Voci della Sanità 25 Gennaio 2022 12:06

Barriere architettoniche, Chiarini (Confad): «Detrazione al 110% valga per tutti i fabbricati dove vive una persona con disabilità»

Per il presidente del Coordinamento Nazionale famiglie con disabilità Alessandro Chiarini bisogna prevedere «l’estensione del bonus di detrazione dal 75 % al 110% per tutti i lavori volti all’eliminazione delle barriere architettoniche nei fabbricati in cui viva una persona con disabilità non deambulante»

«La legge di Bilancio 2021 ha introdotto importanti novità per ciò che riguarda le detrazioni fiscali nel caso vengano eseguiti interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche, è infatti possibile usufruire della detrazione del 110% per l’installazione di ascensori, montacarichi e ogni altro strumento anche di robotica che sia volto a migliorare comunicazione e mobilità delle persone con disabilità, a patto però che questi interventi vengano realizzati congiuntamente a un intervento trainante di efficientamento energetico». Così in una nota Alessandro Chiarini, presidente di Confad, Coordinamento Nazionale famiglie con disabilità.

«Con la legge di bilancio 2022 è stato approvato un emendamento che prevede la detrazione al 75%, per la realizzazione di opere rivolte all’eliminazione delle barriere architettoniche nel caso in cui non si tratti interventi inseriti nel Superbonus 110% (seguendo le indicazioni del D.M.236 del 14/06/1989 e del DPR 6 giugno 2001 n. 380 (Testo Unico dell’Edilizia), in particolare al Capo III (artt. 77 e ss., che hanno fissato le prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata)».

«In merito a questi due interventi legislativi ci preme fare alcune considerazioni. Premesso che:

• la nuova strategia europea sui diritti delle persone con disabilità 2021-2030, adottata a marzo 2021, prevede una serie di azioni e di iniziative prioritarie in vari settori, ed una di queste riguarda proprio l’accessibilità, cioè la possibilità di circolare e soggiornare liberamente, ma anche di partecipare al processo democratico;
• nel PNRR sono previsti per le infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore 11,17 miliardi, finalizzati a realizzare i principali interventi per le persone con disabilità, che annoverano, tra gli altri, innovativi percorsi di autonomia per individui disabili e la Legge quadro per le disabilità;
• la risposta all’interpello n. 455/2021 dell’Agenzia delle Entrate afferma che possono godere del Superbonus 110% per ciò che riguarda gli interventi destinati alla rimozione delle barriere architettoniche, anche gli edifici in cui non vi è la presenza di anziani o disabili;
• la mancanza della concreta accessibilità di un bene determina uno svantaggio per le persone con disabilità e lede il principio di parità di trattamento di cui alla legge 67 del 2006 (che comporta che non può essere praticata alcuna discriminazione in pregiudizio delle persone con disabilità)
• Il Testo Unico n. 380 del 6/6/2001 in materia di edilizia, prevede che “Tutte le opere realizzate negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico in difformità dalle disposizioni vigenti in materia di accessibilità e di eliminazione delle barriere architettoniche, nelle quali le difformità siano tali da rendere impossibile l’utilizzazione dell’opera da parte delle persone con disabilità, sono dichiarate inagibili”;

«È un vero e proprio paradosso che lo Stato, con lodevole iniziativa, abbia deciso di agevolare l’eliminazione delle barriere architettoniche nei fabbricati dove vengono eseguiti i lavori relativi al Super bonus 110%, mentre di contro la legge obbliga chi ha l’assoluto bisogno e vive in un immobile dove non vengono realizzati lavori del Super bonus 110% ad effettuare l’eliminazione delle barriere architettoniche potendo accedere alla detrazione solo del 75%. Per questa ragione riteniamo che si debba agire per operare una variazione alla norma che preveda l’estensione del bonus di detrazione dal 75 % al 110% per tutti i lavori volti all’eliminazione delle barriere architettoniche nei fabbricati in cui viva (risieda) una persona con disabilità non deambulante e che possa attraverso la cessione del credito di imposta o lo sconto in fattura così come disciplinato dalla legge di Bilancio 2022, realizzare le opere che gli consentono di vivere in piena autonomia».

Articoli correlati
Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»
La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»
Caregiver, il Fondo in legge di Bilancio non convince le associazioni: «Famiglie abbandonate»
In Legge di Bilancio previsti 30 milioni di euro all’anno fino al 2023 per il Fondo Caregiver, ma le associazioni sono scettiche. Chiarini (Confad): «Italia unico paese in Europa a non avere una legge». Iannelli (Aimac): «Fondo non sarà sufficiente nemmeno a coprire le esigenze delle famiglie con disabili gravi»
“La città che vorrei”, domenica 6 ottobre torna il Fiaba Day per l’abbattimento delle barriere architettoniche
Alle ore 9.30 Palazzo Chigi aprirà le sue porte alle visite guidate per gruppi di persone con disabilità e loro accompagnatori. Durante la giornata si alterneranno, sul palco posizionato a Piazza Colonna, momenti di dibattito e di intrattenimento
“Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”: il 17 aprile a Roma la consegna dei premi
Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare […]
Salute nelle città, Troncarelli (Welfare Lazio): «Occorre migliorare stili di vita: presto legge su invecchiamento attivo»
Nel 2050 sette persone su dieci vivranno in contesto urbano con aumento delle malattie non trasmissibili, a partire dal diabete. «Salute non è solo assenza di malattia. Bisogna lavorare per far sì che lo sport sia alla portata di tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...