Professioni Sanitarie 9 Aprile 2020 17:31

Covid19, maxi Ordine professioni sanitarie contesta esclusione da Fondo di solidarietà per vittime

«È riprovevole constatare che le nostre Istituzioni, seppur più volte allertate, hanno escluso la maggior parte delle professioni sanitarie dalle iniziative di solidarietà in favore delle vittime della pandemia Covid-19» sottolinea il Presidente del maxi Ordine Alessandro Beux

«La Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, è profondamente ferita dalla illegittima e incostituzionale esclusione della maggior parte delle professioni sanitarie dal fondo per i familiari delle vittime di Covid-19. Auspichiamo che il Legislatore vi ponga rimedio immediatamente». Così, in una nota, il Presidente della FNO TSRM e PSTRP Alessandro Beux.

«È riprovevole constatare che le nostre Istituzioni, seppur più volte allertate, hanno escluso la maggior parte delle professioni sanitarie dalle iniziative di solidarietà in favore delle vittime della pandemia Covid-19. È intollerabile che lo Stato distingua tra vittime di serie A e vittime di Serie B», continua la nota.

«Assurdo dover rivendicare l’ovvio – afferma Alessandro Beux – ma non si può tacere di fronte a tali scempi del diritto e del rispetto della dignità e della vita umana».

«Tra i professionisti impegnati nel contrasto al Covid-19 abbiamo registrato 7 morti: 3 Educatori professionali, 2 Tecnici di radiologia, 1 Tecnico di laboratorio e una Fisioterapista. Meno di altre professioni, ma pur sempre morti nell’esercizio della professione, per la stessa esposizione, per la stessa patologia».

«Quando il fondo sarà istituito, i famigliari di queste vittime non potranno accedervi perché le professioni alle quali appartenevano non sono contemplate dalla legge. Da settimane abbiamo intrapreso una campagna di sensibilizzazione proprio al fine di prevenire le possibili conseguenze negative di una comunicazione e rappresentazione parziale della realtà».

«Delle due l’una: o l’Onorevole Faraone, primo firmatario dell’emendamento all’art. 22 dell’AS n. 1766, conversione in legge del DL 17 marzo 2020, n.18 sapeva e ha scelto di prevedere il fondo di solidarietà solo per medici, infermieri e OSS, oppure ha scritto il testo dell’emendamento senza conoscere il mondo professionale per cui l’ha pensato, trasformando una buona e condivisibile intenzione in uno scempio. In entrambi i casi, ha sbagliato. Ma hanno sbagliato anche gli altri firmatari dell’emendamento e i Componenti della Commissione Bilancio del Senato che l’hanno votato così come gli è stato presentato».

«Eppure non è così difficile avere una rappresentazione corretta del mondo professionale che opera in sanità, basta fare riferimento alle apposite pagine del sito del Ministero della salute; o confrontarsi preventivamente con chi, come il Ministero della salute e gli Ordini professionali di riferimento, può supportare il Legislatore».

«Subito dopo, in linea con le istanze trasmesse con le note del 25 marzo e del 7 Aprile, -commenta l’avv. Laila Perciballi, referente della Federazione per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine – ci si aspetta la costituzione di un apposito tavolo di conciliazione, e relativa procedura, al fine di disincentivare azioni giudiziali rendendo obbligatoria preliminarmente la domanda di accesso al medesimo istituto».

Articoli correlati
Il Consiglio di Stato: «L’Oss non è una professione sanitaria». Il Migep: «La partita è ancora aperta»
Quattro gli obiettivi che la Federazione Migep OSS e il sindacato Shc OSS intendono raggiungere con coesione tra tutti gli operatori: istituire un registro nazionale, comporre un tavolo tecnico, inaugurare un osservatorio e rivedere la formazione
di Isabella Faggiano
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM