Bollettino del Ministero 13 gennaio 2015

Il bollettino del Ministero

Benvenuto 2015: il nuovo anno della sanità

di Ministero della Salute
Gli obiettivi per il 2015 che è appena iniziato sono tanti, soprattutto portare a casa le riforme delle agenzie vigilate, Aifa, Agenas, Iss, che significa non semplicemente una riforma di maniera ma rendere efficace ed efficiente il sistema sia all’interno del Servizio sanitario nazionale che all’esterno, per rendere più competitiva l’Italia nel mondo. Poi un altro obiettivo è quello di attuare una riforma della ricerca scientifica, perché la ricerca deve essere considerata un grande investimento, dobbiamo capire che è il nuovo petrolio e lavorare per creare le condizioni per trattenere i cervelli, i ricercatori qui da noi. Sempre per il 2015 sarà definito il Piano nazionale sulla fertilità al quale sta lavorando il gruppo di lavoro che ho istituito pochi mesi fa, composto dai massimi esperti nelle materie correlate a questo tema, da medici a psicologi, da genetisti a esperti di tecniche di PMA, da ginecologi a comunicatori, etc.

Un altro tema che mi sta a cuore è la prevenzione, fondamentale per la sostenibilità di tutti sistemi sanitari, e se penso ad un auspicio mi piacerebbe che si potesse arrivare ad investire almeno il 6% in prevenzione.

Beatrice Lorenzin 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila