Voci della Sanità 21 Gennaio 2022 19:14

Milleproroghe, le proposte M5S per la sanità: tra le priorità le indennità agli infermieri e agli operatori del 118

Gli emendamenti pentastellati al Decreto Milleproroghe «sono volti, da un lato, a garantire il giusto ristoro e gratificazione ai professionisti sanitari in prima linea e, dall’altro, a rafforzare il Sistema sanitario nazionale ancora oggi messo a dura prova dall’attuale fase di recrudescenza dei contagi da Covid19»

«In questi anni di emergenza pandemica i professionisti della salute hanno sempre garantito, con alto senso del dovere e spirito di sacrificio, cure e assistenza alle italiane e agli italiani, pur lavorando spesso in situazioni difficili, con la necessità di rispondere a una incrementata domanda di salute a causa del Covid. Per questo, come MoVimento 5, stelle abbiamo presentato una serie di emendamenti al Decreto Milleproroghe volti, da un lato, a garantire il giusto ristoro e gratificazione ai professionisti sanitari in prima linea e, dall’altro, a rafforzare il Sistema sanitario nazionale ancora oggi messo a dura prova dall’attuale fase di recrudescenza dei contagi da Covid19». Così in una nota le deputate e i deputati del MoVimento 5 stelle in commissione Affari sociali alla Camera.

«Con un emendamento, a prima firma Virginia Villani – continuano -, vogliamo riconoscere anche agli operatori del 118 l’indennità di rischio già riconosciuta ai medici e agli infermieri operanti nei servizi di Pronto Soccorso. Si tratta di operatori sanitari sempre in trincea per salvare vite umane ai quali va riconosciuta la giusta gratificazione».

«Con un emendamento, a prima firma Stefania Mammì – aggiungono -, chiediamo siano erogate le indennità di specificità infermieristiche, così come le indennità di tutela del malato e per la promozione della salute, da riconoscere ai professionisti sanitari della riabilitazione, della prevenzione, ai tecnici-sanitari e agli ostetrici, agli assistenti sociali, nonché agli operatori socio-sanitari, sanando l’ingiustificata discriminazione tra il personale della dirigenza medica, le cui risorse sono state immediatamente liquidate, e il restante personale interessato».

«Per far fronte all’aumentato bisogno di personale necessario per smaltire le sempre più lunghe liste di attesa dovute all’emergenza Covid, con un emendamento, a prima firma Angela Ianaro, vogliamo prorogare fino al 2025 quanto previsto in materia di reclutamento degli specializzandi dal citato DL Calabria».

«Infine, dobbiamo continuare a prestare attenzione ai più fragili: per questo, con un emendamento a prima firma Celeste D’Arrando, chiediamo la proroga fino al 31 marzo 2022 dell’equiparazione dell’assenza dal lavoro al ricovero ospedaliero e delle disposizioni sul lavoro agile», concludono.

Articoli correlati
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG
Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»
di Francesco Torre
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...