Lavoro 1 Febbraio 2022 16:12

Vaccinazione falsificata a un paziente, OPI Varese precisa: «Non è stato un infermiere»

Il presidente Filippini «Basta fake news. Non solo non è stato un infermiere ad effettuare l’irregolarità, ma è stata proprio una nostra iscritta a fare la denuncia e far emergere il caso. Essere chiamati in causa ingiustamente non è accettabile»

Vaccinazione falsificata a un paziente, OPI Varese precisa: «Non è stato un infermiere»

«Ho la certezza che non sia stato un infermiere ad effettuare la registrazione falsa presso l’hub vaccinale di Rancio Valcuvia», respinge le accuse rivolte ad un esponente della categoria, Aurelio Filippini, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Varese. L’episodio a cui si riferisce risale alla scorsa settimana quando, al centro vaccinale in provincia di Varese, in un box, un operatore avrebbe inserito nel sistema di registrazione i dati di una persona utilizzando la tessera sanitaria, ma senza avergli prima praticato l’inoculazione.

È arrabbiato Filippini per quanto accaduto, ma soprattutto per la fake news che ne è seguita con un titolo sbandierato su una testata nazionale. «Non posso dare informazioni troppo dettagliate perché la magistratura sta indagando, ma di sicuro non è uno di noi che ha agito in modo così sleale – aggiunge -. Va bene essere sotto i riflettori, non voglio difendere la categoria a spada tratta, prima viene il cittadino, ma se non è stato un infermiere a commettere il fatto, non è corretto utilizzare impropriamente la categoria per dare enfasi alla notizia piuttosto che riferirsi in modo generico ad un operatore».

30 infermieri in servizio 10 ore al giorno presso l’hub vaccinale delle valli

Il centro di Rancio Valcuvia è localizzato a nord della provincia di Varese e copre una grossa utenza delle valli che faticano a raggiungere la città «fornisce un gran servizio» puntualizza Filippini. In quel centro sono 30 gli infermieri che con una turnazione di dieci ore coprono sette giorni su sette. Ognuna delle sei postazioni prevede la presenza di un infermiere, un amministrativo, un operatore sanitario e un medico ogni quattro postazioni. «Mi sono sentito in dovere di difendere la categoria per il gran lavoro che sta facendo, anche perché la segnalazione dell’irregolarità è partita proprio da una infermiera che presta servizio presso il centro. Va bene non essere più lodati come i primi tempi della pandemia, ma essere chiamati in causa ingiustamente non è accettabile», chiosa Filippini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali