Professioni Sanitarie 22 Febbraio 2022 10:32

Nuovo tariffario Lea. Trenti (SIBioC): «Va modificato. È una minaccia alla qualità della medicina di laboratorio»

Le tariffe inadeguate, Trenti (SIBioC): «È eclatante il caso del pap-test il cui costo è passato da 12 a 1,2 euro. Speriamo si tratti di un errore di virgola». La SIBioC si propone come interlocutore tecnico e scientifico per un’accurata revisione del Decreto

Meno risorse destinate agli esami di laboratorio e poca valorizzazione dei professionisti che vi lavorano all’interno. Sono questi i principali rischi che secondo la Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica-Medicina di Laboratorio (SIBioC) deriverebbero dall’approvazione del nuovo decreto sulla definizione delle tariffe dell’assistenza specialistica ambulatoriale, in fase di approvazione alla Conferenza Stato Regioni.

I rischi del nuovo decreto

«I servizi di medicina di laboratorio rischierebbero di essere trasformati in commodity, in beni acquistabili senza tener conto della loro qualità e il lavoro dei professionisti sarebbe completamente svalutato», spiega Tommaso Trenti, presidente della SIBioC. La società scientifica ha rivolto il suo appello direttamente al Ministero della Salute ed alle istituzioni competenti inviando una lettera scritta in cui evidenzia le incongruenze e le criticità del nuovo tariffario presentato alle Regioni.

«Sì alla revisione, no all’impoverimento»

«La SIBioC – sottolinea il presidente Trenti – è assolutamente favorevole alla revisione dei Lea, soprattutto se questo significa introdurre nuovi esami diagnostici utili cittadini. Siamo ugualmente favorevoli anche alle revisioni delle tariffe se motivate da un adeguamento all’introduzione di nuove tecnologie e nuove modalità operative di esecuzione degli esami. Ma di fronte ad un evidente impoverimento dei nostri servizi non possiamo restare a guardare», aggiunge Trenti.

La svalorizzazione della professione

Sarebbero circa trenta le tariffe ritenute completamente inadeguate. «È eclatante il caso del pap-test il cui costo è passato da 12 a 1,2 euro. Speriamo si tratti di un errore di virgola e non della reale intenzione di svalutare questo esame che per essere eseguito necessita di un impegno professionale importante». Svalorizzare il costo delle singole prestazioni significa diminuire anche il valore del lavoro dei professionisti che le eseguono. «Se un esame viene pagato meno è inevitabile che i servizi offerti al cittadino siano di minore qualità – sottolinea il presidente della Società Scientifica -. L’esame di laboratorio verrebbe trasformato in una merce semplice, paragonabile a tutti quei prodotti presenti sul mercato a cui si accede scegliendo quello a minor prezzo. Le perdite in un laboratorio di grandi dimensioni, se questo nuovo tariffario dovesse diventare operativo, sono stimate intorno al 53%».

La SIBioC come interlocutore tecnico e scientifico

Per scongiurare che il nuovo tariffario possa avere conseguenze sui professionisti di categoria, sulle prestazioni che erogano e sulla qualità dei servizi offerti ai cittadini la SIBioC si propone come interlocutore tecnico e scientifico. «Siamo disponibili ad offrire tutto il nostro supporto alle istituzioni di competenza affinché il Decreto possa essere rivisto e corretto alla luce delle criticità che abbiamo rilevato. Accogliere le nostre istanze – conclude il presidente Trenti – significa innanzitutto tutelare l’interesse di sua dei pazienti affetti da ogni tipo di patologia, che la salute generale di tutti i cittadini italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Educazione sessuale, il ruolo dell’ostetrica. Vaccari (FNOPO): «Sensibilizzare alla diversità di genere sin dalle scuole materne»
La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della […]
Terapisti occupazionali, Congresso 2022. Casa, scuola, tempo libero e lavoro: l’importanza degli “Ambienti di vita”
Il Modello Kawa, Parone (AITO): «La vita è un fiume: l’acqua è l’energia vitale dell’individuo, il letto del fiume è la sua rete sociale, le rocce sono i problemi e le sfide, i detriti sono i beni e le responsabilità. Gli spazi che si formano tra queste strutture rappresentano i punti di intervento della terapia occupazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...