Lavoro 15 Luglio 2020 12:30

Nella basilica di Santa Croce un monumento dedicato agli operatori sanitari vittime del Covid-19

Anche medici, infermieri e operatori sanitari tra i grandi del nostro Paese ricordati a Santa Croce. Mangiacavalli (FNOPI): «Il Covid c’è ancora, non abbassare la guardia»

Nella basilica di Santa Croce un monumento dedicato agli operatori sanitari vittime del Covid-19

Un monumento dedicato ai 172 medici, ai 40 infermieri e a tutti gli operatori sanitari rimasti vittima della pandemia nell’esercizio della loro missione professionale. Sorgerà a Firenze, nella cappella Pazzi della basilica di Santa Croce, dove vengono ricordati i grandi del nostro Paese, da Michelangelo a Galileo, da Dante a Machiavelli.

Ad annunciarlo, questa mattina, la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, l’Opera di Santa Croce con la Comunità dei Frati Minori Conventuali, il Fondo Edifici di Culto ed il Comune di Firenze. Nell’occasione è stato presentato anche il restauro del monumento a Florence Nightingale, la fondatrice della moderna scienza infermieristica, nata duecento anni fa proprio a Firenze.

«Si fa fatica a descrivere l’effetto che fa questo luogo, perché è quasi sacro per quel che rappresenta nella storia del nostro popolo – ha commentato la presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli -. Aver avuto la possibilità di entrare in questo chiostro, dove peraltro c’è una statua dedicata alla nostra fondatrice Florence Nightingale, con un memoriale per gli operatori sanitari che hanno dato la loro vita per questa pandemia, è un’emozione che tocca il profondo. Non può lasciarci indifferenti, ma ci deve aiutare a guardare al futuro, partendo da quello che la storia ci ha insegnato, senza ripetere gli errori del passato ma imparando da essi, per la scienza, l’assistenza infermieristica e l’educazione di ogni cittadino».

E a proposito di lezioni imparate, la presidente Mangiacavalli ha tenuto a precisare all’agenzia Dire: «Il Covid c’è ancora, è inutile dire che è in una fase di stallo. Gli infermieri quindi chiedono ai cittadini di non abbassare la guardia, di continuare a comportarsi rispettando tutte le precauzioni che governo e Regioni indicano di volta in volta. Impariamo a convivere con queste precauzioni ma non adottando atteggiamenti negazionisti, perché questi non fanno bene al popolo».

Rivolgendosi, poi, a governo, ministero della Salute e Regioni, Mangiacavalli ha aggiunto: «Gli infermieri, come tutti gli operatori sanitari, chiedono la messa a terra di tutti quei principi normativi sanciti dai provvedimenti che si sono via via succeduti in queste settimane. Queste norme contengono già tutto, la messa in sicurezza degli organici, delle attrezzature, l’approvvigionamento di protezione individuali. Chiediamo che si passi dalle parole ai fatti: quanto annunciato nelle norme diventino modalità operative e organizzative concrete all’interno delle diverse realtà».

 

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Fnopi: «Contro la carenza di infermieri servono le specializzazioni»
Fnopi: «Non è con la quantità delle lauree che si risolve la carenza di infermieri, ma con la qualità dei professionisti»
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Zampa (Pd) raccoglie l’appello della FNOPI: «Subito un patto del lavoro sanitario e sociosanitario per far fronte alla carenza»
Tra le altre proposte del Pd anche lo sviluppo delle specializzazioni e delle implementazioni di competenze, già previste dal contratto, ad iniziare dall’infermiere di famiglia, e la riforma della formazione universitaria
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi