Voci della Sanità 30 Maggio 2022 18:25

Francesco De Lorenzo eletto presidente della European Cancer Patient Coalition (ECPC)

«La ricerca sul cancro in Europa deve allinearsi strettamente alle esigenze dei malati come stabilito dalla Mission on Cancer per dare risposte ai loro bisogni, dalla prevenzione ai trattamenti terapeutici» ha detto il neopresidente della ECPC

Francesco De Lorenzo, di recente confermato Presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO), è stato eletto, per il triennio 2022-2025, alla presidenza della European Cancer Patient Coalition (ECPC – www.ecpc.org), cui afferiscono oltre 470 associazioni di malati di cancro operanti nei 27 Paesi EU.

«La scienza con e per la società – dichiara De Lorenzo – insieme alla Policy rappresentano i Pilastri di maggior rilevanza in cui ECPC sarà maggiormente impegnata nel prossimo triennio. La ricerca sul cancro in Europa deve allinearsi strettamente alle esigenze dei malati come stabilito dalla Mission on Cancer per dare risposte ai loro bisogni, dalla prevenzione ai trattamenti terapeutici, dalla riabilitazione alla qualità della vita, fino al ritorno alla normalità delle persone guarite dal cancro. Ciò sarà possibile soltanto con la diretta partecipazione delle Associazioni dei malati ai progetti di ricerca, come sancito nel Documento condiviso dal Consiglio dei Ministri della Ricerca: Principles of Successful Patient Involvement in Cancer Research».

Insieme a De Lorenzo sono stati eletti nel board: Jana Pelouchova (Diagnoza CL, Repubblica Ceca – Vice Presidente) George Kapetanakis (Hellenic Cancer Federation ELLOK, Grecia – Segretario, Evgenia Dimitrova Aleksandrova (Association of Cancer Patients – APOZ, Bulgaria – Tesoriere), Maria Begona Barragan Garcia (Spanish Group of Cancer Patients  – Gepac, Spagna), Alin Bujan (Federatia Asociatiilor Bolnavilor de Cancer – Fabc, Romania), Jacob Landsmann Hansen (Foreningen for Oplysning Om komplementær Kræftbehandling i Danmark – FOOKiD, Danimarca).

«L’impegno nella Policy – afferma De Lorenzo – sarà in linea con la Mission on Cancer e con il Piano Europeo di Lotta contro il Cancro, al fine di raggiungere un tasso di sopravvivenza dal 47% attuale al 75% entro il 2035, attraverso interventi straordinari di carattere finanziario, regolatorio e legislativo da parte della Commissione e degli Stati Membri. Particolare attenzione sarà dedicata al superamento delle inaccettabili disuguaglianze economiche e sociali tra gli Stati Membri e al loro interno, con particolare riguardo al superamento delle barriere che impediscono alle persone guarite dal cancro l’accesso ai servizi finanziari. Lo strumento per operare in tal senso è il “Challenge Cancer Intergroup“, il primo Intergruppo informale votato dal Parlamento Europeo, costituito da 37 Parlamentari e da ECPC, con l’obiettivo di colmare il divario tra le istituzioni europee, i governi nazionali, le rappresentanze sociali nonché le Associazioni dei malati e dei cittadini, per ridurre il crescente carico del cancro nell’Unione Europea».

Eletto anche il Comitato di revisione che ha scelto come Presidente Roberto Persio (Associazione Italiana Laringectomizzati – Ailar, Italia) e di cui fanno parte Maria Theodoridou (ΕΥ ΖΩ – Living Well with Cancer, Grecia) e Vasile Ianovici (Federatia Asociatiilor Bolnavilor de Cancer Country, Romania).

Il Past President ECPC Kathy Apostolidis (President of the Hellenic Cancer Coalition-ELLOK, Grecia) presiederà il Comitato Scientifico della coalizione europea.

Articoli correlati
Cancro al polmone, le indicazioni dell’intergruppo “Challenge Cancer” per ottimizzare lo screening
«La TAC a basso dosaggio rappresenta una promettente strategia salvavita» secondo gli esperti consultati dalla FAVO, Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia. «Un intervento di diagnosi precoce del carcinoma polmonare con LDTC nei forti fumatori può ottenere una riduzione della mortalità per cancro polmonare compresa tra il 20% e il 39%» sottolinea Francesco De Lorenzo, presidente della European Cancer Patient Coalition
Tumori, FAVO: «Italia in colpevole ritardo nell’applicazione del Piano di contrasto europeo. Ai partiti chiediamo risposte certe»»
Secondo la Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, «la bozza del Piano oncologico nazionale predisposta dal Governo non è in linea con quello dell’Europa. Mancano azioni concrete, risorse, tempistica, adeguamento degli organici e indicatori di monitoraggio»
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
Oncologia del territorio, De Lorenzo (FAVO): «Regia nazionale per evitare diseguaglianze»
Secondo il Presidente della FAVO Francesco De Lorenzo sarà fondamentale garantire la continuità delle cure oncologiche sul territorio attraverso le Reti e il Fascicolo sanitario. Secondo il Rapporto FAVO il 30% dei malati oncologici potrebbe essere seguito per una parte significativa del proprio percorso di cura sul territorio
di Francesco Torre
Giornata Mondiale del Malato, FAVO e UNIAMO firmano protocollo di intesa
 L’accordo prevede una stretta collaborazione fra le due Federazioni, prima di tutto per garantire la piena e rapida attuazione della Legge 175, “Disposizioni per la cura delle malattie rare e per il sostegno della ricerca e della produzione dei farmaci orfani”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa