Politica 7 Ottobre 2021 11:32

Nadef, previsto calo dell’incidenza della spesa sanitaria sul PIL. Le richieste delle commissioni Affari sociali e Sanità

Dopo le ingenti risorse stanziate per far fronte all’emergenza Covid, la Nota di aggiornamento del DEF rivede al ribasso l’incidenza delle spese per la sanità. Dalle commissioni arriva la richiesta di assumere personale sanitario, in particolare MMG per la riforma della medicina territoriale, e fondi per le borse di specializzazione

di Francesco Torre
Nadef, previsto calo dell’incidenza della spesa sanitaria sul PIL. Le richieste delle commissioni Affari sociali e Sanità

La Nota di aggiornamento del Documento di Economia ha trovato apprezzamento in Parlamento, dove sono passate senza troppi problemi le risoluzioni di maggioranza. Sulla sanità, però, di discute dei dati indicati nel documento del Ministero dell’Economia.

Anche se in senso assoluto i fondi per la sanità sono destinati ad aumentare (dai 123 miliardi del 2020 si arriva ai 129 miliardi del 2021 per poi tornare i 124 miliardi dal 2024) si prospetta una riduzione dell’incidenza della spesa sanitaria in rapporto al PIL, come evidenziato dalla presidente della commissione Affari sociali di Montecitorio Marialucia Lorefice.

A causa delle ingenti somme stanziate per il Fondo sanitario durante l’emergenza Covid, la spesa sanitaria ha raggiunto il 7,5% del PIL nel 2020. Nella Nadef se ne prevede una riduzione, al 7,3 per cento del PIL, nel 2021. Tale valore si riduce negli anni successivi, essendo previsto in misura pari al 6,7% nel 2022, al 6,3% nel 2023 e al 6,1% nel 2024, per via dei minori oneri connessi alla gestione dell’emergenza epidemiologica.

Nel parere della commissione Affari sociali si chiede però all’esecutivo di fare di più e di prevedere risorse per far fronte alle gravi carenze di personale medico, infermieristico e sanitario in generale, anche al fine di stabilizzare il personale assunto nel periodo dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. In particolare, occorre assumere medici di medicina generale, che nella riforma della medicina territoriale prevista dal PNRR avranno un ruolo chiave. E poi risorse per le borse di specializzazione medica: dopo il record di quest’anno, non bisogna diminuirne il numero. Infine, risorse per l’innovazione tecnologica da applicare nei servizi territoriali e domiciliari.

Anche il parere espresso dalla commissione Igiene e Sanità del Senato focalizza l’attenzione sulla necessità «di interventi per adeguare le dotazioni di personale del Servizio sanitario nazionale, anche in relazione alla prefigurata iniziativa legislativa del Governo per il potenziamento dell’assistenza territoriale». Infine, un accenno alla necessità di un riordino complessivo del Sistema di emergenza sanitaria territoriale 118: com’è noto al Senato è in discussione un Ddl a prima firma della senatrice M5S Mariolina Castellone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal Dl Semplificazione al Ddl Concorrenza, le ultime misure all’esame del Parlamento
Anche dopo lo scioglimento delle Camere, come chiesto dal presidente della Repubblica, Camera e Senato lavorano per convertire gli ultimi provvedimenti. Anche Delega fiscale e Dl Trasporti in calendario
di Francesco Torre
Senato, la sanità perde la sua Commissione ad hoc. La protesta di CIMO-FESMED
A partire dalla prossima legislatura le competenze dell'attuale dodicesima Commissione Igiene e Sanità del Senato confluiranno nella nuova decima Commissione “Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale”. Una scelta che non convince la Federazione CIMO-FESMED
Legislatura al capolinea ma Parlamento ancora al lavoro su Dl Semplificazione e Ddl Concorrenza
Alcune misure già incardinate nelle settimane scorse dovranno comunque vedere la luce nonostante lo scioglimento delle Camere, anche per ottenere i fondi del PNRR. Nel Dl Semplificazione anche lo sconto IVA per la sanità privata non accreditata e l’estensione del credito di imposta alle aziende farmaceutiche nelle attività di ricerca
di Francesco Torre
La crisi ferma l’attività parlamentare: tutto bloccato in attesa del voto di fiducia al governo Draghi
Dopo le dimissioni del premier Mario Draghi il proseguo della legislatura resta appeso a un filo: senza il MoVimento 5 stelle verrebbe meno la formula del governo di unità nazionale e dunque difficilmente il premier resterebbe. Tra le ipotesi voto a ottobre e Draghi bis
di Francesco Torre
Sul Decreto Aiuti la maggioranza rischia. RSA, responsabilità sanitaria, infermiere di famiglia nella settimana parlamentare
Al Senato momento della verità sul DL Aiuti: il M5S potrebbe non votare la fiducia al governo. Budget di Salute e attività funerarie e cimiteriali in calendario in commissione Affari sociali. In commissione Sanità audizioni in merito alle problematiche economico-finanziarie dei servizi sanitari regionali
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale