Stop Ingiustizie Bancarie 22 Settembre 2015 18:21

I mutui irregolari “schiacciano” i medici

Il sondaggio: l’86% dei professionisti della sanità ha un mutuo, ma solo il 28% sa che tre mutui su quattro non sono regolari. Ecco le strategie per difendersi

I mutui irregolari “schiacciano” i medici

L’86 per cento dei professionisti della sanità italiani ha chiesto almeno un mutuo o un prestito per l’attività lavorativa o la vita privata, ma solo il 28 per cento degli intervistati sa che tre mutui su quattro non sono regolari.


È quanto emerge da un sondaggio effettuato da Consulcesi sul tema delle ingiustizie commesse dagli istituti bancari nei confronti dei propri correntisti. Un tema che sta ricevendo una grande attenzione mediatica, anche sull’onda delle sentenze degli ultimi mesi che hanno condannato molte banche, sia italiane che internazionali, imponendo l’interruzione delle attività considerate illecite (come pubblicità ingannevole, usura e anatocismo).

Secondo la ricerca, effettuata su un campione di oltre 1.484 camici bianchi operanti nel nostro Paese, il 31% dei medici non è a conoscenza della possibilità di recuperare (o risparmiare) tutte le somme indebitamente date alla propria banca per i mutui o i finanziamenti erogati. In aggiunta a tutto questo, emerge inoltre che più di 9 medici su 10 (per la precisione, il 92% degli intervistati) non sono a conoscenza della possibilità di poter ricorrere alla magistratura per ottenere la restituzione di quanto ingiustamente sottratto. In particolare, non sanno che è possibile recuperare, in caso di vittoria, fino ad 80mila euro per ogni 200mila erogati. Percentuale quasi identica (93%) quella dei professionisti all’oscuro del fatto che, stando ai più recenti dati diffusi dal Ministero della Giustizia, nel caso di contenzioso tra correntista e banca, nel 45,8% dei casi si evita di andare in tribunale perché gli istituti cercano un accordo stragiudiziale che si risolve in media tra i 6 e gli 8 mesi.

Dal sondaggio realizzato dalla realtà leader in Italia ed Europa nell’ambito della tutela dei camici bianchi, appare però evidente che esiste una volontà molto diffusa, tra i medici italiani che si sentono danneggiati dal proprio istituto bancario, di intraprendere ricorsi per ottenere finalmente giustizia. Anche su questo tema Consulcesi ha già attivato il suo team legale per offrire sostegno a medici e non solo. Il 72% dei camici bianchi intervistati, infatti, vorrebbe ricevere una consulenza relativa alla propria situazione, in modo da poter valutare con cognizione di causa l’eventualità di un ricorso contro la propria banca.

Articoli correlati
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
Numero chiuso, il Rettore Gavino Mariotti (Sassari): «Incide negativamente sulla carenza di medici, servono graduatorie locali»
Per il Magnifico Rettore dell’Università sarda «i sistemi sanitari regionali, come quello sardo ma non solo, hanno gravi carenze di professionalità mediche». E rilancia la proposta di andare nelle scuole per preparare i giovani al test d’ingresso
di Francesco Torre
Test Medicina: oltre 45mila esclusi dalle graduatorie. Tortorella (Consulcesi): «Boom di ricorsi»
Il network legale: «Solo 60 giorni di tempo per tutelare il proprio diritto allo studio»
Tortorella (Consulcesi): «Professioni sanitarie non sono serie B, inaccettabile ritardo nelle graduatorie»
Sono quasi 73mila gli aspiranti infermieri, fisioterapisti e tecnici che hanno sostenuto il test d’ingresso ai corsi di laurea in professioni sanitarie, l’ultimo dell’area accademica medico-sanitaria
Test medicina 2021, pubblicata la graduatoria nominativa. Si preannuncia una valanga di ricorsi
La graduatoria nazionale è consultabile nell’area riservata di ciascun candidato sulla piattaforma Universitaly. I candidati da tutta Italia: «Tra domande sbagliate e irregolarità, siamo pronti a fare ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre