Lavoro 26 Aprile 2018

Contratto comparto, l’Aran cancella gli straordinari obbligatori. Ecco la proposta di errata corrige

Cancellato il riferimento al fatto che il lavoratore sia tenuto ad effettuare il lavoro straordinario. De Palma (Nursing Up): «Abbiamo vinto la battaglia ma non la guerra»

L’Aran ha modificato il testo della pre-intesa del Ccnl comparto sanità 2016-2018 e ha eliminato il paragrafo sugli straordinari obbligatori. Dalla proposta di errata corrige risulta infatti cancellata la frase «il lavoratore, salvo giustificati motivi di impedimento per esigenze personali e familiari, è tenuto ad effettuare il lavoro straordinario». Una frase che era stata «oggetto di contestazioni e assemblee su tutto il territorio nazionale», come spiega Antonio De Palma, Presidente del sindacato Nursing Up, tra i promotori degli scioperi del 23 febbraio e del 12 e 13 aprile scorsi.

LEGGI ANCHE: STRAORDINARI OBBLIGATORI E RIPOSI INTERROTTI: TUTTI I NODI NEI CONTRATTI DI MEDICI E PERSONALE SANITARIO

«La cancellazione dello straordinario obbligatorio costituisce un primo passo ed è frutto delle lotte intraprese con il coinvolgimento dei colleghi, dei media e dell’opinione pubblica – sottolinea De Palma -, ma vincere una battaglia non significa aver vinto la guerra: ora è il tempo di pensare al futuro degli infermieri italiani. Spetta a noi, adesso, andare avanti – avverte – con gli approfondimenti dei documenti prodotti dall’Aran, riservandoci, come più volte abbiamo ribadito, di intervenire laddove eventuali modifiche unilaterali dovessero ledere gli interessi degli infermieri».

Nella comunicazione dell’Aran si legge che «nell’ambito dell’attività di verifica del testo di Ipotesi di CCNL sono stati rilevati alcuni limitatissimi elementi erronei, incongruenti e potenzialmente ambigui che si ritiene necessario correggere in vista dell’imminente invio alla Corte dei conti».

LEGGI QUI LA COMUNICAZIONE ARAN

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Nuovo codice deontologico infermieri, Nursing Up: «Nessun accesso alla tutela delle nostre funzioni. Occasione persa»
«Accogliamo con favore, dopo lunghi anni di gestazione, il nuovo Codice deontologico degli infermieri nell’ambito di un processo di revisione delle norme professionali che viaggia di pari passo con le innovazioni del diritto e dell’evoluzione della professione. Ci riserviamo tuttavia di valutare nel dettaglio il documento, sulla cui bozza a suo tempo abbiamo espresso le […]
Infermieri, arriva il nuovo Codice deontologico. Mangiacavalli (FNOPI): «Uno strumento per esprimere la propria competenza e la propria umanità»
Dopo dieci anni dalla versione del 2009, il Codice si rinnova integrato con tutto ciò che riguarda leggi, regolamenti, situazioni che si sono succedute negli anni e, soprattutto, nuove responsabilità nel passaggio da Collegi a Ordini, ora enti sussidiari dello Stato con la modifica di ruoli, responsabilità e capacità di intervento
Medici, infermieri e psicologi spiegano il biotestamento in un documento: «Opportunità che tutti devono poter cogliere»
“Conoscere la Legge 219/2017” è il frutto di un lavoro lungo due anni, a cui ha partecipato un’equipe multidisciplinare costituita non solo da medici, infermieri e psicologi, rappresentati dai rispettivi Ordini, ma anche sociologi, esperti di bioetica, giornalisti, professori universitari
di Isabella Faggiano
Puglia, Asl Bari e Policlinico pronti ad assumere 300 infermieri
100 unità saranno assunte subito e poi, con l'approvazione del piano di fabbisogno, saranno assunte altre 200 unità
CSS, una infermiera vicepresidente. Di Giulio: «Cittadini e professionisti al centro del mio mandato»
Per la prima volta un infermiere entra nel Consiglio Superiore di Sanità: «Contenta del riconoscimento dato alla professione. Fondamentale attivare canali di comunicazione con chi dirige i servizi delle professioni sanitarie e con chi lavora sia in territorio che in ospedale o nelle strutture residenziali»