Voci della Sanità 20 Maggio 2020

Covid19, Fondo di solidarietà esteso a tutte le professioni sanitarie. Beux: «Ora tavolo di confronto con gli Ordini»

«In vista dei decreti attuativi, è necessario convocare senza indugio il tavolo di confronto per realizzare la procedura di conciliazione» sottolinea il Presidente della FNO TSRM e PSTRP Alessandro Beux

Dopo una fitta corrispondenza con le Istituzioni, finalmente si è giunti alla pubblicazione del DL Rilancio che estende il Fondo di solidarietà per il risarcimento ai famigliari degli operatori sanitari vittime di Covid-19, aggiustando le omissioni della prima stesura. «Tutto è bene quel che finisce bene – ha commentato il Presidente della FNO TSRM e PSTRP Alessandro Beux – dato che la Federazione nazionale delle Professioni Sanitarie è stata la prima a chiedere un intervento dello Stato con questa finalità, proponendo un tavolo di conciliazione, salvo poi essere beffata dalla formulazione dell’art. 22-bis del DL precedente, cosiddetto Cura Italia, che aveva previsto che del fondo potessero beneficiare solo i familiari di medici, infermieri e operatori socio-sanitari. La pronta e puntuale denuncia delle FNO ha creato i presupposti necessari a determinare la pubblicazione dell’art. 10 del DL Rilancio che corregge l’errore estendendo il fondo a tutti gli esercenti le professioni sanitarie».

«A questo punto, data la necessità dei decreti attuativi – sottolinea l’avvocato Laila Perciballi, referente della Federazione – è ancor più evidente l’utilità di un tavolo di confronto per consentire ai famigliari degli operatori sanitari vittime di Covid-19 di accedere al Fondo di solidarietà e scongiurare altri errori».

«Ebbene – commenta il Presidente Alessandro Beux – dato che il 14 aprile Stefano Bonaccini, in rappresentanza delle Regioni italiane, aveva ribadito la propria disponibilità all’apertura del tavolo di confronto vincolandola alla presenza delle Amministrazioni centrali e della Protezione civile e dato che lo scorso 5 maggio il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, ha comunicato che il Dipartimento non ha profili di competenza sul tema, la Federazione rivendica il diritto a un immediato chiarimento tra tutte le parti su chi abbia competenza in materia, affinché una questione tanto delicata non si risolva in un rimbalzo di responsabilità che risulterebbe offensivo per le vittime ed i loro famigliari».

«Ora, in linea con le precedenti note – commenta Laila Perciballi – si attende la tempestiva convocazione del tavolo di confronto così da concordare, in un dialogo che veda coinvolte tutte le Federazioni nazionali degli Ordini interessate e i soggetti a diverso titolo coinvolti, le modalità di attuazione e di implementazione del Fondo di solidarietà così da porre in essere agevoli procedure di conciliazione per l’accesso dei famigliari delle vittime, la verifica dei presupposti, la quantificazione dei risarcimenti».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, FNO TSRM PSTRP: «Preoccupa ruolo educatori socio-pedagogici e pedagogisti in ambito sanitario»
La FNO TSRM e PSTRP contesta anche l’ipotesi di voler istituire una figura unica, che vedrebbe accorpate le professioni di area socio-educativa con alcune di quelle di area socio-sanitaria
Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»
L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie non ci sta: «Confidiamo che nei prossimi giorni la condivisibile iniziativa a favore dei soli infermieri sia, doverosamente, estesa alle professioni sanitarie»
«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)
Firmato da Giuseppe Ippolito, riunisce 15 esperti da Europa e Stati Uniti. Si chiede di riflettere sui fallimenti dell'epidemia e preparare un nuovo sistema di allerta precoce
“Anziani, diritti e tutela senza età”, in un libro le sfide degli over 65 ai tempi della pandemia
A cura di Laila Perciballi, avvocato e referente della FNO TSRM e PSTRP, l’instant book «vuole proporre un nuovo modello di assistenza sanitaria e sociale che aiuti gli anziani a vivere nelle loro case, nel loro habitat, nel tessuto famigliare e sociale». Tra gli autori Anna Melillo, Maria Pia Gallo e Massimo Tosini
“Anziani. Diritti e tutele senza età”: un libro per ripensare l’assistenza sanitaria e sociosanitaria mettendo al centro la persona
Nel libro - ideato dall'avvocato Laila Perciballi - il supporto all'idea dell’amministratore di sostegno da nominare quando necessario per aiutare i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli