Voci della Sanità 21 Marzo 2017

Scuole specializzazione, SIGM e CNAS lanciano twittmob per modifiche al concorso nazionale

Nella giornata odierna il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) col supporto dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha lanciato un tweetmob finalizzato a richiedere e ottenere una semplificazione organizzativa, nonché delle modifiche urgenti, delle modalità selezione per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. Gli hashtag #SSM17 #ConcorsoNazionale2017 sono risultati in testa ai “trend topic” in […]

Nella giornata odierna il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) col supporto dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha lanciato un tweetmob finalizzato a richiedere e ottenere una semplificazione organizzativa, nonché delle modifiche urgenti, delle modalità selezione per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. Gli hashtag #SSM17 #ConcorsoNazionale2017 sono risultati in testa ai “trend topic” in politica per diverse ore.

Tale iniziativa fa seguito all’incontro intercorso il 9 Febbraio 2017 tra una delegazione del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS), dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) e dell’Associazione Italiana Medici (AIM) col Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca, Sen. Valeria Fedeli.

Di seguito alcune delle richieste avanzate dai giovani camici bianchi aspiranti specializzandi:

– organizzazione delle prove su macrosedi o, al massimo, su sedi regionali, al fine di garantire standard omogenei sul territorio nazionale, nonché adeguati sistemi di vigilanza e controllo del corretto svolgimento delle selezioni;

– semplificazione e riduzione dell’impatto del curriculum vitae sulla graduatoria di merito;

– formulazione di quesiti finalizzati a esplorare le capacità di ragionamento clinico, diagnostico e terapeutico e preventivo;

– pubblicazione di un programma di studio.

<<Abbiamo molto apprezzato le attenzioni rivolte dal Ministro Fedeli in occasione dell’incontro dello scorso 9 febbraio 2017 (http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs090217). Tuttavia, esprimiamo forte preoccupazione poiché, al fine di ottenere quanto richiesto, sarebbe necessario modificare il Regolamento che disciplina le modalità di accesso alle scuole di specializzazione ma temiamo che il tempo sia davvero esiguo. – affermano gli aspiranti specializzandi del CNAS – Il nuovo concorso ha evidenziato delle criticità non più sostenibili e l’esperienza maturata negli ultimi tre anni supporta l’esigenza diffusa di intervenire sulle attuali modalità di strutturazione ed organizzazione delle prove di selezione. L’impianto su base nazionale resta un valore da preservare ma è necessario investire e innovare>>.

A rafforzare la bontà di quanto richiesto dal CNAS, il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), organo di rappresentanza nazionale degli studenti universitari, ha recentemente approvato all’unanimità una mozione (scarica allegato), presentata dalla rappresentante degli specializzandi eletta dall’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM), finalizzata a richiedere  tempestivi provvedimenti volti al miglioramento dell’impianto del Concorso di accesso alle Scuole di Specializzazione di area medica.

Articoli correlati
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo
Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)
Rimborsabilità farmaci anticoagulanti: Aifa semplifica procedura. SIMG: «Grande soddisfazione»
«La SIMG ha espresso da sempre una posizione contraria ai piani terapeutici per i farmaci di utilizzo territoriale. Auspichiamo che alla liberalizzazione prescrittiva dei DOACs segua anche l’abolizione del piano terapeutico per i farmaci antidiabetici e a quelli per la BPCO» evidenzia il Presidente Cricelli
Covid-19, Cricelli (Simg): «A novembre le prime dosi-test vaccino. Non si può rimproverare nulla al SSN per gestione epidemia»
Andreoni (Simit): «L’uso del cortisonico desametasone non è una grande scoperta, lo avevamo all’interno delle linee guida»
SIMG: «Occorre sostituire i Piani Terapeutici con note di raccomandazione»
«Abbiamo inviato ad AIFA la richiesta di convocazione urgente per concordare le modalità atte all’abolizione in tempi strettissimi dei Piani Terapeutici per i farmaci per il diabete (DPP4i, SGLT2 e GLP1»). Così il Presidente SIMG Claudio Cricelli. «Pronta una nostra proposta di Nota alternativa agli stessi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...