Stop Ingiustizie Bancarie 15 settembre 2015

Ingiustizie bancarie: ecco perché ora anche i grandi colossi cominciano a tremare

Sempre più denunce per usura, pubblicità ingannevole e anatocismo. L’orientamento giuridico sta cambiando e ora gli istituti di credito perdono: si cercano gli accordi in via stragiudiziale

Immagine articolo

Anche le banche piangono, e sempre più spesso cercano un accordo con il cliente danneggiato. Pubblicità ingannevole, tassi di interesse troppo alti a livello d’usura, anatocismo.


Sono tante le irregolarità commesse negli ultimi anni dagli istituti di credito e bloccate dalla magistratura attraverso sentenze che si fanno sempre più univoche e favorevoli a chi ricorre. E non serve andare a scavare troppo indietro nel tempo per trovare pronunce e sentenze della magistratura che pongono termine a comportamenti irregolari portati avanti dalle banche. Basta dare uno sguardo alla giurisprudenza che si è sviluppata soltanto negli ultimi mesi. Sono infatti decine i Tribunali di tutto il Paese che hanno emesso sentenze di condanna verso banche italiane e straniere, costringendole ad interrompere, attraverso sentenze inibitorie, le pratiche considerate non conformi alle leggi vigenti e che dunque danneggiavano i propri correntisti.

Come quella dello scorso 3 aprile del Tribunale Ordinario di Milano, VI Sezione Civile, contro Banca Popolare di Milano e Deutsche Bank, che ha vietato agli istituti citati di «dare corso a qualsiasi ulteriore forma di anatocismo degli interessi passivi con riferimento ai contratti di conto corrente già in essere o che verranno in futuro stipulati». Discorso simile per quanto riguarda la Banca Regionale Europea, su cui si è espressa negli stessi termini il giudice Massimo Scarabello del Tribunale di Cuneo il 29 giugno scorso, e Banca Sella, attraverso una sentenza pronunciata dal giudice Francesco Pipicelli il 7 luglio.

Le sentenze qui citate sono soltanto alcune delle ultime in ordine cronologico, ma quello delle irregolarità bancarie è un filone aperto già da tempo e che, considerato l’andamento della giurisprudenza sul tema, spinge un numero sempre maggiore di istituti a cercare un accordo con i correntisti prima di arrivare in Tribunale. Ciò è particolarmente vero nei casi di usura bancaria, ovvero quando le banche applicano tassi di interesse superiori alle soglie fissate ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia. Il Ministero della Giustizia ha calcolato che quasi una volta su due il contenzioso tra un correntista (o un’azienda) e la banca, quando questa si presenta in sede di mediazione, si conclude in pochi mesi con un accordo tra le parti.

Articoli correlati
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
Fallimento Banca Etruria, presentato nuovo esposto. Il Procuratore: “Darà ulteriore forza all’indagine”
Nuovo esposto contro gli ex vertici di Banca Etruria. Le associazioni “Amici di Banca Etruria” e “Vittime del Salva-Banche” hanno evidenziato un «ipotetico dolo nella modalità di emissione di obbligazioni subordinate Banca Etruria del 2013, finalizzato a vendere in maniera capillare tali rischiosi prodotti finanziari ai piccoli risparmiatori». Per il procuratore Rossi questo esposto darà «ulteriore […]
Veneto Banca, offrivano ai clienti prestiti “baciati”: sedici indagati tra funzionari e manager
Sono accusati di aver contribuito a svuotare le casse di Veneto Banca con operazioni senza garanzia. Sono sedici le persone indagate, tra alti funzionari e manager dell’istituto e di diverse società collegate, per ipotesi di reato che vanno dall’ostacolo alla vigilanza alle false comunicazioni sociali. Per loro la Procura di Roma ha disposto nuovi accertamenti. […]
Il “Salvabanche” gli toglie 50mila euro, imprenditore ternano fa ricorso
Ritrovarsi con 50mila euro in meno da un giorno all’altro. Precisamente il 22 novembre 2015, quando quasi un miliardo e mezzo di euro è andato in fumo in seguito all’approvazione, da parte del Governo, del Decreto “Salvabanche”. Un’ingiustizia (anzi, una «fregatura», come la chiama Giuseppe Alunni, imprenditore ternano da anni nel settore delle forniture tecniche […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...