Lavoro 30 novembre 2017

Foad Aodi (Presidente AMSI): «Negli ultimi due anni, oltre 5mila medici si sono trasferiti all’estero»

Alla vigilia del Congresso AMSI (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia), l’appello all’unità del Presidente: «Chi gioca solo perde sempre»

Immagine articolo

Negli ultimi due anni, 3500 giovani medici e 1500 medici ospedalieri e in pensione hanno chiesto di fare un’esperienza lavorativa o di trasferirsi all’estero. Sono i dati che verranno presentati al Congresso AMSI (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia), con il patrocinio di UMEM (Unione Medica Euro Mediterranea) e il movimento “Uniti per Unire”, in programma per il prossimo 2 dicembre presso la clinica Ars Medica di Roma. Il Presidente di AMSI Foad Aodi commenta ai microfoni di Sanità Informazione questi dati, rivolgendo un appello all’unità alle istituzioni e a tutte le categorie professionali, per tutelare i giovani e l’interesse comune.

Professor Aodi, in questi giorni ci sarà il Congresso di AMSI dove voi lancerete un appello soprattutto a favore dei giovani medici italiani, che vanno all’estero perché in questo Paese la situazione dei medici è sempre più difficile.

«Siamo molto preoccupati, perché in questi ultimi due anni abbiamo assistito alla fuga non solo di giovani medici italiani, ma anche di numerosi professionisti ospedalieri e colleghi che stanno in pensione che vogliono fare o un’esperienza lavorativa o che addirittura vogliono lavorare all’estero. Sono 3500 i medici giovani e 1500 i medici ospedalieri e in pensione che si sono rivolti all’AMSI e all’UMEM, e questo dato ci preoccupa. Ci preoccupa perché non solo potrebbe cominciare ad influenzare sulla carenza dei medici in Italia, ma perdiamo anche un bagaglio importante di giovani intellettuali. Per questo l’AMSI, l’UMEM e il movimento “Uniti per unire”, che unisce tutte le nostre associazioni, si stanno impegnando ancora di più per frenare questa fuga, per censire la mancanza di professionisti della sanità in Italia e per lavorare insieme a tutte le realtà che si impegnano per i giovani: dobbiamo combattere la disoccupazione, la sottoccupazione ed impedire che i medici vengano addirittura pagati con una pizza e una birra».

Proprio questo è un caso recente che ha fatto molto discutere i media di tutta l’Italia. C’è un blocco all’inizio della carriera dei giovani: le borse per le specializzazioni sono sempre di meno; c’è il problema dell’inquadramento dei primi anni della professione; vediamo casi di sotto pagamento dei giovani medici. Intanto però c’è una gobba pensionistica che farà andare in pensione tantissimi specialisti che, a questo punto, non saranno rimpiazzati…

«Intanto non si può proprio sentire una notizia come questa, di un medico pagato con pizza e birra: è offensivo per tutte le professioni. Altri professionisti, come gli avvocati, con i loro Ordini hanno ottenuto l’equo compenso, nel senso che ci deve essere un pagamento giusto. Non pretendiamo di essere super pagati, ma almeno di ricevere un pagamento che rispetti la professione, che rispetti la dignità del medico, la dignità del professionista, come tutti i professionisti. Sono cose che chiediamo da anni tramite il nostro movimento “Uniti per unire”, che tutti i giorni raggruppa e confronta le problematiche interprofessionali di avvocati, giornalisti, farmacisti, commercialisti. Ma tra tutte queste categorie, i più penalizzati sono i giovani, e in particolare i giovani medici. C’è il problema dell’accesso alle scuole di specializzazione, c’è il problema all’accesso al corso di medicina generale, c’è il problema dell’assenza dei concorsi, e anche l’accesso alla sanità privata, che ultimamente ha visto calare molto il numero delle strutture accreditate. Per questi motivi ci sono tanti medici che cercano lavoro e poche possibilità di impiego lavorativo degno della professione medica».

Per concludere, visti questi dati forse è il momento che le istituzioni, a livello nazionale e locale, facciano sentire la propria voce…

«Sì, questo è il nostro appello a tutte le Istituzioni, al Governo italiano, al Ministero degli Affari Esteri, al Ministero della Salute, ma anche a tutti gli albi professionali con cui collaboriamo dal 2000, da quando abbiamo fondato l’AMSI. Gli Ordini professionali devono lavorare, ma non da soli, devono fare una rete e creare una confederazione interprofessionale di tutti gli Ordini professionali, per combattere insieme, ad esempio, sulla medicina difensiva, che riguarda tutti gli Ordini, sia i medici sia gli avvocati. Allo stesso modo la fuga dei cervelli tocca tutti gli Ordini, per questo chiediamo l’unione di tutti gli albi professionali. Anche per combattere questo scontro dei fisioterapisti contro i fisiatri, gli infermieri contro i medici, i tecnici odontoiatri contro i dentisti serve una rete di collaborazione che metta anche al centro dell’attenzione la salute e il diritto della salute, che è un diritto universale che noi difendiamo tutti i giorni. Finché non c’è una collaborazione interprofessionale per l’interesse comune, purtroppo ogni Ordine può giocare la partita da solo, ma giocando da solo si perde sempre».

Articoli correlati
Integrazione, Foad Aodi (Amsi e Co-mai): «Il 10% dei figli della seconda generazione soffre di crisi di identità»
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie, composte da coppie miste. La situazione è sempre […]
Foad Aodi (Co-mai): «Visita storica di Papa Francesco, urge un accordo di reciprocità con il mondo musulmano»
Le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia) e il Movimento internazionale Uniti per Unire con tutte le relative associazioni e comunità aderenti manifestano il proprio apprezzamento per la visita storica, coraggiosa, tempestiva e piena di messaggi di dialogo e di speranza di Papa Francesco che si svolgerà […]
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Libia, Foad Aodi (Amsi): «Basta morti nel mare, è finita la pacchia sulla pelle dei migranti»
Ancora tragedie del mare. 117 migranti, tra cui donne e bambini, sono morti lo scorso weekend a causa dell’affondamento di un gommone a largo della Libia. L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione medica euro mediterranea (Umem) insieme alle associazioni aderenti al movimento Internazionale “Uniti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...