Politica 28 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, Maria Teresa Bellucci (Fratelli d’Italia): «Vigileremo su decreti attuativi maxiemendamento, riconoscimento sia in base a merito e formazione»

L’esponente della Commissione Affari Sociali ha partecipato al convegno sui 20 anni della legge 42 del 1999 e ha ribadito l’impegno contro ogni sanatoria: «La sanità e la salute in genere non può essere un gioco, non si può scherzare. C’è ancora molto da fare per far sì che la salute possa essere vista come una sanità plurale in cui ci sono diverse professionalità che entrano in gioco e collaborino»

«Controlleremo i decreti attuativi del governo per far sì che effettivamente il riconoscimento di una professione sanitaria sia caratterizzato dal merito, dalle capacità acquisite nel percorso di studi, di formazione e dall’esperienza». L’onorevole Maria Teresa Bellucci, psicoterapeuta, deputato di Fratelli d’Italia e membro della Commissione Affari Sociali, è stata tra i protagonisti della grande ‘festa’ delle professioni sanitarie che hanno festeggiato alla Nuova Aula dei Gruppi parlamentari i 20 anni della legge 42 del 1999, vero spartiacque nella disciplina di questo settore. Il gruppo di Fratelli d’Italia ha contestato la norma inserita nell’ultima legge di bilancio che prevede che chi ha svolto una professione sanitaria per 36 mesi negli ultimi dieci anni, anche non continuativamente e in modo dipendente o autonomo, possa continuare a farlo iscrivendosi entro il 2019 a un albo speciale. «Abbiamo fatto approvare un Ordine del giorno», spiega Bellucci a Sanità Informazione, «il maxi emendamento ha messo a rischio la qualità della salute, la tutela della salute degli italiani e delle professioni sanitarie».

Onorevole, le professioni sanitarie hanno festeggiato i 20 anni dalla legge 42 del 1999. Nella legge di Bilancio però ci sono state delle misure che per alcuni hanno segnato un passo indietro rispetto alla legge che ha istituito l’Ordine multi -albo. Voi di Fratelli d’Italia vi siete opposti…

«Il maxi emendamento ha messo a rischio la qualità della salute, la tutela della salute degli italiani e delle professioni sanitarie. Come Fratelli d’Italia siamo intervenuti, presentando prima un emendamento, poi successivamente un Ordine del giorno per aiutare il governo a far sì che quel riconoscimento che passava per criteri soltanto quantitativi e quindi legati solo al numero di anni di esercizio in quella professione nella quale si voleva l’ingresso potesse vedere, insieme agli aspetti quantitativi, anche gli aspetti qualitativi come il percorso di formazione, l’inquadramento professionale, la retribuzione riconosciuta negli anni. La sanità e la salute in genere non può essere un gioco, non si può scherzare. Bisogna tutelarla in tutti i modi e quindi come Fratelli d’Italia ci siamo stati. Il nostro ordine del giorno è stato approvato. Ovviamente non è un risultato conclusivo, bisognerà vedere e monitorare i decreti attuativi del governo e far sì che effettivamente il riconoscimento di una professione sanitaria sia caratterizzato dal merito, dalle capacità acquisite nel percorso di studi, di formazione e di esperienza».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, IL DDL DI MARIA TERESA BELLUCCI (FDI): «TROPPI NON DENUNCIANO. SERVE FORMAZIONE E SUPPORTO LEGALE E PSICOLOGICO ALLE VITTIME»

L’anno scorso è stato istituito l’Ordine delle professioni sanitarie. Secondo lei che ruolo giocheranno i professionisti sanitari nel Sistema sanitario nazionale?

«Il riconoscimento dell’Ordine è un passo fondamentale perché l’Ordine ha il compito di garantire gli aspetti deontologici, la qualità, il percorso di formazione, quindi avrà un ruolo fondamentale nel garantire la salute degli italiani. Rispetto a questo ancora molto c’è da fare per far sì che la salute possa essere vista come una sanità plurale in cui ci sono diverse professionalità che entrano in gioco, che collaborano ognuno con la propria specificità, ognuno con le proprie caratteristiche, un rapporto di collaborazione e di condivisione costante».

Articoli correlati
Logopedisti, Rossetto (Fli): «Oltre 11mila gli iscritti all’Albo ma rispetto alla Francia siamo tre volte meno. Ora potenziare percorso formativo»
La presidente della Federazione logopedisti italiani spiega l’importanza della creazione del maxi Ordine TSRM e PSTRP: «È un obiettivo che abbiamo perseguito fin dal nostro primo statuto, avere un albo nazionale dove il cittadino possa essere sicuro di avere un professionista iscritto con i requisiti che lo qualificano e che lo abilitano»
Professioni sanitarie, Capaccioli (Vice Presidente TSRM e PSTRP): «Aggiornamento fondamentale, possibili percorsi formativi specifici»
Il Presidente dell'Ordine interprovinciale di Firenze, presente al primo Congresso nazionale di Rimini, sottolinea: «Insieme alle altre professioni sanitarie siamo la terza forza dopo medici e infermieri»
Congresso TSRM e PSTRP, parla Sergio Venturi: «Serve nuovo Patto tra professionisti della salute»
Dopo le polemiche della settimana scorsa torna a parlare l’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna: «Serve più clinica per i medici, più responsabilità per le professioni sanitarie. Sono sicuro che il Ministro della Salute partirà proprio da qui per dare vita a una grande conferenza nazionale per avviare questo processo»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Morti sul lavoro, l’allarme dell’Ordine TSRM e PSTRP: «Servizi a rischio, in tre anni 35% addetti alla vigilanza delle Asl andrà in pensione»
Dal Congresso di Rimini del maxi Ordine delle professioni sanitarie arriva un grido d’allarme: «Occorre fare una grande opera di investimento pubblico perché la prevenzione deve iniziare con azioni di formazione fin dalle scuole, di ogni ordine e grado, considerando che i nostri figli e i nostri nipoti saranno i lavoratori e i datori di lavoro di domani»
Ex ministro Lorenzin al Congresso TSRM e PSTRP: «Ordine strumento innovativo. Ora serve un grande sito a misura di cittadino»
L’ex ministro della Salute è stata protagonista del primo Congresso del maxi Ordine nato con la legge 3 del 2018: «E’ stata una legge difficile da portare a casa perché c’era da mettere insieme veramente tanti aspetti diversi e anche superare molte paure, ma oggi il risultato che è stato raggiunto è straordinario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...