OMCeO, Enti e Territori 21 Settembre 2018

Reddito di Cittadinanza, Foad Aodi (Amsi): «No a cittadini di serie A e B, difendiamo l’uguaglianza e i diritti universali»

«Con la presente dichiarazione chiediamo al Governo Italiano di rivedere la sua decisione di escludere gli stranieri dal reddito di cittadinanza visto che siamo in un paese civile e democratico che difende da secoli i diritti umani e universali e l’uguaglianza. Dividere i cittadini in serie A e Serie B sicuramente non aiuta l’integrazione anzi […]

«Con la presente dichiarazione chiediamo al Governo Italiano di rivedere la sua decisione di escludere gli stranieri dal reddito di cittadinanza visto che siamo in un paese civile e democratico che difende da secoli i diritti umani e universali e l’uguaglianza. Dividere i cittadini in serie A e Serie B sicuramente non aiuta l’integrazione anzi intensifica la guerra psicologica tra poveri come si è verificato per i concorsi pubblici tra i professionisti della sanità di origine straniera e italiani dove è obbligatorio avere la cittadinanza per poterli sostenere». Questo è quanto ha dichiarato Foad Aodi, il Fondatore dell’Amsi (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia) e delle Co-mai (Comunità del Mondo Arabo in Italia) sulla decisione del Governo di assegnare il reddito di cittadinanza solo ai cittadini italiani.

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia ( Co-mai) insieme al Movimento Internazionale Transnazionale “ Uniti per Unire” e le comunità e le associazioni aderenti , hanno lanciato anche il Manifesto la “Buona Immigrazione” in un momento in cui il fenomeno dei flussi migratori verso l’Europa sta assumendo un carattere storico ed epocale.

«La “Buona Immigrazione” può rappresentare una concreta proposta di convivenza civile, nel pieno rispetto delle regole e dei diritti di tutti. Il “Manifesto” è stato il frutto di una nostra proposta, compiuta nel lontano 2002 e oggi aggiornata ed adattata ai profondi mutamenti geopolitici che sono in atto. Ribadiamo che è necessario coinvolgere tutte le nazioni d’ Europa su una legge unica per favorire l’immigrazione regolare e, contemporaneamente, contrastare il mercato degli esseri umani e la violenza contro donne e bambini. I capisaldi della “Buona Immigrazione” sono: il principio dei Diritti e Doveri, promuovere politiche di accoglienza e di integrazione, lo sviluppo del dialogo interculturale ed inter-religioso per contrastare qualsiasi forma di discriminazione mediatica, promuovere accordi bilaterali tra Italia e i Paesi più coinvolti per una immigrazione programmata qualificata e una vera, concreta e trasparente cooperazione internazionale. E ancora, l’istituzione di nuovi centri di accoglienza nei territori di transito per ridurre l’immigrazione irregolare e contrastare la tratta degli esseri umani, combattere lo sfruttamento sessuale minorile e della prostituzione, combattere il razzismo religioso e il terrorismo, creare più condizioni lavorative ed economiche per i giovani combattendo cosi la fuga dei cervelli dal sud al nord, promuovere una vera cooperazione economica e internazionale tra l’Italia e paesi di origine e promuovere politiche d’integrazione per la seconda generazione e prevenire crisi d’identità e conflitti tra le civiltà» ha sostenuto il professor Foad Aodi, membro Focal Point per l’integrazione in Italia per alleanza delle Civiltà UNAOC- organismo Onu.

«Facciamo appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle istituzioni competenti – ha continuato il professor Aodi – affinchè sia possibile realizzare questo importante progetto per il nostro futuro, in modo da unire i popoli nei valori universali del rispetto dei diritti dell’uomo. Ancora una volta purtroppo constatiamo – ha concluso Foad Aodi – che il vertice europeo non ha prodotto alcuna risposta o proposta concreta. Addirittura si parla di solidarietà a pagamento, chi paga può non accogliere immigrati, una proposta inaccettabile visto noi chiediamo il coinvolgimento di tutti i paesi europei nell’accoglienza dei migranti. Solo pochi paesi sono impegnati in politiche d’accoglienza, altri creano muri e scaricano tutti i problemi sulla comunità europea e sull’Italia, su Malta e la Grecia».

Articoli correlati
Carenza specialisti, Foad Aodi (Amsi e Omceo Roma): «Meno 60mila specialisti nel 2025, investire sui giovani medici e stabilizzare i colleghi stranieri presenti in Italia»
Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e […]
Circoncisione rituale, Aodi-Magi-Sileri: «Salviamo i bambini, serve inserimento nei LEA o legge ad hoc. Intervenga il Ministro»
All’appello lanciato da Foad Aodi, Presidente dell’Associazione Medici di origine straniera in Italia e consigliere dell’OMCeO Roma, aderisce anche il Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri: «Gli ultimi casi secondo me sono una sottostima, perché probabilmente ci sono stati molti altri casi con complicanze senza morti». Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Dobbiamo dare modo a tanti bambini di essere salvaguardati da complicanze che possono essere mortali»
Circoncisione in casa, muore bimbo di quattro mesi a Scandiano. Aodi (Amsi): «Serve legge per autorizzare strutture pubbliche a praticarla a costi accessibili»
La tragedia nel comune in provincia di Reggio Emilia: la procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Sul tema è intervenuta anche la titolare della salute: «Esistono protocolli e medici che possono aiutare le famiglie a fare le cose al meglio. Non fatelo in casa, non rischiate!». Ogni anno in Italia tra i 4mila e i 5mila i bambini vengono circoncisi per motivi culturali, religiosi o igienici. Il 35% degli interventi è clandestino. Fnomceo aderisce ad appello Aodi: «Quella rituale sia inserita subito nei Lea»
Sanità, Foad Aodi (OMCeO Roma): «Bene delibera regionale Lombardia per garantire il pediatra e le cure ai figli degli immigrati senza permesso di soggiorno»
Il consigliere dell’OMCeO di Roma e Coordinatore Area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri e Area Riabilitazione dell’OMCeO di Roma Foad Aodi commenta la notizia della delibera regionale in Lombardia che garantisce le cure ai figli degli immigrati senza permesso di soggiorno fino all’età di 18 anni argomento che in passato ha sempre creato […]
OPI Arezzo: da Pupo a Burioni, dai calciatori a Ridge, tutti contro la violenza. Il 4 marzo evento formativo
L’hashtag lanciato dagli infermieri aretini è stato condiviso da decine di migliaia di persone, tra cui celebrità come Pupo, Ciccio Graziani, Roberto Burioni, Paolo Conticini, Giovanni Malagò e Ronn Moss. Il presidente dell’Ordine Giovanni Grasso: «Diciamo no alle aggressioni sul personale sanitario e chiediamo maggiore sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...