18 Maggio 2020

Che cos’è il diritto all’oblio e come cancellare da Internet informazioni pregiudizievoli

Viviamo un momento storico in cui medici e professionisti sanitari sono tornati nel cuore della popolazione. Oggi sono eroi e angeli, ma fino a poco più di due mesi fa il primo pensiero che nasceva quando ci si doveva sottoporre ad una visita o ad un intervento chirurgico era quello di cercare online il nome […]

Viviamo un momento storico in cui medici e professionisti sanitari sono tornati nel cuore della popolazione. Oggi sono eroi e angeli, ma fino a poco più di due mesi fa il primo pensiero che nasceva quando ci si doveva sottoporre ad una visita o ad un intervento chirurgico era quello di cercare online il nome del medico e studiare recensioni, notizie o commenti di altri pazienti. E se i risultati erano negativi, sorgeva immediatamente il dubbio sulla professionalità del camice bianco, e magari si decideva di rivolgersi a qualcun altro.

Molto probabilmente quando tutto questo sarà finito ci comporteremo proprio come prima, diffidando di tutti e tutto, in barba a chi sperava in un miglioramento o cambiamento positivo. E allora è importante sapere che è un diritto di tutti noi richiedere la rimozione da Internet di informazioni pregiudizievoli: si chiama diritto all’oblio, e in questo video il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega di cosa si tratta.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...