Lavoro 4 novembre 2014

Infermieri, a Montecitorio levata di scudi contro il blocco dei contratti 

E su Ebola scatta la denuncia: “Noi in prima linea senza protezioni”

Immagine articolo

Non bastava il blocco dei contratti e quello del turn over: la scarsa attenzione delle istituzioni nei confronti della professione infermieristica trova la sua punta dell’iceberg nella gestione dell’emergenza Ebola.

Essere in prima linea non deve e non può tradursi nell’essere lasciati allo sbaraglio. Di questo ed altro abbiamo parlato con Andrea Bottega, segretario nazionale Nursind, che ieri a Montecitorio, insieme a migliaia di suoi colleghi, ha portato in piazza le istanze della categoria.

Cosa chiedono gli infermieri qui a Montecitorio?
Chiedono che il lavoro diventi una priorità per il governo, e l’apertura di un tavolo contrattuale dove si possa discutere concretamente dello sblocco dei contratti. Il lavoro non è semplicemente un costo, è un valore, e se lo riconosciamo come tale possiamo cambiare il mondo della sanità e agire anche sulle disparità che la Corte dei Conti ha rilevato tra le Regioni. Noi infermieri diamo tanto al sistema e meritiamo ascolto, per trovare un giusto equilibrio tra innovazione e remunerazione.

Il governo Renzi pensa ai tagli ma gli infermieri restano l’avamposto del mondo sanitario…
Siamo i primi ad assistere gli infortunati, i primi ad accogliere chi arriva negli ospedali, e spesso anche gli ultimi a salutare chi ci lascia. Va da sé che siamo i più coinvolti anche nelle malattie: i nostri colleghi spagnoli e americani – anche questi ultimi con uno sciopero – stanno portando all’attenzione dell’opinione pubblica il caso Ebola, emblematico: viviamo a contatto con chi ha bisogno, e nello stesso tempo rischiamo di subirne le conseguenze. E’ per questo che, oltre ad un adeguato contratto, chiediamo sicurezza sul lavoro.

Anche negli  Stati Uniti gli infermieri sono in sciopero, per ribellarsi alla mancanza di protezione e di formazione nella gestione dell’emergenza Ebola. Il coordinatore Nursind per la Sicilia, Osvaldo Barba, fa eco alle parole di Bottega e approfondisce la questione: “Più che in prima linea siamo allo sbaraglio: mancanza di linee guida, mancanza di dispositivi di protezione individuale, mancanza delle informazioni di base su come affrontare questa criticità. Non possiamo più essere lasciati allo scoperto”.

Continua Bottega: “Siamo soliti dire che gli infermieri erogano salute a scapito della propria; per le istituzioni, invece, la nostra è una professione ‘non usurante’. Gli stipendi intanto sono al palo dal 2010 e, con questa legge di stabilità, la prospettiva è che nulla si muova per almeno un altro anno. Chiediamo semplicemente che il nostro valore professionale venga riconosciuto”.

Articoli correlati
Nursing Up presenta reclamo al Consiglio d’Europa contro l’esclusione dai tavoli delle sigle non firmatarie del Ccnl
Presentato il reclamo al Comitato Europeo dei Diritti Sociali del Consiglio d’Europa contro l’esclusione del Nursing Up dalle trattative integrative. Lo annuncia in una nota il sindacato di categoria degli infermieri. «Stiamo andando avanti nel percorrere le strade che il diritto ci consente per opporci all’esclusione dai tavoli della contrattazione integrativa e decentrata nelle aziende […]
Come migliorare l’assistenza infermieristica? Ecco le proposte dall’osservatorio civico di Cittadinanzattiva e FNOPI
Sono undici le azioni di miglioramento che il Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva ha presentato alla FNOPI, con l’intento di rafforzare l’alleanza tra cittadini e infermieri e stimolare una migliore qualità dell’assistenza infermieristica. Proposte “strategiche” elaborate e discusse, a seguito dei risultati emersi dall’Osservatorio civico sulla Professione Infermieristica, tra tutti gli stakeholder: […]
Infermiere di famiglia. Mangiacavalli (Fnopi): «Percorso formativo già attivo. Manca incardinare questo ruolo nel Ssn»
«Assistenza domiciliare, promozione della salute, rispetto dell’aderenza terapeutica, gestione dei rapporti con le altre professioni sanitarie. Sono solo alcune delle funzioni svolte dall’infermiere di famiglia e di comunità». Barbara Mangiacavalli, presidente Fnopi, sottolinea l’importanza di questa figura professionale, in occasione della Giornata internazionale dell’Infermiere
di Isabella Faggiano
Contratto comparto, l’Aran cancella gli straordinari obbligatori. Ecco la proposta di errata corrige
Cancellato il riferimento al fatto che il lavoratore sia tenuto ad effettuare il lavoro straordinario. De Palma (Nursing Up): «Abbiamo vinto la battaglia ma non la guerra»
Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»
L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...