Lavoro 16 dicembre 2014

CIMO progetta “il nuovo medico” per la riforma della professione

Intervista esclusiva a Riccardo Cassi, presidente dei Medici Ospedalieri. Già nella “Alleanza medica” parte ora l’impegno sui turni massacranti di lavoro

Immagine articolo

Rischia di assottigliarsi sempre più, oggi, quella linea sottile che separa il medico dalle maglie ingarbugliate della burocrazia. Ridefinirne la figura professionale, per rilanciarla e darle nuova linfa nel complesso panorama della sanità italiana, dev’essere ben più che un mantra: un vero e proprio imperativo categorico.

Ma come conciliare la crescente esigenza di autonomia, soprattutto in fase diagnostica e terapeutica, con l’obbligo di ottemperare alle sempre più minuziose disposizioni della P.A.? A queste domande CIMO, la sigla che rappresenta i medici ospedalieri, tenta di dare – attraverso iniziative concrete – delle risposte soddisfacenti. Tra le questioni più calde, anche il problema dei turni di lavoro, spesso massacranti. Alla luce delle pronunce dell’Unione europea sul tema, l’Italia dovrà procedere al più presto ad una riorganizzazione degli orari lavorativi, per non incorrere in sanzioni, mentre già piovono ricorsi da parte dei camici bianchi (come emerge dalla nota congiunta diramata, proprio nelle ultime ore, da CIMO e Consulcesi). Sanità Informazione ha intervistato, proprio su questi punti, il presidente CIMO, Riccardo Cassi.

CIMO è una realtà da sempre accanto ai professionisti del settore. In quali modi si esplica, oggi, questo supporto?

Da tempo siamo impegnati nel rilancio della professione medica. Le riforme attuate alla fine degli anni ’90 hanno esasperato gli aspetti dirigenziali e gestionali del nostro settore, generando una crisi nella definizione della figura del medico oggi. La missione della nostra campagna è, appunto, rilanciare la figura del professionista che tutela la salute dei cittadini e che, anche attraverso un aggiornamento continuo, cerca sempre di dare il meglio secondo “scienza e coscienza”, come insegna il codice deontologico.

Promuovete, quindi, anche iniziative orientate allo sviluppo della professione?

Sì, in quest’ottica ci siamo accostati ad alcune categorie di medici con cui non c’era ancora stato confronto, per coinvolgere tutte le associazioni dei medici dipendenti. Ho trovato molta sintonia con Giacomo Milillo (FIMMG) e con altre realtà, come quella degli specialisti ambulatoriali, dei pediatri, anestesisti e ginecologi,  e con i medici dirigenti di FESMED, entrati a far parte della nostra “Alleanza per la professione medica”, cui ad ottobre abbiamo dato vita. Successivamente, hanno aderito anche i medici dell’ospedalità privata e i dentisti. Abbiamo presentato le nostre proposte al ministro Lorenzin – che ci ha ricevuto di recente – anche con riferimento al Patto per la Salute. Speriamo di ottenere buoni risultati, non solo per la categoria ma per i cittadini tutti, che usufruiscono dei nostri servizi.

In questo contesto si inserisce anche il problema dei turni di lavoro massacranti per i medici. Un tema seguito con attenzione da parte delle istituzioni europee a cui l’Italia deve rispondere.

Sì, il rispetto dei turni dell’orario di lavoro è diventato ineludibile dopo l’ingiunzione dell’ Ue. E’ una questione molto delicata, su cui vorremmo ritagliare anche delle norme ad hoc che tengano conto delle peculiarità della nostra professione. Purtroppo Governo e Regioni sono sempre state piuttosto sorde ai nostri appelli, ma al tempo stesso noi dobbiamo tutelare i nostri iscritti. Per questo abbiamo sottoscritto una convenzione con Consulcesi per dar modo ai nostri medici di rivolgersi a chi ha una vasta esperienza sul campo, e ottenere le risposte di cui hanno bisogno. E’ un’opportunità, oltre che per riconoscere il diritto dei singoli, per spingere le istituzioni a sedersi a un tavolo e contrattare l’organizzazione del lavoro con i sindacati medici. Un medico stanco è un medico che rischia di più, e la posta in gioco è la salute dei cittadini.

E Consulcesi mette a disposizione, per ulteriori informazioni, il numero verde 800.189.091 e il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...