Voci della Sanità 16 Marzo 2020

COVID19, Monti (Simedet): «Origine sicuramente animale. Ai medici dico: tuteliamo anche il piano emotivo dei pazienti»

In una lettera indirizzata agli iscritti della Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, Monti sottolinea: «È importante che i colleghi si informino esclusivamente attraverso i canali istituzionali»

Il vicepresidente Nazionale della SIMEDET, Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, Manuel Monti, dirigente medico dell’USL Umbria 1 e, tra le altre cose, responsabile della “Gestione nella pianificazione della macroemergenza”, ha voluto mandare un messaggio ai soci con importanti raccomandazioni sull’emergenza coronavirus. Ecco il testo:

«Carissimi colleghi, in questo momento ci troviamo ad affrontare probabilmente uno dei più importanti e difficili eventi della nostra carriera professionale.

Siamo professionisti sanitari ma anche genitori figli mariti mogli e nipoti. In questo momento stiamo ricevendo da vari fronti notizie spesso contraddittorie e siamo preoccupati, ma è normale.

Abbiamo a che fare con un virus ad RNA con una forte propensione a mutare ed adattarsi. L’origine è sicuramente animale ed il pipistrello è la specie serbatoio più probabile (alberga numerosi betacoronavirus fra cui quello da cui ha originato il virus della SARS). È probabile che sia passato all’uomo già da un po’ di tempo e si sia adattato proprio attraverso le mutazioni, ad essere trasmesso nel circuito interumano. Il salto di specie garantisce ad un nuovo virus un notevole vantaggio verso la popolazione suscettibile.

Vi sarete accorti che non tutti i virologi che quotidianamente affollano le trasmissioni televisive la pensano allo stesso modo. Questo è assolutamente normale (la scienza è democratica fra gli scienziati e sensibilità e approcci diversi sono il sale del dibattito scientifico). Il principio di precauzione, se applicato bene, non sarà mai apprezzato abbastanza, se il problema sanitario poi non si verifica. Mentre una sottovalutazione del pericolo potrebbe avere gravi conseguenze. La difficoltà di prendere la giusta decisione è un sottile filo che lega questi due estremi.

Diventa fondamentale, soprattutto per noi, informarci attraverso i canali istituzionali dove vengono fornite informazioni che trovano il loro fondamento nelle conoscenze scientifiche e dalle discussioni scaturite tra i maggiori esperti italiani e mondiali. Per tale motivo mi appello affinché utilizzate per recepire informazioni solo i canali istituzionali come il sito del Ministero della salute, della Usl di appartenenza o dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Dobbiamo continuare a svolgere il nostro lavoro in sicurezza (prima di tutto) ma anche sapendo che i pazienti, i familiari, i cittadini ci guardano e ripongono, in questo periodo ancora con più forza, tutte le speranze e la fiducia verso noi operatori del Servizio Sanitario Nazionale. Non dobbiamo né possiamo deluderli! Famiglie e malati hanno necessità di essere oggi ancor più tutelati non solo sul piano clinico, ma anche su quello emotivo e organizzativo. Non vanno esposti a rischi, che per loro sarebbero più rilevanti di una persona sana, ma vanno anche rassicurati in maniera consapevole e garantiti nell’approccio con le strutture sanitarie.

La letteratura recente suggerisce che la diffusione del SARS-CoV-2 potrebbe ancora crescere e che i sistemi sanitari in tutto il mondo saranno ancor di più messi a dura prova. In questo contesto, tutti noi siamo inevitabilmente coinvolti nell’affrontare le conseguenze dell’epidemia di SARS-CoV-2. Tutti noi membri del Servizio Sanitario Nazionale, insieme alle autorità sanitarie pubbliche, abbiamo appena iniziato a combattere una battaglia che vinceremo. Buon lavoro a tutti!»

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»