Politica 28 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, Maria Teresa Bellucci (Fratelli d’Italia): «Vigileremo su decreti attuativi maxiemendamento, riconoscimento sia in base a merito e formazione»

L’esponente della Commissione Affari Sociali ha partecipato al convegno sui 20 anni della legge 42 del 1999 e ha ribadito l’impegno contro ogni sanatoria: «La sanità e la salute in genere non può essere un gioco, non si può scherzare. C’è ancora molto da fare per far sì che la salute possa essere vista come una sanità plurale in cui ci sono diverse professionalità che entrano in gioco e collaborino»

«Controlleremo i decreti attuativi del governo per far sì che effettivamente il riconoscimento di una professione sanitaria sia caratterizzato dal merito, dalle capacità acquisite nel percorso di studi, di formazione e dall’esperienza». L’onorevole Maria Teresa Bellucci, psicoterapeuta, deputato di Fratelli d’Italia e membro della Commissione Affari Sociali, è stata tra i protagonisti della grande ‘festa’ delle professioni sanitarie che hanno festeggiato alla Nuova Aula dei Gruppi parlamentari i 20 anni della legge 42 del 1999, vero spartiacque nella disciplina di questo settore. Il gruppo di Fratelli d’Italia ha contestato la norma inserita nell’ultima legge di bilancio che prevede che chi ha svolto una professione sanitaria per 36 mesi negli ultimi dieci anni, anche non continuativamente e in modo dipendente o autonomo, possa continuare a farlo iscrivendosi entro il 2019 a un albo speciale. «Abbiamo fatto approvare un Ordine del giorno», spiega Bellucci a Sanità Informazione, «il maxi emendamento ha messo a rischio la qualità della salute, la tutela della salute degli italiani e delle professioni sanitarie».

Onorevole, le professioni sanitarie hanno festeggiato i 20 anni dalla legge 42 del 1999. Nella legge di Bilancio però ci sono state delle misure che per alcuni hanno segnato un passo indietro rispetto alla legge che ha istituito l’Ordine multi -albo. Voi di Fratelli d’Italia vi siete opposti…

«Il maxi emendamento ha messo a rischio la qualità della salute, la tutela della salute degli italiani e delle professioni sanitarie. Come Fratelli d’Italia siamo intervenuti, presentando prima un emendamento, poi successivamente un Ordine del giorno per aiutare il governo a far sì che quel riconoscimento che passava per criteri soltanto quantitativi e quindi legati solo al numero di anni di esercizio in quella professione nella quale si voleva l’ingresso potesse vedere, insieme agli aspetti quantitativi, anche gli aspetti qualitativi come il percorso di formazione, l’inquadramento professionale, la retribuzione riconosciuta negli anni. La sanità e la salute in genere non può essere un gioco, non si può scherzare. Bisogna tutelarla in tutti i modi e quindi come Fratelli d’Italia ci siamo stati. Il nostro ordine del giorno è stato approvato. Ovviamente non è un risultato conclusivo, bisognerà vedere e monitorare i decreti attuativi del governo e far sì che effettivamente il riconoscimento di una professione sanitaria sia caratterizzato dal merito, dalle capacità acquisite nel percorso di studi, di formazione e di esperienza».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, IL DDL DI MARIA TERESA BELLUCCI (FDI): «TROPPI NON DENUNCIANO. SERVE FORMAZIONE E SUPPORTO LEGALE E PSICOLOGICO ALLE VITTIME»

L’anno scorso è stato istituito l’Ordine delle professioni sanitarie. Secondo lei che ruolo giocheranno i professionisti sanitari nel Sistema sanitario nazionale?

«Il riconoscimento dell’Ordine è un passo fondamentale perché l’Ordine ha il compito di garantire gli aspetti deontologici, la qualità, il percorso di formazione, quindi avrà un ruolo fondamentale nel garantire la salute degli italiani. Rispetto a questo ancora molto c’è da fare per far sì che la salute possa essere vista come una sanità plurale in cui ci sono diverse professionalità che entrano in gioco, che collaborano ognuno con la propria specificità, ognuno con le proprie caratteristiche, un rapporto di collaborazione e di condivisione costante».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Imminenti ultimi decreti attuativi legge 3 del 2018, ora fase di sviluppo»
Con gli ultimi due decreti vengono stabilite la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Ancora al lavoro i tecnici del ministero per l’elenco speciale che raccoglierà chi ha un titolo potenzialmente equivalente: «Quelli che non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere rimarranno fuori», sottolinea il Presidente del Conaps
#UnGiornoCon | Igienista dentale. Dascola (Aidi): «Così miglioriamo il sorriso dei nostri pazienti»
Importante lo spazio dedicato all’accoglienza e al colloquio. L’esperta: «Durante ogni visita è necessario dedicare spazio al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, l’ex ministro Lorenzin: «Maxi ordine fondamentale per combattere abusivismo. Non si torni indietro»
La ‘madre’ della legge 3 del 2018 che ha riunito le professioni sanitarie nel maxi ordine TSRM e PSTRP spiega l’importanza della norma: «Gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di adottare provvedimenti disciplinari quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico»
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)
Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...