Contributi e Opinioni 10 Aprile 2020

Marzo record per Sanità Informazione: grazie ai 750mila lettori che hanno scelto le nostre notizie

Era gennaio quando la notizia di una misteriosa polmonite virale che si stava diffondendo in Cina è entrata per la prima volta nella redazione di Sanità Informazione. Notizia accolta con poco entusiasmo, che si è meritata solo un breve trafiletto, immediatamente superata da discussioni su altri temi. Poi il primo morto in Cina, le prime […]

Immagine articolo

Era gennaio quando la notizia di una misteriosa polmonite virale che si stava diffondendo in Cina è entrata per la prima volta nella redazione di Sanità Informazione. Notizia accolta con poco entusiasmo, che si è meritata solo un breve trafiletto, immediatamente superata da discussioni su altri temi. Poi il primo morto in Cina, le prime reazioni in Italia, le prime dichiarazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità. Man mano, le notizie sull’emergenza hanno iniziato a guadagnare spazio, ad attirare attenzione, a dar vita ad interviste e approfondimenti. Fino a Codogno e Vo’ Euganeo, quando il Coronavirus si è definitivamente impadronito della nostra testata e gradualmente ha iniziato a monopolizzare tutti i media del mondo.

La necessità di avere risposte era evidente. Tutti volevano capire cosa stesse succedendo, riversandosi online alla ricerca spasmodica di notizie e informazioni, cercando di scansare bufale, fake news, fantasiose teorie complottiste e articoli stravaganti. In questo scenario, Sanità Informazione ha cercato di mantenere quelle caratteristiche che lo hanno sempre contraddistinto: affidabilità, credibilità, approfondimento e tempestività. Abbiamo dato voce agli esperti per spiegare anche al grande pubblico le caratteristiche del Coronavirus e della malattia che causa; abbiamo raccontato le storie e le testimonianze di chi lotta in prima linea; abbiamo elencato i problemi e le contraddizioni emersi negli ospedali e nelle strutture, dando spazio a denunce e proteste; abbiamo fornito indicazioni pratiche e di servizio a cittadini, medici, professionisti e operatori sanitari; ogni giorno, abbiamo pubblicato approfondimenti e interviste esclusive, con l’obiettivo di realizzare un giornale attendibile, variegato e, soprattutto in un momento di emergenza come questo, utile.

E i numeri ci dimostrano che i nostri lettori hanno apprezzato il lavoro fatto. Nel mese di marzo, con oltre 750mila utenti unici, abbiamo superato il nostro record storico di pubblico. Nel primo trimestre dell’anno, abbiamo registrato un aumento di lettori pari al 90% rispetto allo stesso periodo del 2019. La nostra pagina Facebook, con quasi 80mila like, è la più seguita del settore in Italia, e continua a crescere di settimana in settimana, generando sempre più reazioni, commenti e condivisioni.

Doveroso, allora, un ringraziamento ai nostri lettori. Necessaria, quindi, una promessa: continueremo sempre a fare del nostro meglio per informarvi nel modo più corretto e completo possibile. È il minimo che possiamo fare per ricambiare il lavoro di medici, professionisti e operatori socio-sanitari nelle corsie degli ospedali, negli ambulatori, nelle ambulanze, nelle case di riposo, nelle strutture private. E possiamo farlo insieme. Il nostro indirizzo e-mail redazione@sanitainformazione.it è a disposizione per ricevere contributi, testimonianze, riflessioni e, perché no, critiche e suggerimenti.

Ancora grazie. Di cuore.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto