OMCeO, Enti e Territori 21 settembre 2018

Reddito di Cittadinanza, Foad Aodi (Amsi): «No a cittadini di serie A e B, difendiamo l’uguaglianza e i diritti universali»

«Con la presente dichiarazione chiediamo al Governo Italiano di rivedere la sua decisione di escludere gli stranieri dal reddito di cittadinanza visto che siamo in un paese civile e democratico che difende da secoli i diritti umani e universali e l’uguaglianza. Dividere i cittadini in serie A e Serie B sicuramente non aiuta l’integrazione anzi […]

«Con la presente dichiarazione chiediamo al Governo Italiano di rivedere la sua decisione di escludere gli stranieri dal reddito di cittadinanza visto che siamo in un paese civile e democratico che difende da secoli i diritti umani e universali e l’uguaglianza. Dividere i cittadini in serie A e Serie B sicuramente non aiuta l’integrazione anzi intensifica la guerra psicologica tra poveri come si è verificato per i concorsi pubblici tra i professionisti della sanità di origine straniera e italiani dove è obbligatorio avere la cittadinanza per poterli sostenere». Questo è quanto ha dichiarato Foad Aodi, il Fondatore dell’Amsi (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia) e delle Co-mai (Comunità del Mondo Arabo in Italia) sulla decisione del Governo di assegnare il reddito di cittadinanza solo ai cittadini italiani.

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia ( Co-mai) insieme al Movimento Internazionale Transnazionale “ Uniti per Unire” e le comunità e le associazioni aderenti , hanno lanciato anche il Manifesto la “Buona Immigrazione” in un momento in cui il fenomeno dei flussi migratori verso l’Europa sta assumendo un carattere storico ed epocale.

«La “Buona Immigrazione” può rappresentare una concreta proposta di convivenza civile, nel pieno rispetto delle regole e dei diritti di tutti. Il “Manifesto” è stato il frutto di una nostra proposta, compiuta nel lontano 2002 e oggi aggiornata ed adattata ai profondi mutamenti geopolitici che sono in atto. Ribadiamo che è necessario coinvolgere tutte le nazioni d’ Europa su una legge unica per favorire l’immigrazione regolare e, contemporaneamente, contrastare il mercato degli esseri umani e la violenza contro donne e bambini. I capisaldi della “Buona Immigrazione” sono: il principio dei Diritti e Doveri, promuovere politiche di accoglienza e di integrazione, lo sviluppo del dialogo interculturale ed inter-religioso per contrastare qualsiasi forma di discriminazione mediatica, promuovere accordi bilaterali tra Italia e i Paesi più coinvolti per una immigrazione programmata qualificata e una vera, concreta e trasparente cooperazione internazionale. E ancora, l’istituzione di nuovi centri di accoglienza nei territori di transito per ridurre l’immigrazione irregolare e contrastare la tratta degli esseri umani, combattere lo sfruttamento sessuale minorile e della prostituzione, combattere il razzismo religioso e il terrorismo, creare più condizioni lavorative ed economiche per i giovani combattendo cosi la fuga dei cervelli dal sud al nord, promuovere una vera cooperazione economica e internazionale tra l’Italia e paesi di origine e promuovere politiche d’integrazione per la seconda generazione e prevenire crisi d’identità e conflitti tra le civiltà» ha sostenuto il professor Foad Aodi, membro Focal Point per l’integrazione in Italia per alleanza delle Civiltà UNAOC- organismo Onu.

«Facciamo appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle istituzioni competenti – ha continuato il professor Aodi – affinchè sia possibile realizzare questo importante progetto per il nostro futuro, in modo da unire i popoli nei valori universali del rispetto dei diritti dell’uomo. Ancora una volta purtroppo constatiamo – ha concluso Foad Aodi – che il vertice europeo non ha prodotto alcuna risposta o proposta concreta. Addirittura si parla di solidarietà a pagamento, chi paga può non accogliere immigrati, una proposta inaccettabile visto noi chiediamo il coinvolgimento di tutti i paesi europei nell’accoglienza dei migranti. Solo pochi paesi sono impegnati in politiche d’accoglienza, altri creano muri e scaricano tutti i problemi sulla comunità europea e sull’Italia, su Malta e la Grecia».

Articoli correlati
AMSI e COMAI incontrano Emanuela C. Del Re (vice Ministra Affari Esteri)
La Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Claudia Del Re ha ricevuto Foad Aodi, Presidente dell’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi) e delle Comunità del mondo Arabo in Italia (CO-MAI). Motivo dell’incontro la presentazione di due progetti: “la buona immigrazione” e “la buona sanità internazionale”, frutto di proposte di Amsi […]
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
Liste d’attesa, violenza e autonomie: OMCeO Bari chiede convocazione urgente del Consiglio sanitario regionale
Filippo Anelli, in qualità di Presidente dell’Ordine dei medici di Bari ha inviato al Presidente Emiliano, nella sua veste di Assessore alla Sanità una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Sanitario Regionale della Puglia. L’Omceo ha richiesto di inserire all’ordine dei giorno della seduta il tema delle liste d’attesa e delle due proposte di legge […]
Ddl antiviolenza, FNOPO: «Indispensabile essere riconosciute pubblico ufficiale per contrastare aggressioni»
«Come rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane torniamo a chiedere con determinazione il riconoscimento di pubblico ufficiale per le professioni sanitarie, compresa la nostra Categoria». Queste le richieste delle componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica in merito al “no” della ministra della Salute, Giulia Grillo, al riconoscimento dello status […]
Foad Aodi e Pierpaolo Sileri per il Manifesto Buona Sanità Internazionale
L‘Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), il Movimento Uniti per Unire e la Confederazione Internazionale Unione Medica Euro-Mediterranea (UMEM) hanno incontrato Pierpaolo Sileri, senatore del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Igiene e Sanità. Al centro dell’ incontro la presentazione e la discussione del progetto la “Buona Sanità Internazionale”, un’iniziativa che tende a […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...