Lavoro 1 Febbraio 2022 16:12

Vaccinazione falsificata a un paziente, OPI Varese precisa: «Non è stato un infermiere»

Il presidente Filippini «Basta fake news. Non solo non è stato un infermiere ad effettuare l’irregolarità, ma è stata proprio una nostra iscritta a fare la denuncia e far emergere il caso. Essere chiamati in causa ingiustamente non è accettabile»

Vaccinazione falsificata a un paziente, OPI Varese precisa: «Non è stato un infermiere»

«Ho la certezza che non sia stato un infermiere ad effettuare la registrazione falsa presso l’hub vaccinale di Rancio Valcuvia», respinge le accuse rivolte ad un esponente della categoria, Aurelio Filippini, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Varese. L’episodio a cui si riferisce risale alla scorsa settimana quando, al centro vaccinale in provincia di Varese, in un box, un operatore avrebbe inserito nel sistema di registrazione i dati di una persona utilizzando la tessera sanitaria, ma senza avergli prima praticato l’inoculazione.

È arrabbiato Filippini per quanto accaduto, ma soprattutto per la fake news che ne è seguita con un titolo sbandierato su una testata nazionale. «Non posso dare informazioni troppo dettagliate perché la magistratura sta indagando, ma di sicuro non è uno di noi che ha agito in modo così sleale – aggiunge -. Va bene essere sotto i riflettori, non voglio difendere la categoria a spada tratta, prima viene il cittadino, ma se non è stato un infermiere a commettere il fatto, non è corretto utilizzare impropriamente la categoria per dare enfasi alla notizia piuttosto che riferirsi in modo generico ad un operatore».

30 infermieri in servizio 10 ore al giorno presso l’hub vaccinale delle valli

Il centro di Rancio Valcuvia è localizzato a nord della provincia di Varese e copre una grossa utenza delle valli che faticano a raggiungere la città «fornisce un gran servizio» puntualizza Filippini. In quel centro sono 30 gli infermieri che con una turnazione di dieci ore coprono sette giorni su sette. Ognuna delle sei postazioni prevede la presenza di un infermiere, un amministrativo, un operatore sanitario e un medico ogni quattro postazioni. «Mi sono sentito in dovere di difendere la categoria per il gran lavoro che sta facendo, anche perché la segnalazione dell’irregolarità è partita proprio da una infermiera che presta servizio presso il centro. Va bene non essere più lodati come i primi tempi della pandemia, ma essere chiamati in causa ingiustamente non è accettabile», chiosa Filippini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa