Voci della Sanità 2 Maggio 2023 15:35

Allarme infezioni correlate all’assistenza, Andreoni (Fulop): «È la grande pandemia dei prossimi anni»

«È necessario affrontare questa emergenza attraverso una visione globale di sanità sia all’interno delle strutture ospedaliere che attraverso una capillare informazione e formazione dei cittadini indirizzati verso un corretto uso degli antibiotici» sottolinea Massimo Andreoni, Presidente del Comitato scientifico dell’associazione Fulop

Allarme infezioni correlate all’assistenza, Andreoni (Fulop): «È la grande pandemia dei prossimi anni»

«L’antibiotico-resistenza e le infezioni correlate all’assistenza (ICA) costituiscono la vera grande pandemia dei prossimi anni. In Italia si calcolano circa 11mila decessi l’anno per le infezioni da germi multi-resistenti. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) prevede nel 2050 circa trenta milioni di decessi in tutto il mondo, e costituisce la causa maggiore di vittime in ambito sanitario». È l’allarme lanciato da Massimo Andreoni, Presidente del Comitato scientifico dell’associazione Fulop e professore emerito di Malattie Infettive dell’Università di Tor Vergata, nel corso del convegno “Infettivologia all’ombra del Vesuvio” promosso da Nicola Coppola, direttore Malattie Infettive dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e Ivan Gentile, docente di Malattie infettive presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, che si è svolto a Napoli presso il Complesso dei SS. Marcellino e Festo.

«È necessario affrontare questa emergenza attraverso una visione globale di sanità sia all’interno delle strutture ospedaliere – ha proseguito il professor Andreoni – che attraverso una capillare informazione e formazione dei cittadini indirizzati verso un corretto uso degli antibiotici, evitandone l’abuso e soprattutto l’uso improprio. E’ una sfida che si vince solo se affrontata con un lavoro di squadra seguendo la regola delle buone prassi nella vita di tutti i giorni».

«Il contrasto alle ICA e un utilizzo corretto degli antibiotici comporta un risparmio economico di assoluto rilievo per il comparto sanitario – ha aggiunto Raffaele Di Monda Presidente dell’associazione Fulop – non solo a livello nazionale ma anche europeo e mondiale. Secondo stime recenti una singola infezione ospedaliera ha un costo aggiuntivo tra i 7mila e i 9mila euro per il prolungarsi delle degenze dei pazienti colpiti come evidenziato dalla ricerca “Burden economico delle infezioni ospedaliere in Italia”, realizzata dalla Facoltà di Economia dell’Università di Tor Vergata. Numeri che impongono l’adozione di misure urgenti per arginare il fenomeno».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...