Politica 28 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, Maria Teresa Bellucci (Fratelli d’Italia): «Vigileremo su decreti attuativi maxiemendamento, riconoscimento sia in base a merito e formazione»

L’esponente della Commissione Affari Sociali ha partecipato al convegno sui 20 anni della legge 42 del 1999 e ha ribadito l’impegno contro ogni sanatoria: «La sanità e la salute in genere non può essere un gioco, non si può scherzare. C’è ancora molto da fare per far sì che la salute possa essere vista come una sanità plurale in cui ci sono diverse professionalità che entrano in gioco e collaborino»

«Controlleremo i decreti attuativi del governo per far sì che effettivamente il riconoscimento di una professione sanitaria sia caratterizzato dal merito, dalle capacità acquisite nel percorso di studi, di formazione e dall’esperienza». L’onorevole Maria Teresa Bellucci, psicoterapeuta, deputato di Fratelli d’Italia e membro della Commissione Affari Sociali, è stata tra i protagonisti della grande ‘festa’ delle professioni sanitarie che hanno festeggiato alla Nuova Aula dei Gruppi parlamentari i 20 anni della legge 42 del 1999, vero spartiacque nella disciplina di questo settore. Il gruppo di Fratelli d’Italia ha contestato la norma inserita nell’ultima legge di bilancio che prevede che chi ha svolto una professione sanitaria per 36 mesi negli ultimi dieci anni, anche non continuativamente e in modo dipendente o autonomo, possa continuare a farlo iscrivendosi entro il 2019 a un albo speciale. «Abbiamo fatto approvare un Ordine del giorno», spiega Bellucci a Sanità Informazione, «il maxi emendamento ha messo a rischio la qualità della salute, la tutela della salute degli italiani e delle professioni sanitarie».

Onorevole, le professioni sanitarie hanno festeggiato i 20 anni dalla legge 42 del 1999. Nella legge di Bilancio però ci sono state delle misure che per alcuni hanno segnato un passo indietro rispetto alla legge che ha istituito l’Ordine multi -albo. Voi di Fratelli d’Italia vi siete opposti…

«Il maxi emendamento ha messo a rischio la qualità della salute, la tutela della salute degli italiani e delle professioni sanitarie. Come Fratelli d’Italia siamo intervenuti, presentando prima un emendamento, poi successivamente un Ordine del giorno per aiutare il governo a far sì che quel riconoscimento che passava per criteri soltanto quantitativi e quindi legati solo al numero di anni di esercizio in quella professione nella quale si voleva l’ingresso potesse vedere, insieme agli aspetti quantitativi, anche gli aspetti qualitativi come il percorso di formazione, l’inquadramento professionale, la retribuzione riconosciuta negli anni. La sanità e la salute in genere non può essere un gioco, non si può scherzare. Bisogna tutelarla in tutti i modi e quindi come Fratelli d’Italia ci siamo stati. Il nostro ordine del giorno è stato approvato. Ovviamente non è un risultato conclusivo, bisognerà vedere e monitorare i decreti attuativi del governo e far sì che effettivamente il riconoscimento di una professione sanitaria sia caratterizzato dal merito, dalle capacità acquisite nel percorso di studi, di formazione e di esperienza».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, IL DDL DI MARIA TERESA BELLUCCI (FDI): «TROPPI NON DENUNCIANO. SERVE FORMAZIONE E SUPPORTO LEGALE E PSICOLOGICO ALLE VITTIME»

L’anno scorso è stato istituito l’Ordine delle professioni sanitarie. Secondo lei che ruolo giocheranno i professionisti sanitari nel Sistema sanitario nazionale?

«Il riconoscimento dell’Ordine è un passo fondamentale perché l’Ordine ha il compito di garantire gli aspetti deontologici, la qualità, il percorso di formazione, quindi avrà un ruolo fondamentale nel garantire la salute degli italiani. Rispetto a questo ancora molto c’è da fare per far sì che la salute possa essere vista come una sanità plurale in cui ci sono diverse professionalità che entrano in gioco, che collaborano ognuno con la propria specificità, ognuno con le proprie caratteristiche, un rapporto di collaborazione e di condivisione costante».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Agostini (ANDID): «Ecco perché i dietisti giocano ruolo chiave nella prevenzione»
Sono circa 4mila i dietisti in Italia. La professione è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci» sottolinea Susanna Agostini, consigliere ANDID, Associazione Nazionale Dietisti
#UnGiornoCon | Il podologo: dallo studio al domicilio, sempre a contatto con il paziente
Abbiamo chiesto a Maria Cristina Rufini, podologa iscritta all’AIP, come si svolge la giornata tipo di un podologo libero professionista: «Le patologie variano a seconda della fascia di età. Nel paziente anziano si tratta per lo più di ipercheratosi, di ispessimenti e di unghie onicogrifosi. Mentre nel paziente giovane si interviene sulle unghie incarnite sulle onicogrifosi»
Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, Tossali (AITNE) e Santiani (ANUPI TNEE): «Poco presenti nei servizi, chiediamo coinvolgimento»
Al Congresso TSRM e PSTRP anche i rappresentanti delle due associazioni maggiormente rappresentative di categoria. Stimati 5mila professionisti
Fragilità, al Forum di Firenze la prima Conferenza Nazionale. Perciballi (TSRM e PSTRP): «Puntiamo a progetti comuni tra professionisti della sanità»
Il 27 novembre va in scena alla Fortezza di Basso il primo evento di questo tipo. Apre una lectio magistralis del professore Paolo Cendon. La referente per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori del maxi Ordine delle professioni sanitarie: «Obiettivo proporre il Codice Etico Unico delle 19 professioni alle altre federazioni della sanità»
Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»
Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...