Meteo 18 Giugno 2019

A scuola di HTA: si apre a Torino il corso Sifo per farmacisti ospedalieri

L’Health Technology Assessment (HTA) è quell’approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia attraverso la valutazione di più dimensioni quali l’efficacia, la sicurezza, i costi, l’impatto sociale e organizzativo. Questo approccio all’interno dei sistemi sanitari valuta gli effetti reali e/o potenziali della tecnologia durante tutto […]

L’Health Technology Assessment (HTA) è quell’approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia attraverso la valutazione di più dimensioni quali l’efficacia, la sicurezza, i costi, l’impatto sociale e organizzativo.

Questo approccio all’interno dei sistemi sanitari valuta gli effetti reali e/o potenziali della tecnologia durante tutto il suo ciclo di vita, adottando punti di vista rilevanti al fine di prendere decisioni di investimento, gestione e disinvestimento. Proprio per la sua capacità di orientare scelte razionali sulle tecnologie in un contesto di risorse scarse, l’HTA si pone come uno strumento sistematico e decisivo nel garantire il diritto all’assistenza sanitaria e alle migliori terapie efficaci, uno strumento che però deve essere messo a disposizione degli operatori sanitari con chiarezza, trasparenza ed efficacia.

Alla luce di queste premesse la Società Italiana del Farmacisti Ospedalieri e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) ha messo a punto un percorso di formazione specifica sui risvolti concreti dell’applicazione delle logiche e dei metodi dell’HTA, “Pratiche di HTA per il farmacista ospedaliero”. Quali sono lo scopo e gli obiettivi di questo corso residenziale? «Il Laboratorio HTA, intende diffondere conoscenze e competenze pragmatiche sui principi e sull’utilizzo dell’HTA a supporto delle decisioni a livello regionale ed aziendale ad integrazione delle più tradizionali competenze del farmacista ospedaliero – puntualizza Francesco Cattel, Segretario Nazionale SIFO e coordinatore del Laboratorio -. Come spesso accade, alla velocità e urgenza della revisione della spesa pubblica, non sempre si associa la profondità di analisi e accurata gestione delle risorse. Nel nostro sistema sanitario, la difficoltà maggiore è quella di portar e il metodo dell’HTA nella pratica quotidiana degli operatori sanitari. Alla luce di queste premesse, il corso di formazione che proponiamo in questi giorni a Torino è strutturato per offrire ai Farmacisti Ospedalieri una formazione specifica sui risvolti concreti dell’applicazione delle logiche e dei metodi dell’HTA nella pratica quotidiana di gestione».

Il Corso prevede interventi introduttivi e fondativi di illustri professori ed è frutto del lavoro del Laboratorio HTA: ma quali sono le esigenze a cui questa attività SIFO cerca di rispondere? «Obiettivo principale del Laboratorio HTA è la formazione dei farmacisti ospedalieri – precisa il Segretario Nazionale Cattel – fornendo loro competenze relative a rispondere alla necessità diffusa di contenimento della spesa sanitaria e agli sforzi a misurare più approfonditamente il valore, l’accesso e l’appropriatezza d’uso dei trattamenti terapeutici. Questa attività di formazione è finalizzata alla creazione di un linguaggio comune su temi, quali: sviluppare una cultura e una metodologia di valutazione delle tecnologie come parte integrante e qualificante le normali attività del farmacista; promuovere la formazione teorico-pratica nell’ambito dell’HTA dei farmaci e dei DM, in riferimento al contesto nazionale ed internazionale; pianificare e realizzare progetti di ricerca multicentrici e multidisciplinari nel settore della valut azione delle tecnologie di interesse e pertinenza del farmacista delle aziende sanitarie» conclude.

Articoli correlati
Roma, all’Umberto I arriva il robot Da Vinci. Gaudio (Rettore Sapienza): «Permette l’applicazione delle tecnologie più avanzate»
Presentato oggi al Policlinico Umberto I di Roma il robot Da Vinci, strumento avanzato nell'ambito della chirurgia mininvasiva, già attivo da qualche mese con 120 interventi di chirurgia urologica già eseguiti, finanziato dalla Fondazione Roma
di Lucia Oggianu
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
Golfo Napoli, al via teleconsulto in sanità per le isole
Parte il progetto “Isole” in Campania per il teleconsulto in materia di sanità a Procida, Ischia e Capri. La Regione, infatti, ha attivato le procedure per migliorare i livelli di assistenza nelle aree cosiddette “disagiate” del territorio campano. Questo progetto ha l’obiettivo di garantire alti livelli di continuità ed assistenza tra ospedale e territorio. Il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...