Lavoro 4 novembre 2014

Infermieri, a Montecitorio levata di scudi contro il blocco dei contratti 

E su Ebola scatta la denuncia: “Noi in prima linea senza protezioni”

Immagine articolo

Non bastava il blocco dei contratti e quello del turn over: la scarsa attenzione delle istituzioni nei confronti della professione infermieristica trova la sua punta dell’iceberg nella gestione dell’emergenza Ebola.

Essere in prima linea non deve e non può tradursi nell’essere lasciati allo sbaraglio. Di questo ed altro abbiamo parlato con Andrea Bottega, segretario nazionale Nursind, che ieri a Montecitorio, insieme a migliaia di suoi colleghi, ha portato in piazza le istanze della categoria.

Cosa chiedono gli infermieri qui a Montecitorio?
Chiedono che il lavoro diventi una priorità per il governo, e l’apertura di un tavolo contrattuale dove si possa discutere concretamente dello sblocco dei contratti. Il lavoro non è semplicemente un costo, è un valore, e se lo riconosciamo come tale possiamo cambiare il mondo della sanità e agire anche sulle disparità che la Corte dei Conti ha rilevato tra le Regioni. Noi infermieri diamo tanto al sistema e meritiamo ascolto, per trovare un giusto equilibrio tra innovazione e remunerazione.

Il governo Renzi pensa ai tagli ma gli infermieri restano l’avamposto del mondo sanitario…
Siamo i primi ad assistere gli infortunati, i primi ad accogliere chi arriva negli ospedali, e spesso anche gli ultimi a salutare chi ci lascia. Va da sé che siamo i più coinvolti anche nelle malattie: i nostri colleghi spagnoli e americani – anche questi ultimi con uno sciopero – stanno portando all’attenzione dell’opinione pubblica il caso Ebola, emblematico: viviamo a contatto con chi ha bisogno, e nello stesso tempo rischiamo di subirne le conseguenze. E’ per questo che, oltre ad un adeguato contratto, chiediamo sicurezza sul lavoro.

Anche negli  Stati Uniti gli infermieri sono in sciopero, per ribellarsi alla mancanza di protezione e di formazione nella gestione dell’emergenza Ebola. Il coordinatore Nursind per la Sicilia, Osvaldo Barba, fa eco alle parole di Bottega e approfondisce la questione: “Più che in prima linea siamo allo sbaraglio: mancanza di linee guida, mancanza di dispositivi di protezione individuale, mancanza delle informazioni di base su come affrontare questa criticità. Non possiamo più essere lasciati allo scoperto”.

Continua Bottega: “Siamo soliti dire che gli infermieri erogano salute a scapito della propria; per le istituzioni, invece, la nostra è una professione ‘non usurante’. Gli stipendi intanto sono al palo dal 2010 e, con questa legge di stabilità, la prospettiva è che nulla si muova per almeno un altro anno. Chiediamo semplicemente che il nostro valore professionale venga riconosciuto”.

Articoli correlati
Nursing Up al ministro Grillo: «Infermieri chiedono valorizzazione e assunzioni»
Una delegazione del sindacato Nursing Up è stata ricevuta al Ministero della Salute per parlare delle problematiche della categoria che conta 270mila infermieri nel pubblico impiego, a fronte di un fabbisogno di forza lavoro di almeno 50mila unità in più, stando allo standard minimo stabilito a livello internazionale da Oms, Ocse e Ue. Durante l’incontro […]
Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»
In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Tivoli, aggrediti tre infermieri durante un Tso. Opi Roma: «Siamo sgomenti. Escalation di violenza va fermata»
L’uomo ha agito in maniera violenta danneggiando la porta d'ingresso del reparto e provocando una distorsione alla caviglia di un’infermiera. L’Ordine degli Infermieri della Capitale: «Siamo ennesimo baluardo maltrattato di una professione sempre in prima linea e troppo spesso lasciata sola»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...