Voci della Sanità 11 Marzo 2020

Coronavirus, Federazione Chimici Fisici si appella al governo: «Chiediamo sostegno chiaro e tangibile ai professionisti»

La presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici Nausicaa Orlandi chiede all’esecutivo necessarie misure straordinarie: «I professionisti sono il motore pulsante della nostra nazione. Ci auguriamo che il Governo li aiuti a continuare a pulsare con lo stesso ritmo»

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici (FNCF) scende in campo per chiedere al governo aiuti concreti per i professionisti del settore colpiti dalla crisi generata dall’emergenza coronavirus.

«A seguito del nuovo Dpcm 10/03 recante ulteriori misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 su tutto il territorio nazionale, il lavoro dei liberi professionisti, degli studi professionali, delle imprese, dei loro dipendenti e collaboratori sta vivendo un momento di forte crisi che necessita nell’immediato di azioni reali di sostegno da parte del Governo» si legge in una nota della Federazione presieduta da Nausicaa Orlandi.

«L’emergenza Coronavirus coinvolge direttamente il lavoro dei professionisti, dei liberi professionisti, degli studi professionali, delle imprese, dei loro dipendenti e collaboratori che non possono restare senza reali azioni di sostegno in un momento così critico. Una criticità destinata a pesare fortemente sull’economia, e gli effetti stanno già avvenendo sui professionisti, in particolare i liberi professionisti che si troveranno a fare i conti sin da subito con le problematiche delle liquidità di cassa. Chiediamo in questo frangente un segnale chiaro da parte del Governo al fine di sostenere i professionisti, evitando di ingenerare crisi di liquidità dovute da un lato a mancate entrate e dall’altro a uscite legate all’emergenza sanitaria ed al versamento di tributi e contributi».

«Considerando che l’emergenza si riversa su tutto il territorio nazionale, e che gli scenari sono quelli di un’incertezza lavorativa senza precedenti, chiediamo di:

  • sospendere i versamenti e gli adempimenti tributari, contributivi e assistenziali e relativi all’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, compresi quelli relativi alle ritenute e ai tributi locali, e, alla scadenza, previsione di un periodo congruo di rateazione dei pagamenti sospesi;
  • estendere a tutto il territorio nazionale l’indennità mensile per i professionisti, e titolari di studio professionale o impresa prevista dall’art.16 del Decreto Legge 2 marzo 2020 n. 9, valutando la possibilità di aumentare l’importo previsto di 500 euro per un massimo di tre mesi in quanto non sufficiente stante la situazione attuale che prevede forti limitazioni di spostamento con conseguente perdita di attività;
  • estendere i fondi previsti a sostegno delle PMI anche ai professionisti all’accesso alla CIG in deroga per studi professionali;
  • riduzione al 50% della base imponibile IMU per i fabbricati utilizzati per l’attività professionale;
  • garantire a tutti i professionisti sanitari che operano nelle strutture e che tanto stanno contribuendo per l’emergenza dispositivi di protezione individuale in numero adeguato e sufficiente oltre al sostegno necessario per garantire;
  • prorogare il termine per l’approvazione del bilancio consuntivo degli enti pubblici, quali, ad esempio, quelli degli enti territoriali e degli Ordini professionali».

L’azione della FNCF per i propri iscritti e l’appello al Governo

In prima linea la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici (FNCF), che sin dall’inizio ha seguito questa situazione di criticità sanitaria prevedendo un immediato spostamento del pagamento del tributo per l’iscrizione all’Albo per coloro che si trovavano nei comuni della cosiddetta “zona rossa”, e allo stesso tempo, chiedendo al Governo che i professionisti abbiano parimenti diritto ad adeguate misure compensative, tenendo conto dei vari ambiti in cui operano. Successivamente, in considerazione della situazione in cui versa tutto il territorio nazionale, la Federazione, con determina del Presidente Nausicaa Orlandi, ha ritenuto fondamentale supportare tutti gli iscritti del territorio nazionale spostando al 30 giugno 2020 la scadenza del pagamento del contributo annuale dovuto alla FNCF per l’iscrizione all’Albo dei chimici e dei fisici. 

«Riteniamo fondamentale un intervento da parte dello Stato a sostegno dei professionisti tutti, ed in particolare dei liberi professionisti e degli studi professionali che sono ora in prima linea, insieme ai nostri professionisti che quotidianamente operano sul fronte sanitario ospedaliero, a cui va il nostro grazie. I professionisti sono il motore pulsante della nostra nazione. Ci auguriamo che il Governo li aiuti a continuare a pulsare con lo stesso ritmo», dichiara il Presidente Orlandi.

«Stante l’attuale situazione di emergenza – prosegue – chiediamo al Governo che i professionisti abbiano parimenti diritto ad adeguate misure compensative, tenendo conto della situazione reale di emergenza e degli scenari che dalla stessa derivano. È fondamentale che il Governo garantisca immediatamente un sostegno economico chiaro e tangibile. Un contributo a questi professionisti è doveroso».

La FNCF ribadisce la volontà di richiedere agli enti preposti, e nello spirito della massima collaborazione, alle Istituzioni provvedimenti a tutela dei professionisti che, in questo momento di difficoltà, sono fra le poche categorie a non beneficiare di concreti aiuti.

Articoli correlati
Chimici e Fisici incontrano il Ministro Speranza: focus su scuole di specializzazione, esame di stato e valorizzazione ruolo sanitario
Tra le proposte portate dalla Presidente della FNCF Nausicaa Orlandi e dal Segretario Daniela Maurizi le disposizione transitorie per la riforma del sistema ordinistico, l'attivazione di scuole di specializzazione, la definizione del trattamento economico per specializzandi di area non medica, la partecipazione ai tavoli di lavoro del Testo Unico sulla Sicurezza e potenziamento del ruolo nelle ARPA
Semplificazione, più scuole di specializzazioni per Chimici e esame di Stato per i Fisici: le proposte della FNCF durante gli Stati Generali dell’Economia
«Riteniamo che si possano migliorare insieme alcuni aspetti a vantaggio dei professionisti e della collettività tutta, nell’interesse specifico di garantire la salute nei luoghi di vita e di lavoro» sottolinea la Presidente della Federazione Nausicaa Orlandi
Stati Generali delle Professioni, Orlandi (FNCF): «Necessario sostegno economico per tutti gli iscritti, in particolare liberi professionisti »
Nel corso dell’evento è stato presentato il Manifesto per la ripartenza, un documento che serve a ricordare al Paese, e soprattutto al Governo, il ruolo sussidiario che le Professioni oggi esercitano. Tra i punti la richiesta di una programmazione idonea degli accessi universitari e appropriati percorsi formativi di specializzazione di tutti i professionisti sanitari medica e non medica
«Io mai discriminata, ma bisogna combattere stereotipi di genere». Parla Nausicaa Orlandi (Chimici e Fisici), una delle donne del CTS
Il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha nominato sei donne nel Comitato Tecnico Scientifico per integrarlo con la presenza femminile. Tra loro la Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici: «La nomina un grande riconoscimento per noi». Sui luoghi di lavoro una delle sfide per la Fase 2: «Serve cultura della sicurezza, controlli e regole chiare»
Covid19, nel CTS entra anche la Presidente dei Chimici-Fisici Nausicaa Orlandi: «Grande riconoscimento per la professione»
La Orlandi, membro di diritto del Consiglio Superiore di Sanità, è stata chiamata a far parte del Comitato Tecnico Scientifico dal Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...