Lavoro 15 Luglio 2020 12:30

Nella basilica di Santa Croce un monumento dedicato agli operatori sanitari vittime del Covid-19

Anche medici, infermieri e operatori sanitari tra i grandi del nostro Paese ricordati a Santa Croce. Mangiacavalli (FNOPI): «Il Covid c’è ancora, non abbassare la guardia»

Nella basilica di Santa Croce un monumento dedicato agli operatori sanitari vittime del Covid-19

Un monumento dedicato ai 172 medici, ai 40 infermieri e a tutti gli operatori sanitari rimasti vittima della pandemia nell’esercizio della loro missione professionale. Sorgerà a Firenze, nella cappella Pazzi della basilica di Santa Croce, dove vengono ricordati i grandi del nostro Paese, da Michelangelo a Galileo, da Dante a Machiavelli.

Ad annunciarlo, questa mattina, la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, l’Opera di Santa Croce con la Comunità dei Frati Minori Conventuali, il Fondo Edifici di Culto ed il Comune di Firenze. Nell’occasione è stato presentato anche il restauro del monumento a Florence Nightingale, la fondatrice della moderna scienza infermieristica, nata duecento anni fa proprio a Firenze.

«Si fa fatica a descrivere l’effetto che fa questo luogo, perché è quasi sacro per quel che rappresenta nella storia del nostro popolo – ha commentato la presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli -. Aver avuto la possibilità di entrare in questo chiostro, dove peraltro c’è una statua dedicata alla nostra fondatrice Florence Nightingale, con un memoriale per gli operatori sanitari che hanno dato la loro vita per questa pandemia, è un’emozione che tocca il profondo. Non può lasciarci indifferenti, ma ci deve aiutare a guardare al futuro, partendo da quello che la storia ci ha insegnato, senza ripetere gli errori del passato ma imparando da essi, per la scienza, l’assistenza infermieristica e l’educazione di ogni cittadino».

E a proposito di lezioni imparate, la presidente Mangiacavalli ha tenuto a precisare all’agenzia Dire: «Il Covid c’è ancora, è inutile dire che è in una fase di stallo. Gli infermieri quindi chiedono ai cittadini di non abbassare la guardia, di continuare a comportarsi rispettando tutte le precauzioni che governo e Regioni indicano di volta in volta. Impariamo a convivere con queste precauzioni ma non adottando atteggiamenti negazionisti, perché questi non fanno bene al popolo».

Rivolgendosi, poi, a governo, ministero della Salute e Regioni, Mangiacavalli ha aggiunto: «Gli infermieri, come tutti gli operatori sanitari, chiedono la messa a terra di tutti quei principi normativi sanciti dai provvedimenti che si sono via via succeduti in queste settimane. Queste norme contengono già tutto, la messa in sicurezza degli organici, delle attrezzature, l’approvvigionamento di protezione individuali. Chiediamo che si passi dalle parole ai fatti: quanto annunciato nelle norme diventino modalità operative e organizzative concrete all’interno delle diverse realtà».

 

Articoli correlati
Milleproroghe, le proposte M5S per la sanità: tra le priorità le indennità agli infermieri e agli operatori del 118
Gli emendamenti pentastellati al Decreto Milleproroghe «sono volti, da un lato, a garantire il giusto ristoro e gratificazione ai professionisti sanitari in prima linea e, dall’altro, a rafforzare il Sistema sanitario nazionale ancora oggi messo a dura prova dall’attuale fase di recrudescenza dei contagi da Covid19»
Ecco perché (quasi) nessuno vuole fare l’infermiere. L’allarme di Mangiacavalli (FNOPI)
A Sanità Informazione l’analisi di Barbara Mangiacavalli: «La nostra professione rischia di essere poco appetibile: percepiamo gli stipendi più bassi d’Europa, senza incentivi, né stimoli di carriera. I nostri ospedali saranno sempre più affollati da infermieri stranieri, le cui competenze non sono sottoposte a controllo»
Medici positivi in servizio, Anaoo Assomed: «Una proposta sciagurata»
Il sindacato si dichiara contrario alla proposta delle Regioni di far lavorare medici positivi al Covid-19: «Danni alla salute, reparti ospedalieri trasformati in cluster di contagio»
Covid, guerra sui conteggi dei positivi in ospedale. Braccio di ferro tra medici e Regioni
Le Regioni chiedono di rivedere il sistema di conteggio dei casi positivi in ospedale, mentre i medici vogliono lasciare invariati i bollettini. In discussione c'è anche il sistema dei colori delle Regioni e la comunicazione dei dati sui contagi al pubblico. Attesa la decisione del Ministero della Salute
Enpam, contributi “gratis”: semaforo verde per 24mila medici e dentisti
Gli uffici dell’Enpam, l’Ente previdenziale di medici e odontoiatri, hanno ammesso la stragrande maggioranza delle domande di esonero contributivo presentate dai propri iscritti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 gennaio, sono 358.832.734 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.616.925 i decessi. Ad oggi, oltre 9,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre