Stop Ingiustizie Bancarie 22 Settembre 2015

I mutui irregolari “schiacciano” i medici

Il sondaggio: l’86% dei professionisti della sanità ha un mutuo, ma solo il 28% sa che tre mutui su quattro non sono regolari. Ecco le strategie per difendersi

Immagine articolo

L’86 per cento dei professionisti della sanità italiani ha chiesto almeno un mutuo o un prestito per l’attività lavorativa o la vita privata, ma solo il 28 per cento degli intervistati sa che tre mutui su quattro non sono regolari.


È quanto emerge da un sondaggio effettuato da Consulcesi sul tema delle ingiustizie commesse dagli istituti bancari nei confronti dei propri correntisti. Un tema che sta ricevendo una grande attenzione mediatica, anche sull’onda delle sentenze degli ultimi mesi che hanno condannato molte banche, sia italiane che internazionali, imponendo l’interruzione delle attività considerate illecite (come pubblicità ingannevole, usura e anatocismo).

Secondo la ricerca, effettuata su un campione di oltre 1.484 camici bianchi operanti nel nostro Paese, il 31% dei medici non è a conoscenza della possibilità di recuperare (o risparmiare) tutte le somme indebitamente date alla propria banca per i mutui o i finanziamenti erogati. In aggiunta a tutto questo, emerge inoltre che più di 9 medici su 10 (per la precisione, il 92% degli intervistati) non sono a conoscenza della possibilità di poter ricorrere alla magistratura per ottenere la restituzione di quanto ingiustamente sottratto. In particolare, non sanno che è possibile recuperare, in caso di vittoria, fino ad 80mila euro per ogni 200mila erogati. Percentuale quasi identica (93%) quella dei professionisti all’oscuro del fatto che, stando ai più recenti dati diffusi dal Ministero della Giustizia, nel caso di contenzioso tra correntista e banca, nel 45,8% dei casi si evita di andare in tribunale perché gli istituti cercano un accordo stragiudiziale che si risolve in media tra i 6 e gli 8 mesi.

Dal sondaggio realizzato dalla realtà leader in Italia ed Europa nell’ambito della tutela dei camici bianchi, appare però evidente che esiste una volontà molto diffusa, tra i medici italiani che si sentono danneggiati dal proprio istituto bancario, di intraprendere ricorsi per ottenere finalmente giustizia. Anche su questo tema Consulcesi ha già attivato il suo team legale per offrire sostegno a medici e non solo. Il 72% dei camici bianchi intervistati, infatti, vorrebbe ricevere una consulenza relativa alla propria situazione, in modo da poter valutare con cognizione di causa l’eventualità di un ricorso contro la propria banca.

Articoli correlati
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone