Stop Ingiustizie Bancarie 15 Settembre 2015

Ingiustizie bancarie: ecco perché ora anche i grandi colossi cominciano a tremare

Sempre più denunce per usura, pubblicità ingannevole e anatocismo. L’orientamento giuridico sta cambiando e ora gli istituti di credito perdono: si cercano gli accordi in via stragiudiziale

Immagine articolo

Anche le banche piangono, e sempre più spesso cercano un accordo con il cliente danneggiato. Pubblicità ingannevole, tassi di interesse troppo alti a livello d’usura, anatocismo.


Sono tante le irregolarità commesse negli ultimi anni dagli istituti di credito e bloccate dalla magistratura attraverso sentenze che si fanno sempre più univoche e favorevoli a chi ricorre. E non serve andare a scavare troppo indietro nel tempo per trovare pronunce e sentenze della magistratura che pongono termine a comportamenti irregolari portati avanti dalle banche. Basta dare uno sguardo alla giurisprudenza che si è sviluppata soltanto negli ultimi mesi. Sono infatti decine i Tribunali di tutto il Paese che hanno emesso sentenze di condanna verso banche italiane e straniere, costringendole ad interrompere, attraverso sentenze inibitorie, le pratiche considerate non conformi alle leggi vigenti e che dunque danneggiavano i propri correntisti.

Come quella dello scorso 3 aprile del Tribunale Ordinario di Milano, VI Sezione Civile, contro Banca Popolare di Milano e Deutsche Bank, che ha vietato agli istituti citati di «dare corso a qualsiasi ulteriore forma di anatocismo degli interessi passivi con riferimento ai contratti di conto corrente già in essere o che verranno in futuro stipulati». Discorso simile per quanto riguarda la Banca Regionale Europea, su cui si è espressa negli stessi termini il giudice Massimo Scarabello del Tribunale di Cuneo il 29 giugno scorso, e Banca Sella, attraverso una sentenza pronunciata dal giudice Francesco Pipicelli il 7 luglio.

Le sentenze qui citate sono soltanto alcune delle ultime in ordine cronologico, ma quello delle irregolarità bancarie è un filone aperto già da tempo e che, considerato l’andamento della giurisprudenza sul tema, spinge un numero sempre maggiore di istituti a cercare un accordo con i correntisti prima di arrivare in Tribunale. Ciò è particolarmente vero nei casi di usura bancaria, ovvero quando le banche applicano tassi di interesse superiori alle soglie fissate ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia. Il Ministero della Giustizia ha calcolato che quasi una volta su due il contenzioso tra un correntista (o un’azienda) e la banca, quando questa si presenta in sede di mediazione, si conclude in pochi mesi con un accordo tra le parti.

Articoli correlati
Contenziosi, Magi (Omceo Roma): «Vietare patto quota-lite e spot che spingono a chiedere risarcimenti infondati»
Intervenuto ad un Convegno sulla Legge Gelli e parlando di pubblicità ingannevoli nei casi di malasanità, il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi ricordando le iniziative messe in campo dalla Federazione e dagli Ordini dei medici ha chiesto alla politica norme in grado di disincentivare il fenomeno delle cause temerarie
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
Malpractice, i chirurghi scrivono al Ministro Grillo: «Basta pubblicità ingannevole. Ridurre contezioso medico-paziente»
Una lettera aperta del Collegio Italiano dei Chirurghi indirizzata la Ministro della Salute, Giulia Grillo riporta di nuovo l'attenzione sulle pubblicità che promuovono azioni legali temerarie nei confronti dei medici italiani
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...