Stop Ingiustizie Bancarie 15 Settembre 2015 17:06

Ingiustizie bancarie: ecco perché ora anche i grandi colossi cominciano a tremare

Sempre più denunce per usura, pubblicità ingannevole e anatocismo. L’orientamento giuridico sta cambiando e ora gli istituti di credito perdono: si cercano gli accordi in via stragiudiziale

Ingiustizie bancarie: ecco perché ora anche i grandi colossi cominciano a tremare

Anche le banche piangono, e sempre più spesso cercano un accordo con il cliente danneggiato. Pubblicità ingannevole, tassi di interesse troppo alti a livello d’usura, anatocismo.


Sono tante le irregolarità commesse negli ultimi anni dagli istituti di credito e bloccate dalla magistratura attraverso sentenze che si fanno sempre più univoche e favorevoli a chi ricorre. E non serve andare a scavare troppo indietro nel tempo per trovare pronunce e sentenze della magistratura che pongono termine a comportamenti irregolari portati avanti dalle banche. Basta dare uno sguardo alla giurisprudenza che si è sviluppata soltanto negli ultimi mesi. Sono infatti decine i Tribunali di tutto il Paese che hanno emesso sentenze di condanna verso banche italiane e straniere, costringendole ad interrompere, attraverso sentenze inibitorie, le pratiche considerate non conformi alle leggi vigenti e che dunque danneggiavano i propri correntisti.

Come quella dello scorso 3 aprile del Tribunale Ordinario di Milano, VI Sezione Civile, contro Banca Popolare di Milano e Deutsche Bank, che ha vietato agli istituti citati di «dare corso a qualsiasi ulteriore forma di anatocismo degli interessi passivi con riferimento ai contratti di conto corrente già in essere o che verranno in futuro stipulati». Discorso simile per quanto riguarda la Banca Regionale Europea, su cui si è espressa negli stessi termini il giudice Massimo Scarabello del Tribunale di Cuneo il 29 giugno scorso, e Banca Sella, attraverso una sentenza pronunciata dal giudice Francesco Pipicelli il 7 luglio.

Le sentenze qui citate sono soltanto alcune delle ultime in ordine cronologico, ma quello delle irregolarità bancarie è un filone aperto già da tempo e che, considerato l’andamento della giurisprudenza sul tema, spinge un numero sempre maggiore di istituti a cercare un accordo con i correntisti prima di arrivare in Tribunale. Ciò è particolarmente vero nei casi di usura bancaria, ovvero quando le banche applicano tassi di interesse superiori alle soglie fissate ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia. Il Ministero della Giustizia ha calcolato che quasi una volta su due il contenzioso tra un correntista (o un’azienda) e la banca, quando questa si presenta in sede di mediazione, si conclude in pochi mesi con un accordo tra le parti.

Articoli correlati
Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40
Tassi fissi e rate più basse, c'è tempo fino al 9 settembre
Prima casa e studio professionale, ecco i mutui agevolati di Enpam per gli under 40
Semaforo verde al bando 2022, tasso di interesse inferiore al 2%. C’è tempo fino a settembre
Necessità di mutui o prestiti? Niente paura, con il credito agevolato di Enpam
Soluzioni per acquisto prima casa e studio professionale, e tante opzioni per prestiti e mutui in convenzione
Enpam: via al bando 2021 per i mutui della prima casa
Ecco i requisiti del nuovo bando Enpam 2021 per la concessione di mutui ipotecari ai propri iscritti
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale