Voci della Sanità 27 Luglio 2017

Aiop Lazio contro i ricoveri degli anziani malati nelle case di riposo

AIOP Lazio si schiera contro i ricoveri degli anziani malati nelle case di riposo che non offrono assistenza medica continuativa ma solo sociale. E proprio per questo il Presidente Zingaretti ha preso l’impegno pubblico di presentare entro il 31 dicembre 2017 una nuova normativa sulle case di riposo. “La poca informazione presso le AA.SS.LL. e […]

AIOP Lazio si schiera contro i ricoveri degli anziani malati nelle case di riposo che non offrono assistenza medica continuativa ma solo sociale.

E proprio per questo il Presidente Zingaretti ha preso l’impegno pubblico di presentare entro il 31 dicembre 2017 una nuova normativa sulle case di riposo.

“La poca informazione presso le AA.SS.LL. e una concorrenza non corretta delle case di riposo portano le famiglie a far ricoverare gli anziani malati, spesso allettati, in strutture non idonee, la cui retta mensile costa meno, ma che non offrono assistenza medica – afferma la Dr.ssa Jessica Veronica Faroni, Presidente AIOP Lazio – non potevamo assistere ancora ad una situazione assolutamente non civile che si ripete ogni anno.”

Alcune strutture aderenti all’AIOP Lazio hanno deciso di venire incontro a tale problema sociale – specialmente estivo – e quindi i loro posti letto autorizzati ma non accreditati delle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) offrono delle agevolazioni nei ricoveri.

Questo permetterà alle famiglie con un anziano malato di ricoverarlo in una struttura con assistenza medica, garantita 24 ore su 24.

“Il problema è sempre la disponibilità economica delle famiglie che in molti casi non riescono a far fronte alle rette da pagare per il ricovero nelle RSA accreditate – aggiunge Faroni – e questo nonostante l’ISEE l’indicatore della situazione economica equivalente, ossia lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali agevolate, sia stato modificato grazie alla proposta dell’AIOP. Con l’innalzamento dell’ISEE immaginavamo un maggior flusso nelle RSA accreditate. Ma le famiglie vivono una crisi profonda e sono costrette a scegliere per i loro anziani malati situazioni di ricovero pagando rette al di sotto anche dei 1.000 euro mensili, per strutture non idonee; case di riposo improvvisate in alcuni casi, prive di controlli, dove gli ospiti, purtroppo accade, vengono anche legati ai letti come più volte denunciato dai Carabinieri del NAS”.

L’AIOP Lazio è a disposizione dei cittadini per dare informazioni sulle strutture di RSA al numero 06 3222 671

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...