Stop Ingiustizie Bancarie 23 settembre 2016

Guida della Banca d’Italia: ecco come difendersi da pubblicità ingannevole e irregolarità bancarie

I prodotti bancari, in particolar modo quelli più complessi, possono nascondere numerosi rischi e insidie, non sempre dettagliati dalle relative descrizioni. Per colmare il gap informativo, la Banca d’Italia pubblica con cadenza periodica le “Guide pratiche al credito”, opuscoli divulgativi destinati a favorire la comprensione dei prodotti più diffusi e a promuovere scelte consapevoli e […]

I prodotti bancari, in particolar modo quelli più complessi, possono nascondere numerosi rischi e insidie, non sempre dettagliati dalle relative descrizioni. Per colmare il gap informativo, la Banca d’Italia pubblica con cadenza periodica le “Guide pratiche al credito”, opuscoli divulgativi destinati a favorire la comprensione dei prodotti più diffusi e a promuovere scelte consapevoli e informate.

L’ultima guida, a disposizione della clientela sul sito della Banca d’Italia e presso tutte le filiali degli intermediari bancari, dedica una sezione a messaggi promozionali e annunci pubblicitari relativi a offerte di credito al consumo, specificando le caratteristiche cui la clientela deve prestare particolare attenzione per evitare di incappare in casi di pubblicità  ingannevole.

Gli annunci pubblicitari, qualora riportino il TAN (Tasso Annuo Nominale), ovvero il tasso di interesse del finanziamento escluso commissioni e spese, o altre cifre relative al costo del credito, devono:

TRASPARENZA TOTALE

Indicare in maniera chiara e incontrovertibile tasso di interesse su base annua, spese che incidono sul costo totale del credito, importo totale del credito, durata del contratto, importo totale dovuto, ammontare delle singole rate qualora queste non possano essere determinate in anticipo;

TAEG

Dare almeno la stessa evidenza attribuita alle altre informazioni al TAEG (Tasso Effettivo Globale Medio). Quest’ultimo è il tasso in base al quale si calcola la soglia del tasso usurario, proibito dalla legge. Viene pubblicato con cadenza trimestrale e indica il valore medio del tasso effettivamente applicato dal sistema bancario e finanziario a categorie omogenee di operazioni creditizie;

CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO

Fornire un esempio concreto, con finalità illustrative, delle caratteristiche del finanziamento;

SERVIZI ACCESSORI

Indicare l’eventuale obbligo di sottoscrivere contratti per servizi accessori, a meno che i relativi costi non siano già inclusi nel TAEG.

La guida mette inoltre in guardia dalle pubblicità che promuovono “finanziamenti a tasso zero”.  Questi annunci spesso nascondono un trucco: in molti casi il TAN è effettivamente a tasso 0, ma non è così per il TAEG, che tiene conto di tutti i costi associati al finanziamento. In tal caso l’operazione potrebbe non presentare interessi, ma comportare comunque una serie di spese accessorie.

Articoli correlati
Disturbi dell’alimentazione, la guida del ministero per famiglie e operatori sanitari. E arriva il codice lilla
Un Tavolo di lavoro specifico coordinato dal ministero della Salute ha elaborato le “Raccomandazioni per interventi in Pronto Soccorso per un Codice Lilla” e le “Raccomandazioni per i familiari”
Modena, si opera di cataratta a 103 anni
Miglioramento visivo immediato e nessuna complicanza: è questo il risultato dell’intervento di cataratta effettuato dall’equipe di Oculistica del Policlinico di Modena, diretta dal professor Gian Maria Cavallini, su una signora di ben 103 anni. Il professor Gian Maria Cavallini sostiene che«un tempo pazienti di questa età venivano operati più raramente in quanto meno numerosi e arrivavano […]
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
Fallimento Banca Etruria, presentato nuovo esposto. Il Procuratore: “Darà ulteriore forza all’indagine”
Nuovo esposto contro gli ex vertici di Banca Etruria. Le associazioni “Amici di Banca Etruria” e “Vittime del Salva-Banche” hanno evidenziato un «ipotetico dolo nella modalità di emissione di obbligazioni subordinate Banca Etruria del 2013, finalizzato a vendere in maniera capillare tali rischiosi prodotti finanziari ai piccoli risparmiatori». Per il procuratore Rossi questo esposto darà «ulteriore […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila