Voci della Sanità 16 Dicembre 2021 11:19

Tumore al seno HER2+, ulteriori analisi rinforzano il rivoluzionario dato di efficacia di trastuzumab deruxtecan

Nuovi dati del DESTINY-Breast03 presentati al SABCS

«Nuovi dati del trial DESTINY-Breast03 confermano la significativa superiorità dell’ADC trastuzumab deruxtecan rispetto a trastuzumab emtansine (T-DM1), per la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e il tasso di risposta globale (ORR), in sottogruppi pre-specificati di pazienti affette da carcinoma mammario HER2-positivo non resecabile e/o metastatico precedentemente trattato con trastuzumab e taxano, incluse le pazienti che presentano metastasi cerebrali». È quanto si legge su un comunicato con i risultati dell’anticorpo farmaco-coniugato anti-HER2 trastuzumab deruxtecan, sviluppato da Daiichi Sankyo e AstraZeneca, presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium 2021.

«Le analisi esplorative – prosegue la nota – hanno mostrato un vantaggio simile di PFS e ORR in sottogruppi di pazienti caratterizzate in base alla presenza di metastasi cerebrali stabili, allo stato dei recettori ormonali, al numero di linee di terapia precedenti, al precedente trattamento con pertuzumab o allo stato delle metastasi viscerali».

«Nelle pazienti con metastasi cerebrali stabili al basale, il trattamento con trastuzumab deruxtecan ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione più elevata rispetto a T-DM1 (n=82; PFS da revisione centrale indipendente in cieco [BICR], hazard ratio [HR ]= 0,25; 95% CI: 0,13-0,45). Inoltre, al momento analisi dei dati il 21 maggio 2021, in questo particolare sottogruppo, trastuzumab deruxtecan ha portato ad un miglioramento della PFS raggiungendo una mediana di 15,0 mesi (95% CI: 12,5-22,2) rispetto ai 3,0 mesi del T-DM1 (95% CI: 2,8-5,8)».

In occasione della conferenza virtuale della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) dello scorso luglio 2021 erano stati presentati i risultati di trastuzumab deruxtecan sulla popolazione complessiva dello studio, e avevano dimostrato una riduzione del 72% del rischio di progressione della malattia o di morte rispetto al T-DM1 (hazard ratio [HR] = 0,28; 95% CI: 0,22-0,37; p=7.8×10-22).

«Gli obiettivi principali nel trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2-positivo, inclusi i casi con metastasi cerebrali stabili, sono quelli di migliorare i sintomi, stabilizzare o ridurre le dimensioni del tumore e migliorare la sopravvivenza -ha spiegato Sara Hurvitz, Medico Oncologo, professoressa di Medicina e direttrice del programma di studi clinici sul cancro al seno nella divisione di emato-oncologia presso la David Geffen School of Medicine della UCLA e direttrice dell’Unità di ricerca clinica presso l’UCLA Jonsson Comprehensive Cancer Center a Santa Monica –. La più elevata sopravvivenza libera da progressione osservata nel sottogruppo di pazienti con metastasi cerebrali stabili al basale del DESTINY- Breast03 è incoraggiante e giustifica l’entusiasmo verso un’altra potenziale opzione terapeutica per quelle pazienti che hanno sperimentato una progressione della malattia con i trattamenti attualmente disponibili».

Il tasso di risposta obiettiva (ORR) confermato per le pazienti con metastasi cerebrali stabili al basale (n=82) è stato del 67,4% (n=29; 95% CI: 51,5-80,9) nel braccio trastuzumab deruxtecan rispetto al 20,5% (n=8; 95% CI: 9,3-36,5) nel braccio T-DM1.In questo sottogruppo, ci sono state due risposte complete (CR) (4,7%) e 27 risposte parziali (PR) (62,8%) nelle pazienti trattate con trastuzumab deruxtecan rispetto a zero CR e otto PR (20,5%) in quelle trattate con T-DM1. 

