Professioni Sanitarie 28 Dicembre 2021 09:14

Radiologia domiciliare e rinnovo delle apparecchiature diagnostiche, TSRM protagonisti della sanità del futuro

Parla Carmela Galdieri, presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Radiologia Medica: «Rimodernare il parco macchine all’interno delle aziende permetterebbe di ottenere dei risultati migliori sia per l’esame stesso che per la riduzione della dose di esposizione dalle apparecchiature che utilizzano radiazioni»

Dalla radiologia domiciliare al rinnovamento delle apparecchiature per la diagnostica. I Tecnici Sanitari di Radiologia Medica sono destinati a giocare un ruolo da protagonisti nella sanità del futuro grazie anche alle riforme contenute nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Del resto, i dati comunicati recentemente da Confindustria Dispositivi Medici parlano chiaro: sono 18mila le apparecchiature di diagnostica per immagini obsolete, come risonanze magnetiche, Pet, Tac, angiografi e mammografi.

Il 71% dei mammografi convenzionali ha superato i 10 anni di età, il 69% delle Pet ha almeno 5 anni. Per questo con il PNRR si punta ad acquistare e collaudare 2648 grandi apparecchiature sanitarie e digitalizzare 184 strutture sanitarie sede di Dea con un totale di 3,41 miliardi. Una opportunità che trova il plauso anche di Carmela Galdieri, presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici sanitari di Radiologia Medica.

Presidente, una delle sfide del futuro è quella della radiologia domiciliare…

«Come Commissione d’Albo nazionale ci stiamo lavorando da tempo. Abbiamo visto quanto sia importante la radiologia domiciliare durante il periodo pandemico. Andare a casa del paziente, e soprattutto del paziente fragile, è nostro compito e nostro dovere. In questo modo riusciamo a raggiungere quei pazienti che non sono in grado di recarsi in ospedale. Così diamo il nostro contributo alla riduzione delle presenze nei Pronto soccorso evitando che si intasino. Anche sulla teleradiologia stiamo lavorando: ci sono dei tavoli di avori, si sta lavorando anche nel PNRR. È indispensabile che in tutta Italia, non solo in alcune regioni, ci sia questo supporto».

Nelle realtà italiane dove viene sperimentata, sta funzionando bene la radiologia domiciliare?

«Stanno funzionando e anche molto bene. Ne abbiamo un esempio a Torino dove la radiologia domiciliare è nata. Ci sono altre realtà, come in Lombardia, ed è nostro compito portarle avanti».

Un altro tema è quello del rinnovamento delle apparecchiature diagnostiche che in Italia sono mediamente piuttosto obsolete…

«Da questo punto di vista stiamo lavorando come CdA nazionale. Abbiamo partecipato a dei tavoli in cui si parlava di questa necessità di rimodernare il parco macchine all’interno delle aziende. Questo permetterebbe di ottenere dei risultati migliori sia per l’esame stesso che per la riduzione della dose di esposizione dalle apparecchiature che utilizzano radiazioni. Sicuramente è un vantaggio per tutti, per l’operatore, ma soprattutto per il paziente. Nel PNRR questo è una dei punti fondamentali: permettere a tutte le strutture sanitarie di ottenere delle apparecchiature di ultima generazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
TSRM, verso il voto per la CdA nazionale. La lista “Progresso” lancia cinque punti per lo sviluppo della professione dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica
Il 26-27-28 settembre si svolgeranno le elezioni per le Commissioni d’Albo nazionali delle 19 professioni afferenti all’Ordine TSRM e PSTRP. La Lista di TSRM “Progresso” ha lanciato un percorso partecipativo e mette al centro la valorizzazione delle professione e la formazione
«L’importanza del tecnico sanitario di radiologia medica nella lotta al Covid-19»
di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica
di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica
TSRM e radioprotezione, varato il D.Lgs. 101 sulle norme fondamentali di sicurezza. FNO TSRM e PSTRP: «Figura ne esce rafforzata»
La nuova normativa inerente i principi generali di radioprotezione, nella sezione che riguarda le esposizioni mediche, supera il paradigma pre legge 42/99 che aveva fortemente caratterizzato il decreto legislativo 187/2000, verso il nuovo modello organizzativo fondato sul lavoro d’équipe, la competenza dei professionisti, il rispetto delle autonomie, l’interdisciplinarità, le procedure, i protocolli (algoritmi decisionali)
«Ecco perché la radiologia domiciliare può rappresentare un’arma in più contro il Covid-19»
Più territorio e meno ospedale. È uno degli slogan più gettonati nel corso di questa coda della pandemia da Covid-19: l’emergenza ha infatti messo sotto stress il Sistema sanitario nazionale e premiato quelle regioni che hanno puntato sulla medicina di territorio. Ora però dagli slogan è necessario passare ai fatti, considerando anche il possibile arrivo […]
di Andrea Lenza, Presidente CdA TSRM Roma e Provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre