischio di vedere poco ottimizzato l’utilizzo delle nuove tecnologie?
Non so quanto sia automatica l’equazione tra l’essere giovani e l’essere più aperti alle nuove tecnologie. Quel che è certo è che l’invecchiamento della popolazione professionale ha i suoi pro e i suoi contro. Tra i pro, lo sviluppo di competenze, fondamentale in una professione che sostanzialmente si impara sul campo in maniera costante. In questo senso l’anzianità è garanzia di “sapienza”: sapere, saper essere e saper fare. E’ indubbio però che si scontano alcuni stereotipi culturali rispetto alle grosse innovazioni.

Ad ogni modo, nonostante la prevalenza di una componente anziana, i nuovi Ordini saranno attenti alle esigenze dei medici del futuro?
Certo, anche se purtroppo, per una serie di responsabilità condivise, l’accesso al mondo del lavoro è traumatico per i medici. Il primo trauma è proprio la carenza di lavoro. Ciò genera sfiducia – o peggio indifferenza – anche verso le forme di rappresentanza e di intermediazione, che spesso vengono tacciate di voler conservare chi c’è a discapito di chi cerca di entrare. Così non è, perché le condizioni del mercato del lavoro non le generano “gli anziani”. Ma è davvero difficile gettare un ponte tra le attese deluse di questo critico e disincantato approccio al mondo del lavoro, ed una realtà professionale obiettivamente stratificata su fasce d’età medio-alta. Dal canto nostro ci stiamo lavorando, ma non è facile, soprattutto nelle condizioni in cui versa il nostro Paese. Non si investe più nella speranza quando potrebbe essere una carta vincente per il rilancio.

Articoli correlati
Nutrizione e salute, Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa entro il 2050. Così salviamo salute e pianeta
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Neoplasie ematologiche, 33mila italiani colpiti ogni anno da tumore del sangue, ma mortalità ridotta grazie a nuove terapie
I maggiori esperti di fama internazionale nel campo dell’ematologia oncologica e non riuniti a Bologna dal 14 al 16 febbraio per presentare tutte le novità e i progressi livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mieloma multiplo
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Integrazione, Foad Aodi (Amsi e Co-mai): «Il 10% dei figli della seconda generazione soffre di crisi di identità»
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie, composte da coppie miste. La situazione è sempre […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...