Formazione 1 Giugno 2016 11:53

Emergenza Migranti, Gelli: «Giovani medici sono valore aggiunto nei presidi di frontiera»

Il responsabile sanità del Pd e presidente della Commissione d’inchiesta della Camera sui CIE (Centri Identificazione ed Espulsione): «Formazione sul campo fondamentale per professionisti e migranti»

Emergenza Migranti, Gelli: «Giovani medici  sono valore aggiunto nei presidi di frontiera»

C’è sempre più bisogno di operatori sanitari nelle zone di frontiera dove sbarcano i migranti ed è un bene che molti giovani scelgano di arricchire in queste aree la loro formazione».

L’onorevole Federico Gelli, Responsabile Sanità del Pd e presidente della Commissione CIE (Centro Identificazione ed Espulsioni Migranti) della Camera, ha affrontato la questione migranti anche in occasione degli Stati Generali della Ricerca. Sottolineando l’esigenza di maggiori investimenti in campo medico-scientifico, Gelli ha posto l’attenzione – ai microfoni di Sanità informazione – sul tema delle nuove esigenze sanitarie italiane, che sono proprio conseguenza dei nuovi scenari geopolitici. Le drammatiche scene dei giorni scorsi con centinaia e centinaia di profughi morti in mare e migliaia di sbarchi hanno nuovamente sconvolto l’opinione pubblica. Ancora una volta importantissimo il lavoro di medici, infermieri e volontari sul campo. Tra questi molti giovani, che come emerso nell’indagine recentemente presentata dall’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS), sceglie di completare attraverso attività di volontariato la propria formazione sul campo, proprio dove ce n’è più bisogno. Proprio in occasione della presentazione dei risultati dello studio al Ministero della Salute, OIS ha annunciato la creazione di una rete strutturata di medici italiani sui luoghi degli sbarchi per l’assistenza sanitaria e per la mappatura delle emergenze che coinvolgono i migranti con il progetto “Sanità di Frontiera”. Per questa iniziativa è stato già aperto un dialogo anche con Ministero della Salute, dell’Interno e con le principali realtà del terzo settore.

Onorevole Gelli, di recente lei è stato chiamato a  presiedere la commissione di inchiesta della Camera su Accoglienza, Identificazione ed Espulsione dei Migranti. Cosa si sta facendo e cosa altro è necessario fare per fronteggiare questa emergenza?

«Il tema dei migranti pone due problemi fondamentali: il primo è capire quali sono le condizioni di salute di queste persone che vengono e chiedono aiuto nel nostro Paese, e quindi è giusto che il meccanismo di monitoraggio e di verifica dello stato di salute sia quanto mai documentato e diventi patrimonio della conoscenza dell’intera comunità sanitaria italiana; il secondo è fare in modo che questa nostra attività assistenziale non abbia ripercussioni negative sulla salute di chi vive nel nostro Paese. Ovviamente bisogna sfatare il mito dei pericoli derivati dal fatto che i migranti siano portatori potenziali di malattie infettive molto pericolose per noi. È vero relativamente, in piccola parte, ed è per questo che la commissione farà un lavoro importante di verifica e indagine, convocando anche il ministro Lorenzin e i tanti centri di assistenza che si occupano della salute del migrante, per capire quali soluzioni prendere e quali decisioni intraprendere proprio per far fronte a questa mutazione della nostra società italiana».

Questa mutazione implica anche un grosso sforzo di persone. Sappiamo che c’è un problema di blocco del turnover, ma ci sono anche degli studi, come quello di OIS, che rivelano che molti giovani medici preferiscono completare il percorso di formazione proprio nelle Onlus e nelle associazioni del volontariato: è un bel segnale da parte dei nostri medici del futuro. A suo avviso può essere una soluzione anche aumentare i presidi medici nelle zone di frontiera?

«Formarsi nei territori di frontiera e con il mondo del volontariato è un’altra straordinaria opportunità che, spesso, è molto più arricchente del semplice studio di un libro che magari è ben fatto, magari è un tomo fondamentale per la formazione di un professionista, ma che non sostituisce la formazione sul campo, la formazione pratica. Tanti giovani ci chiedono di poter provare a sperimentare le loro conoscenze anche in terreni di frontiera. Tra l’altro, molte delle associazioni presenti proprio ai confini del nostro Paese sono ricche di giovani che trovano in quella opportunità un modo per contemplare al meglio la vocazione di diventare un medico a servizio degli altri».

Articoli correlati
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni