Bollettino del Ministero 11 Marzo 2019

Ipovisione, il Rapporto: dai 15 anni in su colpito il 17,6%, sopra i 75 anni il 43%. Centri di prevenzione in calo

Nel nostro Paese due persone su cento, dai 15 anni in su, soffrono di gravi limitazioni sul piano visivo, percentuale che sale al 5,4% tra chi ha più di 65 anni e all’8,6% per chi ha almeno 75 anni. Se si sommano le limitazioni visive moderate a quelle gravi dai 75 anni in poi ne […]

Nel nostro Paese due persone su cento, dai 15 anni in su, soffrono di gravi limitazioni sul piano visivo, percentuale che sale al 5,4% tra chi ha più di 65 anni e all’8,6% per chi ha almeno 75 anni. Se si sommano le limitazioni visive moderate a quelle gravi dai 75 anni in poi ne soffrono 43 persone su 100, il 33,4% a partire dai 65 anni e il 17,6% dai 15 anni in su.

A fare il punto sulla prevenzione dell’ipovisione e della cecità nel nostro Paese la Relazione annuale al Parlamento ai sensi della Legge 284/97 sulla riabilitazione visiva.

Il documento riporta tutte le attività svolte in questo settore nel 2017, dal Ministero, da IAPB Italia onlus, dal Polo Nazionale dei Servizi e Ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva e dalle Regioni, nel pieno rispetto della trasparenza sui programmi di azione e sugli obiettivi raggiunti.

È la legge legge 284/97 stabilire l’esistenza e il funzionamento di specifici Centri di prevenzione e riabilitazione visiva che devono erogare prestazioni specialistiche in ambito di riabilitazione visiva e sostiene il lavoro dell’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità e del suo Polo Nazionale, ciò rappresenta una garanzia nel nostro Paese per la tutela dei diritti delle persone con disabilità visiva.

LEGGI LA RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE POLITICHE INERENTI LA PREVENZIONE DELLA CECITA’, L’EDUCAZIONE E LA RIABILITAZIONE VISIVA (LEGGE 284/97)

Centri di prevenzione e riabilitazione visiva

La revisione delle attività svolte dalle Regioni ha evidenziato una leggera riduzione del numero dei Centri rispetto alla precedente rilevazione e ha confermato una forte disomogeneità sul territorio nazionale.

Nella distribuzione territoriale si nota che alcune Regioni hanno favorito una presenza più capillare dei Centri stessi, mentre altre hanno cercato di centralizzarli, magari con il fine di garantire una maggiore specializzazione. 8 Regioni e le 2 Province Autonome hanno dichiarato di avere un solo Centro; tra queste figurano anche Regioni con grande estensione territoriale.

La distribuzione territoriale dei Centri secondo l’International Standards for Vision Rehabilitation: Report of the International Consensus Conference di Roma 2015, presuppone tre livelli di servizi che si differenziano per complessità di assistenza e copertura territoriale:

  • primo livello, capillare sul territorio, ha funzione di screening, di classificazione, di prima assistenza
  • secondo livello, che esegue la riabilitazione visiva e anche il follow-up riabilitativo, agisce in un contesto multidisciplinare con tutta la tecnologia disponibile
  • terzo livello svolge attività di ricerca, di formazione e di raccolta dati.

Un tale quadro di organizzazione assistenziale dovrebbe divenire l’obiettivo da realizzare da parte delle Regioni.

Alcuni dati sull’assistenza e la riabilitazione visiva

Il numero dei casi assistiti risulta aumentato rispetto all’anno precedente, passando da 22.091 nel 2016 a 26.900 nel 2017. L’incremento dei casi (+4809) segnala un aumento significativo della domanda di riabilitazione visiva, in particolare nelle persone ultrasessantacinquenni.

Per quanto riguarda la tipologia dell’assistenza, in base all’età target della popolazione, nel 2017 i Centri per la riabilitazione visiva degli adulti risultano in percentuale maggiore (46,6%) rispetto alla fascia di età compresa tra 0 e i 18 anni (23,3%).

In effetti in termini di incidenza e prevalenza la disabilità visiva dell’anziano risulta nettamente preponderante: solo per quanto riguarda la degenerazione maculare legata all’età la perdita della visione centrale raggiunge percentuali a due cifre negli ultrasettantenni. Tuttavia il quadro della riabilitazione visiva dell’infanzia presenta notevoli criticità: prima tra tutte la distribuzione dei centri specializzati sul territorio nazionale, nel centro sud d’Italia cinque Regioni (circa sei milioni di cittadini) non hanno servizi pediatrici specifici per la diagnosi e la riabilitazione visiva.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone