18 Maggio 2020

Che cos’è il diritto all’oblio e come cancellare da Internet informazioni pregiudizievoli

Viviamo un momento storico in cui medici e professionisti sanitari sono tornati nel cuore della popolazione. Oggi sono eroi e angeli, ma fino a poco più di due mesi fa il primo pensiero che nasceva quando ci si doveva sottoporre ad una visita o ad un intervento chirurgico era quello di cercare online il nome […]

Viviamo un momento storico in cui medici e professionisti sanitari sono tornati nel cuore della popolazione. Oggi sono eroi e angeli, ma fino a poco più di due mesi fa il primo pensiero che nasceva quando ci si doveva sottoporre ad una visita o ad un intervento chirurgico era quello di cercare online il nome del medico e studiare recensioni, notizie o commenti di altri pazienti. E se i risultati erano negativi, sorgeva immediatamente il dubbio sulla professionalità del camice bianco, e magari si decideva di rivolgersi a qualcun altro.

Molto probabilmente quando tutto questo sarà finito ci comporteremo proprio come prima, diffidando di tutti e tutto, in barba a chi sperava in un miglioramento o cambiamento positivo. E allora è importante sapere che è un diritto di tutti noi richiedere la rimozione da Internet di informazioni pregiudizievoli: si chiama diritto all’oblio, e in questo video il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega di cosa si tratta.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco