Voci della Sanità 31 Dicembre 2020 13:16

Ue, Regimenti (Lega): «Con 5,1 miliardi di budget, programma EU4Health punto di partenza per rilancio sanità»

«Al Parlamento europeo siamo riusciti a far aumentare il budget a 5,1 miliardi» ricorda l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti che considera comunque il Programma EU4Health «un’opportunità da cogliere per il nostro Paese, per rilanciare una sanità penalizzata negli anni da continui tagli a fondi e finanziamenti»

«Più risorse per prevenire le malattie cardiovascolari, prima causa di decesso in Europa e per proteggere la salute mentale dei cittadini europei, in un anno in cui il tasso di suicidi è drasticamente aumentato per le conseguenze della pandemia da Covid-19. Sostegno, inoltre alla produzione di principi attivi farmaceutici all’interno dell’Ue per sfruttare l’eccellenza farmaceutica italiana. Grazie a questi emendamenti della Lega, il nuovo programma europeo per la salute, EU4Health, è migliorato ed è oggi un buon punto di partenza a supporto dei sistemi sanitari nazionali e per prevenire future minacce sanitarie transfrontaliere nel prossimo settennio 2021-2027». Lo ha detto l’europarlamentare della Lega Luisa Regimenti, medico legale e responsabile Sanità per il partito nel Lazio, nel corso del webinar dal titolo “Il Nuovo Programma UE per la Salute. Carenze della sanità e opportunità europee”, durante il quale si è posto l’accento sulle criticità del sistema sanitario e sulle nuove opportunità a tutela della salute dei cittadini in una prospettiva europea.

«EU4Health aveva una dotazione iniziale di 9,4 miliardi di euro – ha precisato Regimenti, che ha seguito i lavori come co-relatrice per il Gruppo ID, Identità e Democrazia – scesa poi alla cifra irrisoria di 1,7 miliardi. In Parlamento siamo riusciti a far aumentare il budget a 5,1 miliardi. Resta il fatto che una parte di questi fondi verrà utilizzata per finanziare progetti dell’OMS, che riceve già, a fondo perduto, una percentuale fissa da ciascuno Stato membro. Inoltre, l’8% del budget, pari a 408 milioni, l’equivalente della portata finanziaria del programma sanitario europeo precedente, verrà erogata unicamente per le spese di burocrazia. Esempio evidente degli sprechi delle istituzioni a cui come Lega e Gruppo ID continuiamo a opporci».

Secondo Regimenti, il nuovo programma europeo per la salute è tuttavia «un’opportunità da cogliere per il nostro Paese, per rilanciare una sanità penalizzata negli anni da continui tagli a fondi e finanziamenti. Le risorse europee permetteranno, tra l’altro, di migliorare la digitalizzazione dell’assistenza sanitaria, creando uno spazio europeo dei dati sanitari, di assicurare disponibilità e accessibilità economica di farmaci e dispositivi medici, di sostenere l’innovazione».

«Sarà importante – ha sottolineato ancora l’esponente leghista – attuare programmi di formazione e di scambio per il personale medico e sanitario, ma anche sostenere azioni comuni degli Stati membri con dispositivi di resistenza antimicrobica e sperimentazioni cliniche per accelerare lo sviluppo e l’autorizzazione di farmaci e vaccini. Creare, inoltre, laboratori di riferimento e di centri di eccellenza dell’Unione. Ulteriori opportunità potranno arrivare dal buon utilizzo di strumenti come il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), per il miglioramento delle infrastrutture sanitarie regionali; l’Orizzonte Europa, per la ricerca e l’innovazione in campo sanitario; il RescEU, per la costituzione di scorte di forniture mediche di emergenza e il programma Europa digitale».

«È insomma possibile – ha concluso Regimenti – la nascita di una politica sanitaria innovativa, che pur rimanendo di competenza nazionale, può essere più inclusiva e capace di affrontare in modo efficace le future minacce. L’impegno della Lega punta a questi risultati, per cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze».

Al dibattito hanno partecipato anche Francesco Paolo Capone, Segretario Nazionale UGL; Alfredo Becchetti, responsabile Lega per il Comune di Roma Capitale; l’On. Marco Campomenosi, Capo Delegazione Parlamento europeo; l’On. Anna Cinzia Bonfrisco, europarlamentare Lega; Antonio Magi, Presidente Ordine dei Medici di Roma; Stefano De Lillo, Vicepresidente Ordine dei Medici di Roma; Giovanni Carnovale, Revisore dei Conti Ordine dei Medici di Roma e Medico Rai; Giulio Tarro, medico virologo, Candidato al Premio Nobel alla medicina; l’On. Claudio Durigon, deputato e coordinatore regionale Lega Lazio.

Presenti, inoltre, gli onorevoli Davide Bordoni, Daniele Giannini, Maurizio Politi, Angelo Orlando Tripodi e gli esponenti del Tavolo Regionale della Sanità Lega Lazio Campanile, Cantale, Cavazzini, D’Angelo, Dauri, De Filippis, Greci, Marra, Matera, Nicolò, Pennica, Pirone, Russo, Toncelli, Vallone.

Articoli correlati
Covid-19, Regimenti (Lega): «Caos vaccini, ritardi inaccettabili e misteri sui contratti»
«L'unico contratto reso pubblico è quello con CureVac, tra l’altro oscurato nelle parti sensibili del testo, mentre quelli di Pfizer e Moderna nessuno li ha letti e c'è chi si guarda bene dal rendere pubblici tali accordi» spiega l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Crisi di governo, Boldi (Lega): «Serve governo legittimato per affrontare pandemia. Ora allargare la platea dei vaccinatori»
La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Rossana Boldi spiega: «Crisi crea delle difficoltà, non è il massimo in piena pandemia». Sul piano vaccinale: «Bisogna coinvolgere le farmacie in modo che siano pronte quando arriveranno dei vaccini più gestibili e conservabili in frigorifero»
OMS a Wuhan, Regimenti (Lega): «Si valutino tutte le piste per indagine su origine del virus»
«Tutte le ipotesi dovrebbero essere valutate attentamente: la struttura genetica della SARS-CoV-2 non esclude un'origine del virus in laboratorio» spiega il medico e europarlamentare della Lega Luisa Regimenti
SMA, Tiramani (Lega): «Quattro bambini stanno rischiando complicazioni, AIFA sblocchi le cure»
«Quattro bambini che stanno rischiando complicazioni gravissime perché non rientrano nel limiti dei sei mesi di vita per ricevere la terapia, tra le più care del mondo» spiega il deputato della Lega Paolo Tiramani
Covid-19, Regimenti (Lega): «Ue tuteli Stati membri da diffusione nuovo ceppo virus»
L’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti ha presentato un'interrogazione urgente alla Commissione europea in cui chiede di procedere tempestivamente a una raccolta e studio di dati relativi agli Stati membri che riscontrano casi della nuova variante del virus.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...