Al cutoff dei dati, una paziente (2,3%) con metastasi cerebrali trattata con trastuzumab deruxtecan ha avuto una progressione di malattia (PD) rispetto a sette (17,9%) trattate con T-DM1. Una valutazione retrospettiva non pre-specificata della risposta intracranica, valutata con BICR tra 72 pazienti con metastasi cerebrali stabili, ha mostrato che il trattamento con trastuzumab deruxtecan ha portato a 10 CR (27,8%) e 13 PR (36,1%), rispetto a una CR (2,8%) e 11 PR (30,6%) del trattamento con T-DM1, fornendo la prova preliminare che il trattamento con trastuzumab deruxtecan è associato alla risposta tumorale intracranica e alla riduzione della malattia a livello cerebrale.

Il profilo di sicurezza degli eventi avversi più comuni con trastuzumab deruxtecan in DESTINY-Breast03 è in linea con i precedenti studi clinici di questo ADC nel carcinoma mammario, e non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore, che sono emersi dal trattamento, sono stati neutropenia (19,1%), trombocitopenia (7,0%), nausea (6,6%), leucopenia (6,6%), anemia (5,8%), affaticamento (5,1%), vomito (1,6%), aumento delle ALT (1,6%), diminuzione dell’appetito (1,2%), aumento delle AST (0,8%), diarrea (0,4%) e alopecia (0,4%). Complessivamente, il 10,5% dei pazienti ha avuto una malattia polmonare interstiziale (ILD) confermata o una polmonite farmaco-correlata, come determinato da un comitato di aggiudicazione indipendente. La maggior parte degli eventi ILD (9,7%) erano principalmente di basso grado (grado 1 (2,7%) o grado 2 (7,0%)) con due eventi di grado 3 (0,8%) riportati. Non si sono verificati eventi ILD o polmoniti di grado 4 o 5.

«Queste ulteriori analisi del DESTINY-Breast03 continuano a dimostrare il beneficio di trastuzumab deruxtecan rispetto a T-DM1 in diversi sottogruppi di pazienti, compresa la sopravvivenza libera da progressione di 15 mesi in quelle con metastasi cerebrali stabili, e evidenziano il potenziale di questo trattamento di diventare il nuovo standard di cura nelle pazienti con cancro al seno metastatico HER2 positivo precedentemente trattato” – ha dichiarato Ken Takeshita, MD, Capo globale del dipartimento Ricerca e Sviluppo di Daiichi Sankyo –. Nel confronto in corso con le autorità regolatorie di tutto il mondo, questi dati ci aiuteranno a realizzare il nostro impegno a fornire trastuzumab deruxtecan alle pazienti con carcinoma mammario HER2 positivo precedentemente trattato, in fasi più precoci del setting metastatico».

«Sono necessarie più opzioni di trattamento per ritardare la progressione ed estendere la sopravvivenza delle pazienti con cancro al seno metastatico HER2 positivo che sviluppano metastasi cerebrali – ha commentato Susan Galbraith, MBBChir, PhD, Vice Presidente Esecutivo del dipartimento di Ricerca e Sviluppo in Oncologia di AstraZeneca -. Queste ulteriori analisi di DESTINY-Breast03 rafforzano il potenziale di trastuzumab deruxtecan con benefici simili in differenti sottogruppi».

Tutte le pazienti dello studio DESTINY-Breast03 avevano ricevuto almeno una terapia antitumorale precedente, incluso trastuzumab (trastuzumab deruxtecan = 99.6%; T-DM1 = 99.6%) o pertuzumab (trastuzumab deruxtecan = 62.1%; T-DM1 = 60,1%). Il 50% delle pazienti nel braccio trastuzumab deruxtecan aveva ricevuto una linea precedente di terapia. Il 16,5% delle pazienti nel braccio trastuzumab deruxtecan e il 14,8% di quelle nel braccio T-DM1 presentavano metastasi cerebrali al basale. Al momento del cut-off dei dati, il 21 maggio 2021, 136 pazienti risultavano ancora in trattamento con trastuzumab deruxtecan e 49 pazienti con T-DM1.

Nel settembre 2021, sulla base dei risultati primari di DESTINY-Breast03, trastuzumab deruxtecan ha ricevuto la sua quarta Breakthrough Therapy Designation (BTD) negli Stati Uniti per il trattamento di pazienti adulte con carcinoma mammario HER2-positivo non resecabile o metastatico che hanno ricevuto uno o più regimi precedenti a base di anti-HER2.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi