OMCeO, Enti e Territori 13 settembre 2016

Giuseppe Lavra è il nuovo presidente dell’Ordine dei Medici di Roma. Alla vicepresidenza Adriano Tocchi

Giuseppe Lavra, è il nuovo presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri. La nuova elezione, si è resa necessaria dopo la prematura scomparsa, dopo una lunga malattia, del presidente Roberto Lala. Il Consiglio dell’Ordine capitolino, riunitosi in sessione straordinaria, ha eletto a scrutinio segreto e all’unanimità Lavra che già ricopriva la carica di […]

Giuseppe Lavra, è il nuovo presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri. La nuova elezione, si è resa necessaria dopo la prematura scomparsa, dopo una lunga malattia, del presidente Roberto Lala. Il Consiglio dell’Ordine capitolino, riunitosi in sessione straordinaria, ha eletto a scrutinio segreto e all’unanimità Lavra che già ricopriva la carica di Vicepresidente.

Alla vicepresidenza subentra Adriano Tocchi, ugualmente eletto all’unanimità. Il Consiglio direttivo, che dopo la scomparsa di Lala scende a 14 membri, rimane invece invariato per quanto riguarda le altre deleghe assegnate in occasione del rinnovo del 2014.

«Daremo continuità all’opera di rinnovamento e potenziamento del ruolo dell’Ordine fortemente voluta e realizzata dal nostro collega Lala che ci ha lasciato prematuramente, cui ero legato da profonda amicizia e stima professionale e con il quale ho avuto l’onore di lavorare fianco a fianco come suo vice”, ha dichiarato Lavra subito dopo la sua elezione. “Ringrazio il Consiglio che ha voluto affidarmi questo compito e della fiducia ricevuta. Particolare impegno intendo dedicarlo a dare maggiore vitalità applicativa al nostro Codice deontologico in tutte le espressioni della professione medica».

Giuseppe Lavra, 65 anni, medico ospedaliero, è Direttore di struttura complessa per l’Azienda “S. Giovanni Addolorata” di Roma, componente della Consulta Deontologica della FNOMCEO, esponente nazionale della CIMO e segretario regionale della CIMO LAZIO.

Adriano Tocchi, 75 anni, professore ordinario di Chirurgia presso l’Università di Roma “Sapienza” dal 1997, è stato Direttore della cattedra di Chirurgia Gastroenterologica e del Primo Dipartimento di Chirurgia presso la stessa Università; già Presidente del GOGI, Gruppo Oncologico e Geriatrico Italiano.

Articoli correlati
Influenza, ecco perché vaccinarsi. Bartoletti (OMCeO Roma): «Complicazioni sono terza causa di morte per malattie infettive»
«Vaccinazione raccomandata a persone con patologie croniche, soggetti a rischio, personale sanitario e forze dell’ordine. Da effettuare tra fine di ottobre e l’inizio di novembre». I consigli di Pierluigi Bartoletti, vicepresidente OMCeO Roma
di Isabella Faggiano
Ospedale dei Castelli, presto l’apertura. Magi e Bartoletti (OMCeO Roma) visitano la struttura
“Ospedale all’avanguardia”. Cosi’ hanno definito il complesso del Nuovo Policlinico dei Castelli il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, e il vicepresidente, Pierluigi Bartoletti, al termine di una visita lampo nella struttura che diverrà operativa, secondo il cronoprogramma dell’Asl, il prossimo 18 dicembre. «I cittadini dei Castelli ma anche del litorale sud romano […]
Ddl aggressioni, Magi (OMCeO Roma): «Bene Ministro Grillo ma inasprimento pene non basta»
Secondo il Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma «è necessario che il personale sanitario nell'esercizio delle sue funzioni sia inquadrato nella figura di pubblico ufficiale o, in alternativa, prevedere la procedibilità d'ufficio contro gli aggressori»
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Stati Generali della Professione, Anelli (FNOMCeO): «Medico torni ad essere al servizio del cittadino e non dello Stato»
La relazione del Presidente applaudita dal Consiglio nazionale. Magi (OMCeO Roma): «Si inizia a fare sul serio. Bisogna ridare dignità alla professione e difendere il SSN». Rossi (OMCeO Milano): «Percorso condivisibile ma molto complesso. Per ottenere veri risultati, bisogna riuscire a redigere un documento finale realmente condiviso da professionisti e società civile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...