Voci della Sanità 7 Ottobre 2022 19:08

Risarcimento danno per vittime incidenti, Regimenti (FI): «Necessaria normativa europea per la fissazione di standard precisi per i macrodanni»

«Il risarcimento del danno per le vittime di gravi incidenti deve assicurare, oltre al ristoro previsto per il danno biologico, specifiche e chiare risposte in termini di cura, assistenza a lungo termine e liquidazione in rendita, non tramite una mera dazione di denaro. Nei macrodanni che rendono le vittime non autosufficienti, l’Italia è un passo […]

«Il risarcimento del danno per le vittime di gravi incidenti deve assicurare, oltre al ristoro previsto per il danno biologico, specifiche e chiare risposte in termini di cura, assistenza a lungo termine e liquidazione in rendita, non tramite una mera dazione di denaro. Nei macrodanni che rendono le vittime non autosufficienti, l’Italia è un passo indietro in termini di assistenza sanitaria, presa in carico e reinserimento lavorativo e sociale dei danneggiati, che quindi patiscono una forma di ingiustizia sociale. Per questo è necessaria una normativa europea comune, attraverso la fissazione di standard precisi, promuovendo l’armonizzazione dei criteri all’interno dell’Ue». Lo ha affermato l’eurodeputata Luisa Regimenti, componente della commissione Sanità al Parlamento europeo, nel corso del convegno sull’evoluzione del risarcimento del danno alla persona, organizzato dalla società scientifica “Melchiorre Gioia”.

«Il sistema della tutela del danneggiato e del risarcimento a livello nazionale – prosegue – presenta molte lacune anche a causa del carico eccessivo dei nostri sistemi sanitari e le cattive condizioni in cui spesso versano le vittime. Sono necessarie soluzioni concrete, che non possono non passare per l’Ue. Stiamo infatti assistendo ad una vera e propria europeizzazione della cultura giuridica e alla formazione di giuristi europei, anche nel settore del risarcimento del danno. La comparazione ed armonizzazione con il diritto comunitario diventa sempre più importante per la risoluzione di fattispecie destinate ad aumentare in futuro per l’aumento della circolazione di persone fisiche, lavoratori e imprese. E’ un argomento cruciale, del quale parleremo al Parlamento europeo, nel corso dell’evento previsto a Bruxelles per il 12 e il 13 ottobre, al quale interverranno i più autorevoli esperti, fra medici, giuristi, rappresentanti delle più importanti società scientifiche italiane per parlare di Sanità europea del futuro».

Articoli correlati
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
Energia, Regimenti (FI): «L’Europa deve tener conto delle ripercussioni sul mondo della sanità»
Secondo l'eurodeputata azzurra «l’Europa deve assolutamente dar vita a un nuovo Recovery fund, a tutela delle aziende, delle famiglie ma anche del fragile e vulnerabile mondo della salute dei malati»
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Covid, Regimenti (FI): «Nasce il Cts europeo per contribuire al rinnovo della sanità e prepararla a nuove crisi»
«Il Comitato tecnico scientifico europeo, composto da oltre 300 specialisti ed esperti del settore, darà risposte alle singole problematiche e renderanno le istituzioni in grado di realizzare l’Unione europea della salute» spiega l'eurodeputata azzurra
Regimenti (eurodeputata): «Comitato scientifico tutto italiano a consulenza della Commissione Covid UE»
Un confronto con l'onorevole Luisa Regimenti, medico legale ed eurodeputata, sull'impronta della scienza italiana in Europa e su quanto ci aspetta in autunno con professionisti formati per quello che verrà
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa