OMCeO, Enti e Territori 4 aprile 2017

Bevere (AGENAS): soddisfatto della nomina di Stefano Vella alla Presidenza di AIFA

Il Direttore Generale di AGENAS Francesco Bevere si dice soddisfatto dell’intesa tra il Ministero della Salute e la Conferenza delle Regioni che ha portato alla nomina di Stefano Vella alla guida dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Sottolineando la sua lunga esperienza come Direttore del Dipartimento del Farmaco dell’ISS e i suoi incarichi, tra gli altri, nell’ambito […]

Il Direttore Generale di AGENAS Francesco Bevere si dice soddisfatto dell’intesa tra il Ministero della Salute e la Conferenza delle Regioni che ha portato alla nomina di Stefano Vella alla guida dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Sottolineando la sua lunga esperienza come Direttore del Dipartimento del Farmaco dell’ISS e i suoi incarichi, tra gli altri, nell’ambito dell’Agenzia Europea dei medicinali e del Comitato tecnico scientifico dell’AIFA, Bevere ha dichiarato come Vella sia «una professionalità di comprovata esperienza scientifica e di grande spessore umano» e la persona ideale per affrontare le sfide future di AIFA, in particolar modo «la garanzia di accesso ai farmaci innovativi alle fasce più deboli del Paese».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano