Voci della Sanità 27 Maggio 2020

Sollievo Bimbi, il primo hospice pediatrico della Lombardia compie un anno

VIDAS celebra la ricorrenza con #PRESENTE, speciale diretta streaming con operatori, famiglie e volontari insieme a tanti amici del mondo dello spettacolo

Casa Sollievo Bimbi di VIDAS, il primo hospice pediatrico in Lombardia e uno tra i pochissimi in Italia, compie un anno. Era il 4 giugno 2019 quando Geku, il primo piccolo paziente, varcò la soglia insieme a mamma, papà e sorella.

Da allora sono stati 37 i ricoveri effettuati, in alcuni casi della stessa famiglia, e sarebbero stati di più se l’emergenza Covid-19 negli ultimi tre mesi non avesse imposto di contingentare i nuovi ingressi. Casa Sollievo Bimbi, infatti, non solo accoglie i minori malati con le famiglie per accompagnarli con competenza e calore nell’ultimo tratto di vita insieme, ma offre anche ricoveri di sollievo e abilitazione in caso di gravi patologie. Questo per dare un tempo di riposo a quei genitori così provati dall’accudimento dei figli e una guida sicura alle mamme e ai papà che devono acquisire confidenza con complicati strumenti tecnologici indispensabili alla sopravvivenza dei figli.

Per celebrare il primo importante compleanno di Casa Sollievo Bimbi giovedì 4 giugno dalle ore 21 VIDAS organizzerà #PRESENTE, una diretta streaming straordinaria sui suoi canali Facebook e Youtube. Un titolo che è anche un grido di battaglia, perché VIDAS c’è sempre e assiste i malati inguaribili e le loro famiglie da quasi 40 anni per garantire loro proprio il diritto al presente, l’unica dimensione temporale in cui è importante esistere, con qualità e dignità, fino alla fine. Tanti gli amici di VIDAS che parteciperanno all’evento, tra gli altri Petra Loreggian, Debora Villa, Ale e Franz, Fabio Volo, Paolo Jannacci, Alberto Fortis insieme al presidente, Ferruccio De Bortoli, al direttore socio-sanitario Giada Lonati, agli operatori, alle famiglie e ai volontari.

Casa Sollievo Bimbi rappresenta un modello a livello nazionale perché, oltre a coniugare residenzialità e domiciliarità, si impegna a fare rete con le diverse strutture sanitarie coinvolte nel percorso di cura dei piccoli pazienti garantendo la continuità assistenziale e ponendosi come punto di riferimento per le famiglie.

L’hospice pediatrico di VIDAS è un edificio green e a basso impatto, sviluppato su sei piani, in via Ojetti 66 a Milano. Comprende sei mini appartamenti, oltre a un day hospice pediatrico con ambulatori, studi medici, palestra e spazi per attività di svago e gioco. L’equipe che lavora al suo interno è composta da sei infermieri, sei operatori socio-sanitari, un coordinatore infermieristico, un medico responsabile, tre medici, un fisioterapista, uno psicologo, un educatore, un assistente sociale, un logopedista, un dietista. Poi ci sono i volontari.

VIDAS ha realizzato Casa Sollievo Bimbi interamente con fondi propri grazie al contributo, piccolo o grande, di oltre 20mila donatori. Una struttura che non c’era e che mancava: in Lombardia, infatti, sono circa 1.200 all’anno i minori che necessitano di cure palliative, 30mila in Italia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
Fase 2, over 60 a casa? Selve (FederAnziani): «Valutare le condizioni di salute della singola persona»
«In Italia ci sono tanti malati cronici e non tutti sono over 65, così come non tutti gli ultrasettantenni sono malati». Così la portavoce di FederAnziani, che aggiunge: «L'isolamento degli anziani ha contraccolpi psicologici importanti che vanno gestiti»
Fnopi lancia progetto #NoiConGliInfermieri: raccolta fondi per i professionisti in prima linea nell’emergenza
NoiConGliInfermieri è l’iniziativa della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche a sostegno del Fondo di Solidarietà per i gli infermieri e le loro famiglie, colpiti duramente nella lotta al coronavirus
Coronavirus, Bambino Gesù: due linee telefoniche per famiglie e pediatri sul territorio
«L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha distinto i canali telefonici, uno rivolto alle famiglie, l’altro ai pediatri del territorio, per le consulenze e i consulti a distanza di carattere pediatrico nel periodo dell’emergenza coronavirus e di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti». Così l’ospedale pediatrico romano in un comunicato. «Per le famiglie è attivo lo 06 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 settembre, sono 31.328.238 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 964.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto