Covid-19, che fare se...? 22 Novembre 2022 13:02

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l’infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due malattie, la certezza si ha solo con un tampone

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando è scoppiata la pandemia è sempre stato difficile riuscire a distinguere i sintomi dell’infezione Covid-19 da quelli dell’influenza. Tosse, mal di gola, naso che cola, stanchezza… sono tutti sintomi che possono accomunare entrambe le malattie. Solo la perdita d’olfatto e la perdita del gusto sono sintomi prettamente associati a Covid-19, praticamente impossibili da confondere con l’influenza. Tuttavia, da quando la variante Omicron è diventata quella prevalente, quest’ultimi due sintomi specifici sono diventati anche meno frequenti. Quest’anno quindi, non solo avremo probabilmente una maggiore circolazione dell’influenza stagionale, ma sarà anche più difficile distinguerla dal Covid-19.

Sintomi di Omicron molto simili a quelli dell’influenza

Nelle passate stagioni invernali, da quando è scoppiata la pandemia, l’influenza ha circolato poco. Complici le misure di contenimento dell’emergenza Covid-19, tra lockdown, mascherine e distanziamenti, i virus influenzali hanno colpito pochissime persone negli anni scorsi. Anche il sistema immunitario potrebbe in qualche modo essere «arrugginito» all’eventuale re-incontro con i virus influenzali. Per questo gli esperti prevedono che la prossima stagione, tra influenza e Covid, sarà molto più complicata rispetto alle precedenti. Il fatto di non poter distinguere chiaramente i sintomi renderà ancora più difficili le cose.

Lievissime differenze, unica certezza possibile con il tampone

In generale, però possiamo notare che la febbre durante il Covid si manifesta all’esordio della malattia e dura 24-72 ore e non recede con gli antipiretici. A differenza dell’influenza, la tosse, quando presente, è secca e stizzosa e talvolta si può manifestare dispnea (respiro corto) e affanno. L’astenia può permanere, invece, anche per settimane dopo la negativizzazione del test. Altra differenza è che il Covid può decorrere in maniera del tutto asintomatica, rispetto all’influenza, senza quindi dare alcuna manifestazione, pur mantenendo la possibilità di contagiare. La certezza, tuttavia, di avere l’influenza anziché il Covid-19 e viceversa si può avere solo con sottoponendosi a un tampone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa