8 Giugno 2020

Avvocati e tribunali traslocano sul web: i vantaggi per i medici

I progressi della tecnologia possono avere effetti positivi su qualsiasi tipo di settore e di lavoro, anche su quelli che possono sembrare più statici e immutabili. È il caso della giustizia e delle attività degli avvocati, tipicamente una delle professioni più “affezionate” alla burocrazia e ai faldoni. Negli anni la figura dell’avvocato si è però […]

I progressi della tecnologia possono avere effetti positivi su qualsiasi tipo di settore e di lavoro, anche su quelli che possono sembrare più statici e immutabili. È il caso della giustizia e delle attività degli avvocati, tipicamente una delle professioni più “affezionate” alla burocrazia e ai faldoni. Negli anni la figura dell’avvocato si è però lasciata indietro questa immagine ed ha abbracciato le enormi possibilità offerte dalla flessibilità e dalla comodità di internet: ormai quasi tutte le attività tipicamente processuali si possono svolgere per via telematica, andando incontro alle esigenze di professionisti sempre impegnati che (purtroppo) sono spesso costretti ad occuparsi anche di beghe legali. Come i medici.

In questo video, il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, parla proprio delle novità in questo ambito.

Tags

contenziosi,Marco Camisani Calzolari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 settembre, sono 31.328.238 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 964.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto