Contributi e Opinioni 13 Aprile 2023 07:26

Vergogna e senso di colpa, ecco come superare l’impatto psicologico

Molti di noi ricorderanno il tono perentorio di un genitore che tuonava il suo ammonimento: “Vergognati!”. Quel rimprovero ci faceva sentire esposti all’umiliazione, ma soprattutto talmente indegni da voler sprofondare e scomparire.   Tutti prima o poi abbiamo provato vergogna; si concretizza in una sensazione di forte disagio a cui è chiamato a partecipare il […]

di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Vergogna e senso di colpa, ecco come superare l’impatto psicologico

Molti di noi ricorderanno il tono perentorio di un genitore che tuonava il suo ammonimento: “Vergognati!”. Quel rimprovero ci faceva sentire esposti all’umiliazione, ma soprattutto talmente indegni da voler sprofondare e scomparire.

 

Tutti prima o poi abbiamo provato vergogna; si concretizza in una sensazione di forte disagio a cui è chiamato a partecipare il nostro corpo: il viso arrossisce, il battito cardiaco accelera, gli occhi si abbassano per proteggersi dallo sguardo giudicante degli altri. Il sentimento di vergogna è infatti l’ultimo baluardo, la difesa finale dell’individuo che vede piovere su di sé la disapprovazione del proprio simile, e che gli consente di ritirarsi, facendosi piccolo piccolo, con il desiderio di svanire.

 

La vergogna è un’emozione universale che ha costituito un vantaggio per la sopravvivenza e l’evoluzione dei nostri antenati: l’adesione alle convenzioni sociali da parte degli appartenenti al gruppo, infatti, avrebbe consentito loro di essere bene accetti, tutelando il benessere e la compattezza della comunità.

 

Abbiamo così ereditato il sentimento di vergogna, che si prova quando si è consapevoli di aver trasgredito una norma che è ritenuta accettabile e vincolante dal gruppo di appartenenza. Anche se non è presente una persona che disapprovi un determinato comportamento, è possibile che la vergogna emerga perché la nostra mente evoca un rimprovero avvenuto in passato, poiché le regole e le aspettative che abbiamo appreso durante l’infanzia vengono interiorizzate e ci condizionano nell’età adulta.

 

Si tende però a trascurare la differenza tra vergogna e senso di colpa, che non sono la stessa cosa, anche se entrambi si fanno sentire se violiamo norme etiche, morali, religiose:

 

  • il senso di colpa: emerge quando abbiamo compiuto un’azione che ha avuto conseguenze negative su qualcuno e ci sentiamo responsabili di aver causato un danno agli altri; in questo caso è in discussione il nostro comportamento, non la nostra persona;
  • la vergogna: la vergogna pervade l’interiorità dell’individuo, che sente di essere sbagliato, inadeguato, immeritevole di considerazione.

 

Per approfondire la differenza è utile un esempio tratto dalla quotidianità: una persona che dimentica di fare gli auguri di buon compleanno ad un caro amico e prova vergogna probabilmente pensa: “Sono un disastro e sono un pessimo amico”; se invece si fa strada il senso di colpa il pensiero probabilmente sarà: “Ho trascurato una ricorrenza importante, lui sarà molto dispiaciuto”.

 

I sentimenti di vergogna sono dunque non solo sgradevoli, ma profondamente dolorosi e svalutanti perché intaccano il senso del sé. I sentimenti di colpa provocano altrettanto malessere e turbamento, ma possono motivare la persona a muoversi verso il cambiamento e l’aggiustamento dei comportamenti che hanno danneggiato il prossimo. Il senso di colpa, infatti, è legato alla capacità di essere empatici, cioè di riuscire a metterci nei panni degli altri e riconoscere che la nostra condotta ha causato loro dispiacere; se ci sente in colpa è probabile che si ricerchi una strategia per riparare un comportamento sbagliato. La vergogna, invece, tende ad annientare la volontà di far meglio e correggere le azioni errate perché la persona si concentra sulle proprie emozioni distruttive.

 

Ovviamente non esiste una linea di demarcazione che separi vergogna e senso di colpa, che possono verificarsi insieme; se l’azione che genera il senso di colpa è molto distante dallo standard di comportamento a cui si attiene la persona, ad esempio, è probabile che subentri anche la vergogna. Colpa e vergogna possono presentarsi insieme se il comportamento scorretto è prodotto intenzionalmente, e la vergogna può diventare più forte se altre persone sono state testimoni del nostro errore; inoltre è probabile che l’intensità dei due sentimenti si accresca qualora le persone che sono venute a conoscenza della nostra cattiva condotta rivestano per noi un’importanza particolare, o se la persona danneggiata ci condanna o ci respinge.

 

Potrebbe sembrare che liberarsi del senso di colpa sia facile, dato che disponiamo di modalità per riparare ad un comportamento nocivo: si può chiedere scusa, pagare una penale, compiere un gesto gentile, ricorrere alla confessione. Purtroppo si ha spesso a che fare con un senso di colpa che possiamo definire “fluttuante”, che cioè non interviene in seguito ad un evento specifico, o peggio, sembra legato ad eventi su cui non si ha nessun controllo o responsabilità.

 

La vergogna, specialmente se legata al senso di colpa, ha comunque un forte potere di resistenza e si conferma in un dialogo interiore mortificante rispetto all’essenza stessa della persona, che finisce per sentirsi un fallimento. Quando la vergogna si insedia diventa tossica e costituisce un pericolo per la salute dell’individuo, che mette spesso in atto strategie di difesa inopportune:

 

  • Ritiro: quando si prova vergogna si vorrebbe svanire; il desiderio di nascondersi può portare ad evitare le relazioni sociali e a chiudersi in casa per sottrarsi a qualsiasi tipo di esperienza, probabile fonte di fallimento e conseguente vergogna.

 

  • Autolesionismo: il dolore emotivo genera rabbia nei confronti di sé stessi e può spingere la persona a compiere gesti autolesivi.

 

  • Perfezionismo: il tentativo di far fronte al sentimento di vergogna può indurre la persona a fare le cose in modo impeccabile e perfetto, caricandosi di aspettative irrealistiche.

 

  • Disturbi alimentari.

 

  • Abuso di sostanze.

Quando le emozioni ci appaiono sgradevoli tendiamo a fuggire per allontanarci dal dolore; tentiamo di distrarci e a mettere in atto comportamenti di autoindulgenza, che possono indurre la persona a ricorrere all’uso di sostanze psicoattive, all’alcol o anche al cibo, che assume una funzione di consolazione.

 

Per superare il disagio interiore, al contrario, bisogna incontrarlo: è importante riconoscere i propri pensieri e accendere la luce della consapevolezza sulle emozioni che questi generano; se si osserva l’emozione dolorosa essa perde il suo potere distruttivo ed è possibile lasciarla andare.

 

La meditazione e le tecniche di respirazione sono gli strumenti di elezione per ristabilire l’armonia tra mente e corpo; consentono di imparare a praticare la consapevolezza e l’autocompassione, di riconoscere l’origine e la qualità delle nostre emozioni, preziosa fonte di informazione su noi stessi.

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...