Lavoro 27 Settembre 2023 09:12

La volontà del minore nel nuovo Codice Deontologico degli Psicologi

Il nuovo articolo 31 pone la persona minorenne o incapace al centro della decisione sul trattamento sanitario di tipo psicologico poiché dovrà essere ascoltata e la sua volontà tenuta in considerazione, in base alla sua età e maturità.

di Marco Pingitore, Membro Commissione Deontologia CNOP
La volontà del minore nel nuovo Codice Deontologico degli Psicologi

Il 25 settembre 2023 si è concluso il referendum per la revisione del Codice Deontologico delle Psicologhe e degli Psicologi. Dopo 25 anni, la Categoria ha finalmente un nuovo codice, più chiaro e aggiornato alla normativa vigente.

Una delle novità più importanti riguarda il consenso informato sanitario. Il nuovo codice prevede che, sia per gli adulti che per i minori o gli incapaci, la persona interessata sia al centro del processo decisionale.

In particolare, il nuovo articolo 31 pone la persona minorenne o incapace al centro della decisione sul trattamento sanitario di tipo psicologico poiché dovrà essere ascoltata e la sua volontà tenuta in considerazione, in base alla sua età e maturità.

Il vecchio articolo 31, invece, era connotato da una visione patriarcale e paternalistica. Secondo la precedente versione, i genitori potevano imporre un trattamento sanitario al proprio figlio senza che questi venisse preventivamente ascoltato dallo psicologo, mentre in caso di assenza di consenso informato, lo psicologo poteva avviare o continuare la prestazione sanitaria.

Questa ipotesi è stata superata dalla normativa vigente, che prevede che in caso di assenza di consenso informato di uno o entrambi i genitori, la decisione sul trattamento sanitario sia rimessa all’autorità giudiziaria.

In sintesi, il nuovo codice deontologico degli psicologi rafforza i principi di autonomia e autodeterminazione delle persone, in particolare dei minori e degli incapaci.

Di seguito il testo del nuovo Articolo 31:

 

Articolo 31 – Consenso informato sanitario nei casi di persone minorenni o incapaci

I trattamenti sanitari rivolti a persone minorenni o incapaci sono subordinati al consenso informato di coloro che esercitano sulle medesime la responsabilità genitoriale o la tutela.

La psicologa e lo psicologo tengono conto della volontà della persona minorenne o della persona incapace in relazione alla sua età e al suo grado di maturità nel pieno rispetto della sua dignità.

Nei casi di assenza in tutto o in parte del consenso informato di cui al primo comma, ove la psicologa e lo psicologo ritengano invece che il trattamento sanitario sia necessario, la decisione è rimessa all’autorità giudiziaria.

Sono fatti salvi i casi in cui il trattamento sanitario avvenga su ordine dell’autorità legalmente competente o in strutture legislativamente preposte.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...