Voci della Sanità 30 Maggio 2022 18:25

Francesco De Lorenzo eletto presidente della European Cancer Patient Coalition (ECPC)

«La ricerca sul cancro in Europa deve allinearsi strettamente alle esigenze dei malati come stabilito dalla Mission on Cancer per dare risposte ai loro bisogni, dalla prevenzione ai trattamenti terapeutici» ha detto il neopresidente della ECPC

Francesco De Lorenzo, di recente confermato Presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO), è stato eletto, per il triennio 2022-2025, alla presidenza della European Cancer Patient Coalition (ECPC – www.ecpc.org), cui afferiscono oltre 470 associazioni di malati di cancro operanti nei 27 Paesi EU.

«La scienza con e per la società – dichiara De Lorenzo – insieme alla Policy rappresentano i Pilastri di maggior rilevanza in cui ECPC sarà maggiormente impegnata nel prossimo triennio. La ricerca sul cancro in Europa deve allinearsi strettamente alle esigenze dei malati come stabilito dalla Mission on Cancer per dare risposte ai loro bisogni, dalla prevenzione ai trattamenti terapeutici, dalla riabilitazione alla qualità della vita, fino al ritorno alla normalità delle persone guarite dal cancro. Ciò sarà possibile soltanto con la diretta partecipazione delle Associazioni dei malati ai progetti di ricerca, come sancito nel Documento condiviso dal Consiglio dei Ministri della Ricerca: Principles of Successful Patient Involvement in Cancer Research».

Insieme a De Lorenzo sono stati eletti nel board: Jana Pelouchova (Diagnoza CL, Repubblica Ceca – Vice Presidente) George Kapetanakis (Hellenic Cancer Federation ELLOK, Grecia – Segretario, Evgenia Dimitrova Aleksandrova (Association of Cancer Patients – APOZ, Bulgaria – Tesoriere), Maria Begona Barragan Garcia (Spanish Group of Cancer Patients  – Gepac, Spagna), Alin Bujan (Federatia Asociatiilor Bolnavilor de Cancer – Fabc, Romania), Jacob Landsmann Hansen (Foreningen for Oplysning Om komplementær Kræftbehandling i Danmark – FOOKiD, Danimarca).

«L’impegno nella Policy – afferma De Lorenzo – sarà in linea con la Mission on Cancer e con il Piano Europeo di Lotta contro il Cancro, al fine di raggiungere un tasso di sopravvivenza dal 47% attuale al 75% entro il 2035, attraverso interventi straordinari di carattere finanziario, regolatorio e legislativo da parte della Commissione e degli Stati Membri. Particolare attenzione sarà dedicata al superamento delle inaccettabili disuguaglianze economiche e sociali tra gli Stati Membri e al loro interno, con particolare riguardo al superamento delle barriere che impediscono alle persone guarite dal cancro l’accesso ai servizi finanziari. Lo strumento per operare in tal senso è il “Challenge Cancer Intergroup“, il primo Intergruppo informale votato dal Parlamento Europeo, costituito da 37 Parlamentari e da ECPC, con l’obiettivo di colmare il divario tra le istituzioni europee, i governi nazionali, le rappresentanze sociali nonché le Associazioni dei malati e dei cittadini, per ridurre il crescente carico del cancro nell’Unione Europea».

Eletto anche il Comitato di revisione che ha scelto come Presidente Roberto Persio (Associazione Italiana Laringectomizzati – Ailar, Italia) e di cui fanno parte Maria Theodoridou (ΕΥ ΖΩ – Living Well with Cancer, Grecia) e Vasile Ianovici (Federatia Asociatiilor Bolnavilor de Cancer Country, Romania).

Il Past President ECPC Kathy Apostolidis (President of the Hellenic Cancer Coalition-ELLOK, Grecia) presiederà il Comitato Scientifico della coalizione europea.

Articoli correlati
Oncologia del territorio, De Lorenzo (FAVO): «Regia nazionale per evitare diseguaglianze»
Secondo il Presidente della FAVO Francesco De Lorenzo sarà fondamentale garantire la continuità delle cure oncologiche sul territorio attraverso le Reti e il Fascicolo sanitario. Secondo il Rapporto FAVO il 30% dei malati oncologici potrebbe essere seguito per una parte significativa del proprio percorso di cura sul territorio
di Francesco Torre
Giornata Mondiale del Malato, FAVO e UNIAMO firmano protocollo di intesa
 L’accordo prevede una stretta collaborazione fra le due Federazioni, prima di tutto per garantire la piena e rapida attuazione della Legge 175, “Disposizioni per la cura delle malattie rare e per il sostegno della ricerca e della produzione dei farmaci orfani”
Giornata contro il cancro, FAVO: «Liste d’attesa, smart card del sopravvissuto e accesso alla prevenzione le priorità»
La Federazione italiana delle Associazione di Volontariato in Oncologia chiede che il Governo si attivi quanto prima per adottare un Piano Oncologico Nazionale, in linea con quello europeo, per superare l’emergenza oncologica
Dal divieto di lavoro notturno al sostegno al reddito, le proposte FAVO per i lavoratori con malattia oncologica
Nel corso dell’audizione in commissione Lavoro alla Camera, i rappresentanti della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia hanno spiegato che le norme a tutela di questi lavoratori non sono sufficienti: «Garantire i diritti costituzionali alla salute ed al lavoro»
di Francesco Torre
Iannelli (FAVO): «Reddito di ultima istanza Covid riconosciuto ai lavoratori autonomi e liberi professionisti invalidi»
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali